Ciao Dani

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
MaraLi
Membro
Messaggi: 674
Iscritto il: mar 6 ago 2013, 4:30

Messaggio da MaraLi »

Angiame capisco davvero il tuo punto di vista. Anche i miei non avevano rapporti coi parenti, tranne mia nonna e mia zia materna. Anche io sono cresciuta sola, ma anche senza sorelle o fratelli. Un pò ci ho sofferto di questo. A differenza tua mia mamma mi ha riempita di baci, carezze ecc ecc. Quando sono cresciuta, piano piano ho capito i motivi che hanno spinto mia mamma ad isolarsi dalla famiglia di mio papà e nonostante mi dispiacesse per lui e sentissi la mancanza dei parenti, ho accettato la decisione di mia mamma. Con gli anni e con le malattie dei miei, tutta la cattiveria è venuta fuori e l'ho dovuta vivere in prima persona. Il risultato? Che anche io ho deciso di tenerli tutti lontani da casa mia e dalla mia vita. Non solo, io sono molto più tranquilla, nervosa e anche mia figlia ne ha guadagnato. Certo, se volevano vederla non dicevo di no non gli ho permesso di far parte della mia vita. Adesso anche mia figlia non li vuole più vedere... Siamo sole è vero ma meglio sole che a fianco a chi non ti vuole bene davvero e che vive di ipocrisia. Bacioni.

cimetempestose
Membro
Messaggi: 222
Iscritto il: dom 17 feb 2013, 14:00

Messaggio da cimetempestose »

Ho letto cio che avete.scritto per i bimbi io li adoro sono la mia forza ma loro tre no....ogni volta che vengono ridono gioiscono tra loro io non sopporto parlano come se.niente fosse....poi non posso scrivere perche una persona fidata molto vicino a loro mi ha detto che loro copiano e incollano cio che scrivo e finche faro la brava bene cioe li faro venire a casa dai nipoti se non sara cosi saro distrutta e faranno del tutto per togliermi i figli....vi rendete conto?io devo accoglerli con il sortiso sapendo quello che loro stanno macchinando......

ernesto
Membro
Messaggi: 216
Iscritto il: lun 22 apr 2013, 21:53

Messaggio da ernesto »

Ciao Erika e cimetempestose....vorrei trasmettervi la pace e l'importanza che genera il PERDONO un sentimento più forte dell' amore.
Erika tra un anno a casa tua il natale un bicchiere di rosso ed il nonno che racconta di Dani al tuo lollo...perché no???
Bacio

MaraLi
Membro
Messaggi: 674
Iscritto il: mar 6 ago 2013, 4:30

Messaggio da MaraLi »

Cime ti ho scritto un pm. Baci.

GIUSEPPE
Membro
Messaggi: 734
Iscritto il: gio 14 ott 2010, 20:26

Messaggio da GIUSEPPE »

Ernesto, ti porgo un caro abbraccio.

Bravo: il perdono!

In molti post si legge la sofferenza causata dal cancro, il dolore per la perdita di una persona cara e nel contempo seguono la parole di rancore, odio, disprezzo verso parenti, amici...perlopiù dovuti alla mancanza di una buona comunicazione. Perché vivere pieni di sentimenti tossici!

Perdono equivale a vivere bene e a far vivere bene!
Così scrive Piero Ferrucci, in un suo libro,:
"Il perdono è l'atto interiore di fare pace con il passato e chiudere finalmente i conti. Non dico che sia facile e razionale....Certe volte, però, perdonare è impossibile. Ci proviamo, ma non ci riusciamo. L'offesa è troppo grave, il danno troppo grande, e perdonare ci pare impraticabile. Niente paura: è proprio in questa situazione che possiamo davvero capire che cos'è il perdono. Perché è qui che bisogna cambiare il nostro punto di vista, imparare a vedere le cose da un'altra angolazione...".
Vi lascio con le parole di Ferrucci; io del resto sono convinto che praticare il perdono alleggerisce di molto il nostro "fardello quotidiano".

Ciao!

Giuseppe

MaraLi
Membro
Messaggi: 674
Iscritto il: mar 6 ago 2013, 4:30

Messaggio da MaraLi »

Giuseppe le tue sono parole splendide ma purtroppo il perdono lo si può dare quando il dolore causato non è stato devastante o se dalla controparte si evince la consapevolezza di aver causato dolore e di voler rimediare. A tutti noi piacerebbe vivere in pace ma quando le offese si perpetuano senza nessuna coscenza di ciò che si arreca, mi dispiace ma non mi sento martire e non mi sento nemmeno di dire agli altri di perdonare. Ogni situazione è a se e ognuno di noi sa a cosa è possibile soprassedere e a cosa no. Purtroppo parenti non vuol dire automaticamente affetto e amore. A volte ne sono privi e in questi casi il perdono è deleterio per chi lo da. Ti abraccio.

art
Membro
Messaggi: 520
Iscritto il: mer 15 mag 2013, 17:26

Messaggio da art »

Di per se il cancro o altre patologie gravi o gravissime quando colpiscono le persone gli capovolge completamente la propria vita fisica e psicologica e ,purtroppo , a volte gli viene tolta per sempre.....alle persone vicine parenti,marito, moglie, figli o genitori che essi siano anche ad essi cambia totalmente la vita e non solo nel decorso della malattia che ha colpito i propri cari ma la propria vita che nella maggior parte dei casi è la vita dello stesso congiunto.....noi siamo tutti la testimonianza leggendo i i post ed i commenti di questo forum.....se ci sono come base delle problematiche familiari e degli scontri familiari regressi alla malattia ....,come sono spesso le testimonianze su questo forum ,o queste peggiorano oppure comportano degli avvicinamenti presunti tali o veri......ognuno è una storia a se perchè ognuno ha una proria famiglia ed anche storie personali ed intime familiari che spesso (giustamente per la propria vita privata e familiare esulano da questo forum....) .Il cancro è maledetto ,terribile ed è devastante come malattia (per fortuna spesso -ringraziano Dio e ringraziando anche la medicina in alcuni casi- ....... si riesce a superarlo).......fa parte dell'esistenza della nostra vita e quindi anche dei rapporti tra le persone e soprattutto dei rapporti familiari....Ogni storia familiare od ogni storia tra parenti comporta dei fatti privati ed intimi e visto che alcuni sono insormontabili a volte lo stesso cancro , bestia maledetta, non riesce a farli superare .Ognuno ha una storia familiare a se ed ognuno dovrebbe fare un passo indietro e nello stesso tempo tutti dovrebbero trovarsi nel mezzo...penso personalmente che in alcuni casi e dipenda dal caso e dallo scontro familiare , sarebbe meglio incontrarsi ed aiutarsi in altri casi sarebbe opportuno chiudere definitivamente perchè (purtroppo)aggraverebbe la situazione.......il cancro rimane una linea della nostra vita esistenziale .......e soprattutto familiare ......sarebbe giusta la riconciliazione ma spesso ci sono controverse complesse..... Un abbraccio a tutti augurando ove è possibile serenità . Arturo

cimetempestose
Membro
Messaggi: 222
Iscritto il: dom 17 feb 2013, 14:00

Messaggio da cimetempestose »

Il mio amore gia prima del cancro era stato ferito dai suoi genitori con il loro egoismo un giorno le disse io vi perdono ma dio non so se vi perdonera.....poi il cancro ha confermato il loro menefreghismo....un fratello non puo andare a ballare quando il tuo unico fratello sta in punto di morte e fare a me un sms con scritto fammi sapere....un genitore non puo visitare un figlio 1 v a settimana sapendo che ha i giorni contati. ....noooo mai li perdonero mai!!!!io ho visto mio marito piangere per colpa loro. ..che li perdoni dio io non sono dio.......

cimetempestose
Membro
Messaggi: 222
Iscritto il: dom 17 feb 2013, 14:00

Messaggio da cimetempestose »

E adesso da loro vorrei essere lasciata in pace invece no usano i bambini per rompere a me....ma che.gle.ne frega dei nipoti se non gli fregava del figlio???no vengono perche devono vedere impicciarsi....mai una volta dico una volta mi avessero detto ai abbastanza soldi per i bimbi? Mai nulla ma.che.parliamo affare.....si sono appropriati anche del suo oro....ma.lasciamo stare!

angiame
Membro
Messaggi: 2785
Iscritto il: lun 11 giu 2012, 21:21

Messaggio da angiame »

Ernesto... Ti ho pensato così tanto!!

Un bacio!! Grande, grande grande!!
Lilia tu hai ragione... Anche io una volta diventata grande ho capito a grandi linee che non mi interessava avere un rapporto con loro!
Ma per Sara... Un aiuto fa sempre comodo...

Ha due Angeli piccoli... A cui star dietro...

Io non dico di perdonare anzi... Ma di non pensare per lei ma per i suoi bimbi

un giorno capiranno anche loro la decisione di mamma Sara ma per i nipoti nonni e zio ci devono essere!!!
Giuseppe i tuoi interventi sono da luminare...

Hai ragione PERDONARE... Ma se si fa fatica con il perdono allora mettiamola sul piano... TI e VI do un'altra occasione... Ogni volta forse sarà così!! Ma Sara tu ci devi provare!!

E guai a loro se provano a farlo... Dimostra a loro quanto sei mamma e quanto sei forte!

Dai Sara!!!

Non scrivere più di loro qui...

Forza Sara sei stata una donna eccezionale per Sergio ora faglielo vedere a loro cosa sei!!!
FORZAAA SARA!!!!

Ambra

 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Torna a “Raccontiamoci”