Noi figli, di genitori malati

In questo spazio è possibile raccontare e pubblicare le storie di coloro che sono riusciti, anche attraverso il dolore e la sofferenza, a sconfiggere la malattia.
Rispondi
Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 2439
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Re: Noi figli, di genitori malati

Messaggio da Franco953 » mer 18 mag 2016, 22:56

Grazie hinagiku delle notizie
Attendiamo aggiornamenti
Ti sono vicino

Franco
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”

Laura85
Membro
Messaggi: 330
Iscritto il: sab 21 lug 2012, 23:57

Re: Noi figli, di genitori malati

Messaggio da Laura85 » ven 20 mag 2016, 21:50

Forza hina!!!
Quando avrete conferma?

Stefania84
Membro
Messaggi: 10
Iscritto il: sab 21 mag 2016, 12:39

Re: Noi figli, di genitori malati

Messaggio da Stefania84 » sab 21 mag 2016, 14:16

Buongiorno, sono Stefania e mi sono appena iscritta a questo forum. Sono 15 mesi che non mi do pace, da quando mio papà è stato operato al pancreas per un tumore. Non vivo più e piango ogni giorno. Vorrei tanto poter fare qualcosa.Dal quel giorno la mia vita è cambiata radicalmente e non posso immaginarla senza di lui. Scusate il mio sfogo

Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 2439
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Re: Noi figli, di genitori malati

Messaggio da Franco953 » sab 21 mag 2016, 20:49

Cara Stefania
non conosco la situazione di tuo padre
Capisco il tuo dolore e voglio dire che ti sono vicino
Certo, il tumore cambia la vita non solo della persona colpita ma anche di tutta la famiglia.
Non avere alcun timore. Il Forum è fatto per sfogarsi. Scrivi pure se ne senti la necessità e noi cercheremo di aiutarti
Stafania oggi papà è ancora con te e forse ci resterà ancora per molto
Ora però non lo sai e allora "Goditi" giorno dopo giorno la sua vicinanza
Fai sentire a papà che gli sei vicino a che gli vuoi bene
Ora non pensare al domani, Nessuno sa cosa accadrà e quindi è inutile preoccuparsi
E forse , chi lo sa. L'Amore, a volte , fa anche dei miracoli

Un abbraccio

Franco
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”

wendy
Membro
Messaggi: 314
Iscritto il: ven 22 apr 2016, 15:42

Re: Noi figli, di genitori malati

Messaggio da wendy » dom 22 mag 2016, 18:20

Stefania...un abbraccio, e mi raccomando si forte e stagli vicino...

Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 2439
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Re: Noi figli, di genitori malati

Messaggio da Franco953 » lun 23 mag 2016, 14:06

Ciao a tutti
ho trovato un elenco di consigli , che si possono condividere o meno, su come supportare un nostro caro malato di tumore
Sono punti sui quali riflettere ma che possono, forse, aiutare che si trova , da un giorno con l'altro, ad affrontare problemi che , soprattutto all'inizio sembrano , insormontabili.
Poi, naturalmente, ognuno di noi è fatto a modo suo, per cui le reazioni sono diverse di fronte a determinate situazioni oppure di fronte a decisioni da prendere in certi frangenti.
Potrebbe anche nascere , un positivo dibattito sui diversi punti , frutto soprattutto dell'esperienza di ciascuno di noi

Franco

Per le persone che convivono con un tumore il sostegno dei familiari e degli amici è un fattore che riveste un’importanza fondamentale nel loro percorso, tuttavia una diagnosi di cancro spesso coglie tutti di sorpresa e modifica i ruoli che siamo abituati ad interpretare.

Quelli di noi che non hanno personalmente lottato contro il cancro, anche se ben intenzionati, non sono in grado di capire completamente ciò che il nostro amato sta attraversando emotivamente e fisicamente; come dobbiamo affrontare questo nuovo territorio? Quali sono i suggerimenti che possono aiutare la persona amata a sostenersi nel loro solitario viaggio?

1. Ascoltate consapevolmente

Ascoltare qualcuno con il cancro può sembrare facile, ma è spesso sorprendentemente difficile. Vogliamo fare le cose al meglio. Vogliamo aggiustare le cose. Ma un orecchio in ascolto è spesso l’aiuto più grande che possiate dargli. Lasciate che il vostro caro esprima i suoi sentimenti, anche se quello che sente è scomodo, duro e per voi inaspettato. Potete essere abbastanza certi che se il vostro amato affronta un argomento difficile, come la morte, ci abbia davvero riflettuto. Consentitegli di avere l’opportunità del conforto della condivisione. Non giudicatelo, non interrompetelo, e ascoltate con gli occhi ed il corpo, non solo con le orecchie.

2. Affrontate in primo luogo le vostre sensazioni

Come badanti ci troviamo di fronte ad una serie di paure ed emozioni difficili. Che cosa accadrà al mio amato? Sentirà dolore? Vivrà? Che cosa succederà a me? Come cambierà la mia vita? Provate ad affrontare di petto vostri timori, in modo da essere davvero in grado di ascoltare attentamente.

3. Dite “ti amo” spesso

Non importa quanto le vostre azioni esprimano il vostro amore, non saranno di certo adatte a sostituire le frasi “ti amo” o “ti voglio bene” . Affermatele. Mostrate loro il vostro apprezzamento anche se vi costa sforzo. Anche se l’unica cosa che potete fare dopo un ciclo di chemioterapia per i vostri cari è spazzolare i loro denti, fate sapere ai vostri amati che sono speciali e valorizzateli.

4. Date una mano

Per i malati di tumore, nonostante il trattamento e gli effetti indesiderati, come la fatica, la vita continua: i conti si accumulano, la polvere va rimossa, … Una semplice offerta come contribuire alla pulizia della casa per un’ora è spesso profondamente apprezzata. Offrite aiuto e fatelo con precisione. “Posso venire Mercoledì alle 14 e aiutarti a pulire un po’ le finestre?” Non aspettate che sia il vostro caro a chiedere aiuto.

5. Andate con loro alle visite

Partecipare alle visite con il vostro amato può esprimere la vostra attenzione in molti modi. Gli ospedali e le cliniche possono essere spaventosi e le sale d’attesa insopportabili. Portate un blocco note. Ponete delle domande. Prendete appunti. Ma assicuratevi di permettere che il vostro caro prenda le proprie decisioni.

6. Aggiungete un tocco di Humor

Lo humor può essere la migliore medicina. Siate sensibili quando il vostro amato sente la necessità di esprimere il dolore, ma siate pronti allo stesso modo a ridere e sorridere con loro .

7. Rispettate il loro bisogno di essere soli

A volte i nostri cari dicono di volere stare soli in modo da non preoccuparci, ma altre volte desiderano veramente stare da soli. Controllate anche gli altri visitatori. Il vostro amato ha la sensazione di doverli intrattenere, ma non vuole offenderli e chiedere loro di andare? Se è così, fate sapere con tatto a queste persone quando il vostro amato sembra stanco e ringraziateli per la visita.

8. Raccogliete informazioni

Avere informazioni sembra facilitare i malati di cancro ad affrontare la malattia. Ricercate informazioni per il vostro caro on-line, rivolgetevi al centro per le informazioni sul cancro, prendete appunti e fate domande ai medici durante gli appuntamenti.

9. Non nascondetegli nulla

I nostri cari hanno bisogno di un’onesta valutazione della loro condizione per prendere le decisioni che meglio si adattano alle loro esigenze – anche se la sincerità è dolorosa. Siate onesti con gli altri membri della famiglia, specialmente con i bambini. Noi vogliamo proteggere i nostri figli dalla realtà di ciò che i loro genitori o nonni possono affrontare, ma spesso sono i bambini a immaginare il peggio. Anche se la prognosi è infausta, condividere le cose con loro onestamente dà loro l’opportunità di iniziare il lutto e di esprimere l’amore.

10. Aiutateli a trovare il sostegno

Non importa quanto qualcuno senza tumore possa essere comprensivo, parlarne con qualcuno che si trova di fronte alle stesse sfide può essere prezioso per chi sta affrontando questa battaglia. Chiedete al centro per il cancro informazioni sui gruppi di sostegno. Molti gruppi di supporto sono disponibili on-line. Se il vostro amato non è interessato ad un gruppo di sostegno, forse il vostro oncologo o il centro per il cancro possono indicarvi una persona affetto dalla stessa malattia disposto a parlare.

11. Siate disposti a piegarvi

I familiari hanno spesso molte opinioni diverse quando una persona amata ha il cancro, sulla base delle proprie esperienze di vita. Spesso si sviluppano attriti, ne può seguire sofferenza e risentimento. Il vostro amato non vuole essere una fonte di conflitto familiare. Provate ad ascoltare anche gli altri punti di vista, non importa quanto dissimili possano sembrare. Tenete presente che tutti voi avete un obiettivo comune; tutti voi volete sostenere il vostro amato.

12. Prendevi cura di voi

Mangiate sano, cercate di dormire abbastanza, e mantenete un certo equilibrio nella vostra vita, che vi aiuterà a fornire il sostegno necessario alle esigenze del vostro amato .
Ultima modifica di Franco953 il lun 23 mag 2016, 19:28, modificato 1 volta in totale.
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”

Stefania84
Membro
Messaggi: 10
Iscritto il: sab 21 mag 2016, 12:39

Re: Noi figli, di genitori malati

Messaggio da Stefania84 » lun 23 mag 2016, 15:28

Grazie mille franco, ci provo tutti i gg, ma immaginare la mia vita senza di lui mi fa impazzire.

Laura85
Membro
Messaggi: 330
Iscritto il: sab 21 lug 2012, 23:57

Re: Noi figli, di genitori malati

Messaggio da Laura85 » lun 23 mag 2016, 22:32

Un abbraccio Stefania!
Spero che questo spazio possa darti un po' di conforto.

@Franco: molto interessante l'articolo che hai pubblicato.
Su alcuni punti mi sento sulla buona strada.. Ma su altri.. Beh ho ancora tanto da fare!
Io tendo ad essere presente con i fatti, ascolto molto.. Ma faccio ancora fatica ad esprimere con le parole il mio amore per papà!

Laura85
Membro
Messaggi: 330
Iscritto il: sab 21 lug 2012, 23:57

Re: Noi figli, di genitori malati

Messaggio da Laura85 » gio 26 mag 2016, 21:26

Ciao a tutti.
Oggi mio papà ha ritirato l'esito del k-ras. È presente una nuova mutazione (c'era mutazione anche dopo l'operazione del 2014).
Purtroppo non ero presente dall'oncologo e non ho ben capito le conseguenze di questa cosa.
Avendo già fatto due trattamenti chemioterapici ed essendoci mutazione.. Significa che in caso di ricomparsa non c'è più terapia?
Voi avete più info in merito?
Grazie!

Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 2439
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Re: Noi figli, di genitori malati

Messaggio da Franco953 » gio 26 mag 2016, 21:52

Ciao Laura
Spero che qualcuno, più esperto di me, ti possa ripsondere
Nel frattempo vedi questo articolo se ti può essere utile
http://www.fondazioneserono.org/oncolog ... test-kras/

https://it.wikipedia.org/wiki/Test_di_KRAS


Un abbraccio

Franco
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”

Rispondi

Torna a “Il cancro e poi... la vita! (Le nostre storie)”