TUMORE - TERAPIE - ATTIVITA' LAVORATIVA

Rispondi
GIORNOPERGIORNO
Membro
Messaggi: 1155
Iscritto il: lun 18 ott 2010, 16:08

Messaggio da GIORNOPERGIORNO » lun 10 giu 2013, 2:53

Ciao a tutti,

apro questa lista di discussione per chiedere un aiuto prezioso a tutti coloro che stanno affrontando la malattia, le terapie e che continuano a lavorare, o coloro che hanno terminato il loro iter chemio-radio terapico e sono rientrati nel mondo del lavoro.

Mi sono proposta per scrivere un articoletto per il sindacato aziendale sull'argomento e in particolar modo, mi piacerebbe avere dei riscontri sulle difficoltà che vi trovate ad affrontare, nonostante le tutele dettate in normativa (e splendidamente illustrate nel libretto Aimac).

Mi è sembrato importante far emergere questo filone per iniziare a sollevare consapevolezza e sensibilità sull'argomento in modo che possano arrivare delle tematiche su cui lavorare all'interno della commissione.

Credo che ci sia una buona tutela lavorativa dettata dalla legge, ma spesso si creano delle situazioni un po' "figle di nessuno" che meriterebbero approfondimento.

Penso ad esempio a persone dichiarate "guarite" e quindi al di fuori dei permessi legge 104/92, ma che si trascinano effetti come l'astenia per molto tempo ancora e che faticano a ritrovare l'efficenza lavorativa richiesta dal propio ruolo.

Chi può mi aiuti, magari raccontando la propria esperienza ....

Se di poco interesse per altri, o se il moderatore del Forum ritiene l'argomento al di fuori della logica delle discussioni in lista potete inviarmelo in messaggio personale.

Ciao e grazie


GIUSEPPE
Membro
Messaggi: 734
Iscritto il: gio 14 ott 2010, 20:26

Messaggio da GIUSEPPE » gio 13 giu 2013, 3:30

Buonasera Giornopergiorno,

con "PM" alcune notizie.

Ciao!

Giuseppe


GIORNOPERGIORNO
Membro
Messaggi: 1155
Iscritto il: lun 18 ott 2010, 16:08

Messaggio da GIORNOPERGIORNO » gio 13 giu 2013, 3:59

GRAZIE CARO GIUSEPPE LEGGO SUBITO !


 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Tutele e diritti dei malati e dei familiari”