Bonus di anticipo di qualche anno della decorrenze del pensionamento

GG48
Membro
Messaggi: 4
Iscritto il: mar 3 apr 2012, 3:37

Messaggio da GG48 » mar 3 apr 2012, 14:53

Cari amici della comune esperienza di prostatectomia radicale, se lavoratori e vicini all'età pensionabile, desidero condividere con voi il mio recente intervento presso il Premier Monti, la Ministro Fornero, sottosegretari e parlamentari vari (deputati e senatori) affinchè venga riconosciuto un "Bonus di anticipo di qualche anno della decorrenze del pensionamento".

Ho prodotto mail di questo tenore:

"Ill.mo Sig. Vice Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali

ill.mo Sottosegretario di Stato,

nessuno, meglio di Loro, potrebbe conoscere il triste calvario vissuto dai cittadini italiani, ancora lavoratori, quando si trovano colpiti da una delle tante forme di cancro o malattie altrettanto letali.

Pur sapendo di disturbare nelle Loro importanti attività di governo, chiedo alle signorie Vostre di fare presente al nostro Premier Prof. Monti e alla Ministro Prof.ssa Fornero il fatto che per i lavoratori suddetti la vita media residua sarà molto più breve rispetto a quella dell’intera popolazione e che NON SIA STATO EQUO includere anche questi cittadini lavoratori, particolarmente sfortunati, nello stato generale di necessità di ritardare la decorrenza del pensionamento.

Chiedo gentilmente, inoltre, che possano farsi promotori, a favore di questi lavoratori, di una proposta di inserimento di un Bonus di anticipo di qualche anno nella disciplina delle decorrenze del pensionamento di anzianità o di vecchiaia.

Sarebbe, una misura da contemplare anche per una questione di giustizia sociale, per salvaguardare chi, oggettivamente, è costretto ad affrontare grossi problemi di salute, spesso incompatibili con l’attività lavorativa.

Certo della Loro attenzione, sentitamente ringrazio."
Vi chiedo (se condividete il mio l'intento), e lo chiedo anche alla direzione AIMaC, di intervenire anche Voi come ho fatto io, in modo particolare raggiungiungendo anche i segretari delle confederazioni sindacali di cui non ho trovato l'indirizzo mail.

Ci é di conforto il proverbio: l'unione fa la forza.

Buona Pasqua di resurrezione a tutti.

GG48


Bruno56
Membro
Messaggi: 92
Iscritto il: ven 9 set 2011, 4:50

Messaggio da Bruno56 » mar 3 apr 2012, 21:17

Ciao GG48,

mi trovi pienamente di accordo con "l'intento", ma come possiamo sottoscriverlo virtualmente? cosa dobbiamo fare per appoggiarti?
Facci sapere... siamo con te!


argentovivo59
Membro
Messaggi: 36
Iscritto il: gio 15 apr 2010, 13:39

Messaggio da argentovivo59 » mer 4 apr 2012, 11:57

Ciao GG48,

condivido anche io appieno il tuo intento; chiedere a questi lavoratori, gia' duramente

provati dalla malattia sia fisicamente che psicologicamente , di prolungare l'attivita' lavorativa di ulteriori anni ( quali anni ? ) ,e' veramente un'ingiustizia sociale!!

Come possiamo fare per farci promotori di questa "battaglia" ? la condividiamo sui social

network?

Fammi sapere ti appoggio pienamente


GG48
Membro
Messaggi: 4
Iscritto il: mar 3 apr 2012, 3:37

Messaggio da GG48 » mer 11 apr 2012, 3:05

Grazie Bruno56, grazie Argentovivo59, grazie per il vostro apprezzamento per la mia iniziativa solitaria, ma che ben presto potrebbe essere condivisa anche da tanti amici di questo forum.

Ho trovato i contatti (indirizzo mail) nei siti www.camera.it e www.senato.it, cliccando sul nominativo del parlamentare che ho selezionato dall'elenco nominativi offerto dal sito stesso.

Ritengo che l'azione potrebbe essere ancor più incisiva se ciascuno di noi potesse contattare di persona i deputati e senatori, nonché i sindacalisti, della propria città-provincia-regione per presentare di persona non più la mia, ma quella che é oramai la nostra istanza.

E' tempo di semina ... fiduciosi nel risultato che non tarderà.

Ciao a tutti.


tessa
Membro
Messaggi: 44
Iscritto il: lun 10 mag 2010, 16:14

Messaggio da tessa » mer 11 apr 2012, 15:24

Forse non ho capito..oppure o letto male ma..esiste già l'anticipo della pensione.

Nel nostro caso a mio marito (48 anni) a cui mancavano 6 anni di contributi per andare in pensione con 40 anni di servizio è stato suggerito proprio dall' INPS all'ennesima visita di controllo per confermare l'invalidità civile al 100% ed il grave handicap di richiedere la pensione.. E dopo 1 mese gli sono stati riconosciuti 40 anni effettivi..


kamper
Membro
Messaggi: 35
Iscritto il: mar 21 dic 2010, 4:30

Messaggio da kamper » gio 12 apr 2012, 1:32

gg48 sono perfettamente d'accordo con te, mi associo anch'io all'iniziativa.

però sinceramente non saprei a chi mandare la mail, se tu ci comunicassi gli indirizzi ed eventualmente un format poi sarebbe più facile.


Avatar utente
Staff AIMaC
Moderatore
Messaggi: 247
Iscritto il: ven 9 apr 2010, 20:02
Contatta:

Messaggio da Staff AIMaC » gio 12 apr 2012, 19:57

Cari Navigatori,

abbiamo letto i vostri post e condividiamo appieno le vostre preoccupazioni e la necessità di lottare per poter assicurare ai malati una maggiore tutela e di conseguenza una migliore qualità di vita. AIMaC, da sempre, ha un'attenzione particolare per i diritti e le tutele del malato oncologico, portando avanti istanze anche in ambito lavorativo. Anche a seguito di queste, ed altre segnalazioni, speriamo di poter far sentire le nostre voci, anche questa volta.

Per maggiori informazioni e orientamento gratuito, contatta l'help-line di AIMaC:
- numero verde 840 503579
- numero fisso 06 4825107
- e-mail info@aimac.it
- sito www.aimac.it

jo
Membro
Messaggi: 72
Iscritto il: dom 19 feb 2012, 0:00

Messaggio da jo » dom 15 apr 2012, 22:10

Io sottoscrivo la proposta di GG48, anche a me sono stati aumentati altre 2 anni di lavoro ed ora la mia aspettativa di vita e' diminuita (essendo proprio il contrario della presunta giustificazione di questa riforma).

Io propongo di creare una petizione on line in http://www.petizionionline.it/come-creare-una-petizione

e chiedere alla gente di firmarla. Per esempio la lettera di GG48 potrebbe essere parte del testo di questa petizione.

Non so se questo puo' sortire effetto, ma si puo' provare.

Cosa ne pensate?


jo
Membro
Messaggi: 72
Iscritto il: dom 19 feb 2012, 0:00

Messaggio da jo » dom 15 apr 2012, 22:19

Circa il caso di Tessa, credo che soltanto i casi piu' gravi, quelli ai quali viene riconosciuta un'invalidita' del 100% riescono a ricevere l'attenzione dell'INPS.

Comunque mi sorprende davvero che il marito di Tessa pur avendo solo 48 anni di eta' e 34 anni di contributi gli sia stato riconosciuto il diritto alla pensione aticipata.

Io non ho nemmeno provato a chiedere l'invalidita' non avendo, (almeno sulla carta), necessita' di altre cure (radioterapia/chemioterapia) sulle quali basare la mia richiesta.

Perche' a quanto so i percentuali di invalidita' vengono attribuiti in questa maniera:
11%: prognosi favorevole e modesta compromissione funzionale;

70%: prognosi favorevole, ma grave compromissione funzionale;

100%: prognosi infausta o probabilmente sfavorevole, nonostante l'asportazione del tumore.


tessa
Membro
Messaggi: 44
Iscritto il: lun 10 mag 2010, 16:14

Messaggio da tessa » lun 16 apr 2012, 1:51

Jo...non ti sorprendere..è stato in Pensione per cinque mesi.


Rispondi

Torna a “Tutele e diritti dei malati e dei familiari”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite