Perché un paziente dovrebbe partecipare ad uno studio clinico?

Caro navigatore, per il corretto utilizzo di questo spazio , ti invitiamo a leggere in ogni sua parte il nostro regolamento e ad applicarlo interamente.
Avatar utente
Staff Aimac
Moderatore
Messaggi: 326
Iscritto il: ven 9 apr 2010, 20:02

Messaggio da Staff Aimac » lun 28 ott 2013, 17:11

Perché un paziente dovrebbe partecipare ad uno studio clinico?
Cari amici il 29 novembre si terrà a Verona un convegno sull'importanza della ricerca clinica in Oncologia e Ematologia.
AIMaC e FAVO sono state inviate a partecipare al convegno per portare la voce delle persone malate di cancro che hanno partecipato o parteciperebbero o parteciperanno a trial clinici (studi sperimentali). Raccontateci le vostre esperienze e riflessioni su questo importante tema che può contribuire a cambiare la storia della vita di chi si ammala di tumore. Diteci:“Perché un paziente dovrebbe partecipare ad uno studio clinico?”.
Grazie di cuore per ogni pensiero che vorrete condividere!

Per maggiori informazioni e orientamento gratuito, contatta l'help-line di AIMaC:
- numero verde 840 503579
- numero fisso 06 4825107
- e-mail info@aimac.it
- sito www.aimac.it

ernesto
Membro
Messaggi: 216
Iscritto il: lun 22 apr 2013, 21:53

Messaggio da ernesto » lun 28 ott 2013, 17:40

Perchè quando la medicina ufficiale ammette di non riuscire a curare una persona, la speranza va coltivata in ogni modo anche partecipando ad uno studio clinico. E quando si arriva alla conclusione che non c'è più nulla da fare per se stessi si può sorridere all'idea che forse il proprio vissuto possa aiutare altre persone in futuro.
Non è con gli studi clinici che si scoprono le cure che diventano protocolli ufficiali?

Personalmente la vedo molto simile alla donazione di organi ...
Buon lavoro,

Ernesto


linetta
Membro
Messaggi: 1892
Iscritto il: mar 15 mag 2012, 23:41

Messaggio da linetta » mar 29 ott 2013, 3:00

Per consentire alla ricerca di non fermarsi, per legare la propria storia a quella di altri esseri umani che magari "verranno dopo"..non importa quando.. Magari beneficeranno di migliori conoscenze acquisite durante gli studi clinici..magari avranno una sopravvivenza maggiore ed una migliore qualità della vita..

Solo una buona ed onesta Ricerca può consentire alle persone di vivere malgrado una diagnosi impegnativa..

Non bisogna smettere di crederci...

Linetta


angiame
Membro
Messaggi: 2785
Iscritto il: lun 11 giu 2012, 21:21

Messaggio da angiame » mar 29 ott 2013, 3:12

Caro staff AIMaC,
Perché...
Per la speranza che da... Sia al malato e sia per i suoi familiari!
Per molti sembra poco... Ma per noi che conosciamo il cancro, per noi che sappiamo cosa può fare,

E che abbiamo visto quello che può fare...

Beh la mia mamma ha perso... Ma se serve a trovare una cura... Una salvezza...

Bisogna far parte di uno studio clinico!! Senza se e senza ma...
Il cancro deve diventare curabile... Non più mortale e soprattutto non deve più far paura!!!
Saluti staff AIMaC

GRAZIE di tutto

Ambra


debi
Membro
Messaggi: 362
Iscritto il: gio 29 ago 2013, 3:26

Messaggio da debi » mar 29 ott 2013, 15:08

per sperare di avere ancora una possibilita...

per sperare che in futuro qualche altra persona potra avere maggiori risorse contro questa terribile malattia...per sperare che in futuro il cancro non sia solo curabile ma diventi GUARIBILE!
grazie AIMAC

deborah


Avatar utente
carla.carboni
Membro
Messaggi: 538
Iscritto il: lun 14 nov 2011, 4:21

Messaggio da carla.carboni » mar 29 ott 2013, 16:04

Perché un giorno i nostri figli possano dire: i nostri genitori sono riusciti a sconfiggere il maledetto cancro.

Grazie di tutto AIMAC.

Carla

Carla

paola51
Membro
Messaggi: 514
Iscritto il: gio 6 mag 2010, 15:08

Messaggio da paola51 » mar 29 ott 2013, 16:19

Se i protocolli ufficiali non sono piu' applicabili ben venga il mettersi a dispozione della ricerca. Quella onesta, che rispetta l'uomo e la medicina. E' un regalo di speranza dal valore incalcolabile che si fa agli altri ma anche a noi stessi. Dalla ricerca sono nati i farmaci e le terapie che hanno salvato la vita a milioni di persone.


paola51
Membro
Messaggi: 514
Iscritto il: gio 6 mag 2010, 15:08

Messaggio da paola51 » mar 29 ott 2013, 17:27

dimenticavo! che la sperimentazione, ove accettata, sia accessibile a tutti gratuitamente.


GIORNOPERGIORNO
Membro
Messaggi: 1176
Iscritto il: lun 18 ott 2010, 16:08

Messaggio da GIORNOPERGIORNO » mar 29 ott 2013, 20:26

Perche' anche quando ti dicono che non c'e' piu' niente da fare, qualche cosa, anche se per altri si puo' ancora fare.

Perche' lo dobbiamo a coloro che stanno cercando una cura a questo terribile male e combattono accanto a noi tutti I giorni.

Perche' si puo' uscirne, dobbiamo solo trovare la via


GIUSEPPE
Membro
Messaggi: 734
Iscritto il: gio 14 ott 2010, 20:26

Messaggio da GIUSEPPE » mer 30 ott 2013, 2:34

Buonasera,

sono un lungo vivente al cancro.

Certamente, nell'ipotesi di un'opzione alternativa, seguirei il motto paolino "Contra spem in spem credidi(Contro ogni speranza ho creduto nella speranza): accetterei di partecipare a trial clinici con la speranza di essere curato, di migliorare la conoscenza medica a vantaggio di altri malati nel futuro.

Un caro saluto.

Giuseppe


Rispondi

Torna a “Notizie e comunicazioni dallo staff”