È giunta l'ora per il mio babbo?

Annapì
Membro
Messaggi: 10
Iscritto il: dom 5 apr 2015, 0:19

È giunta l'ora per il mio babbo?

Messaggio da Annapì »

Buonasera tutti,
A dicembre 2014, dopo le classiche diagnosi errate su presunte bronchiti e polmoniti, hanno trovato al mio babbo un tumore al polmone Sx, con versamento pleurico e coinvolgimento di linfonodi. Grazie a Dio, la scintigrafia ci diceva che le ossa non erano intaccate. A gennaio comincia la chemio: dovevano essere 4 sedute per verificare, poi, la sua reazione.
Ne ha fatte solo tre, fino a metà marzo, con molta sofferenza. Quasi in un percorso di trasfigurazione... spesso sono state rimandare le sedute per via del suo stato...
Il primario che lo ha in cura ha deciso di fare analisi dopo il terzo ciclo e ci ha appena comunicato che la chemio non ha sortito nessun effetto, ahimè.

Il tumore è avanzato ed ha intaccato alcuni organi, anche fegato e ossa. Di più non ha potuto dirci poiché atten molti de tutti gli esami per darci un quadro completo.

Ad oggi mio padre è uno straccio, si alza a fatica, mangia pochissimo ed ha dolori. Inizia ad avere un brutto colore in viso, giallognolo.
A lui verrà comunicato qualcosa dai dottori il prossimo lunedì, noi per ora fingiamo che non si sappia nulla e fortezza mente conduciamo una vita chiassosa attorno a lui.

Ho bisogno per favore di un aiuto da voi:
1) mi sapete dire perché non ho mai saputo a che stadio è mio padre? Nessuno me li ha detto Nè è scritto sui referti... È una cosa che non si scrive forse?
2) in tutta onestà, è l'inizio della fine questa?

Non avrei mai pensato di poter arrivare ad augurare la morte al mio babbo... Ma per come ha galoppato veloce questo tumore, mi sento di augurargli che la sofferenza duri davvero poco... Vederlo così per altri, chessó, 6 mesi sarebbe un dolore grande per tutti... anche e soprattutto per lui e per la sua dignità, per l'uomo che è stato.
Il 14 ottobre correva i suoi 10 km quotidiani, ed ora si alza a fatica e mi pare di avergli visto tremare le mani...

Come posso sapere quanto sarà rapido?
Sino freddamente lucida in questo momento è mi spavento da sola... Io che sono sempre stata un fiume in piena...

Grazie a chi mi risponderà con franchezza
AMJANTO
Membro
Messaggi: 317
Iscritto il: gio 8 gen 2015, 22:23

Re: È giunta l'ora per il mio babbo?

Messaggio da AMJANTO »

Mia cara Annapi e mi permetto di dire cosi perche sembri me... magari guardando tra i miei post vedrai il mio percorso. Le domande che ti poni tu sono le stesse che mi pongo io anche se da piu tempo.
Mio padre ha un tumore ai polmoni e tutti i tipi di chemio fatte fino ad ora non hanno fatto effetto. Siamo da luglio senza tirare un sospiro di sollievo, niente nemmeno per un mese. A tuo papà cambieranno chemio sicuramente ed io fossi in te non rifarei l errore di intossivarlo ancora ... prenderei altre strade. Nemmeno io ho mai saputo lo stadio di mio padre ma dopo mi sono resa conto che era l ultimo. Sulla cartella delle chemio c è scritto "carcinoma polmonare squamoso non a piccole cellule (avanzato)"
Poi il resto l ho capito da me. Coinvolgimento ai linfonodi poi le metastasi ossee. Che dirti uno strazio. Oggi anxhe io come te provo a chiedermi quanto manca ed anche se sono "atea" prego che qualcuno metta fine a queste sofferenze.
A parte i dolori mio padre è stato attivo fino a due giorni fa. Adesso si trova sul divano senza mai alzarsi con le flebo e l ossigeno ed il vomito di sangue. Guarda il vuoto non mangia più ed io mi sento tanto impotente. Non volevo spaventarti con ciò che ho scritto ma prepararsi al peggio è sempre meglio.
Se qualcumo m avesse detto che mio padre sarebbe peggiorato cosi in due giorni abrei affrontato tutto diversamente. In bocca al lupo per tuo papà. Ti abbraccio forte
" In piedi o seduto combatto la morte con rispetto ed onore. "
Annapì
Membro
Messaggi: 10
Iscritto il: dom 5 apr 2015, 0:19

Re: È giunta l'ora per il mio babbo?

Messaggio da Annapì »

Grazie Amianto,
La tua è una buona dose di consapevolezza.
Io spero non propongano altre cure, se non quelle palliative del dolore. Un'altro giro di chemio lo farebbe andar via senza nemmeno un meritato piatto di spaghetti da poter quAntomeno assaggiare.

Scusa se mi permetto, ma quindi è da luglio che siete in queste condizioni?
Io spero di cuore che si protragga per molto molto meno...

Un abbraccio
AMJANTO
Membro
Messaggi: 317
Iscritto il: gio 8 gen 2015, 22:23

Re: È giunta l'ora per il mio babbo?

Messaggio da AMJANTO »

A luglio lo abbiamo scoperto. Mio padre fino ad una settimana prima stava benone. Avevamo fatto i lavori in casa e lui era quello piu attivo e forse proprio per i grandi sforzi tra spostare mobili e quant'altro che è venuto fuori tutto. Altrimenti nn l avremmo mai saputo. All inizio ci dissero che era operabile ma in realta c erano gia i linfonodi coinvolti quindi non era possibile. Un prof di brescia consiglio le chemio e poi l operazione fattibile. Mio padre ha fatto il cisplatino. La pet seguente i linfonodi erano ancora li ed anche il tumore al polmone in piu la gastrite.
poi ciclo di carboblatino. Mio padre era uno straccio nal di stomaco vomito non mangiava. Con quella pet ecco le metastasi ossee alle coste. Qualche linfonodo in più e noduli al fegato e surreni.
Si passa all ultima arma il taxotere uno dei piu potenti. Finito due settimane fa per fare la pet mio padre nn si capisce piu. Tra muchi e dolori che gli rendoni la vita impossibile. Mangiava era attivo ancora guardava la tv e faceva anche il baby sitter a mio nipote. Con tanto di cerotti di morfina post radioterapia aumentati a 175 e spruzzi nasali. Qualche toradol e tutto si calmava.
Ancora muchi quindi si opta per le flebo. quattro giorni fa questi muchi iniziano ad avere un aspetto strano e cosa piu fastidiosa il loro non odore. Qualcosa che non ho msi sentito in vita mia. Da li i dottori fanno bombe di flebo e da due giorni mio padre vomita sangue.
ci hanno detto che era bronchite ma mentivano. Stamattina i risultati della nuova pet evidenziano un incremento del tumore dei linfonodi nuove metastasi versamento pleurico insomma mio padre combatte per miracolo ancora.
Ci hanno parlato chiaro... sono sintomi della fine, manca poco.
Non so se ritenermi fortunata ad averlo ancora qua o sperare che il tutto faccia il suo percorso qnt prima. Da stasera mio padre ha messo anche l ossigeno. Ecco questo è piu o meno in resoconto della situazione. Considera che questa pet avrei dovuto inviarla a Milano per cure sperimentali.
" In piedi o seduto combatto la morte con rispetto ed onore. "
maddalena
Membro
Messaggi: 1077
Iscritto il: mer 11 giu 2014, 15:05

Re: È giunta l'ora per il mio babbo?

Messaggio da maddalena »

Amjanto , sforzati per lui ,rendilo il più possibile soddisfatto di chi gli sta vicino. Ah , e ricoverarlo che dici è possibile ? Ma dove è seguito che dici fanno di tutto per lui? E' proprio così che deve finire secondo i medici ? Sono sicuri che non c'è altro da fare. Cara Amjanto ricoveralo e sarà più seguito e con meno sofferenze fisiche secondo me ,a me la sofferenza fisica fa troppa paura. Aiutalo più che puoi ,non è giusto che debba patire le pene dell'inferno. Ciao Amj.ti penso.
Annapì
Membro
Messaggi: 10
Iscritto il: dom 5 apr 2015, 0:19

Re: È giunta l'ora per il mio babbo?

Messaggio da Annapì »

Grazie per l'onestà, ti sono vicina, per quanto posso. Immagino solo quanto sia dura: io sono solo all'inizio

Vorrei chiedervi un consiglio: secondo voi le malattie esantematiche dei nipoti (tipo varicella) possono intaccare mio padre, anche se le ha già fatte? Avendo le difese immunitarie abbassate, non vorrei che una semplice malattia presa sotto gamba possa far peggiorare le sue condizioni...
Grazie
AMJANTO
Membro
Messaggi: 317
Iscritto il: gio 8 gen 2015, 22:23

Re: È giunta l'ora per il mio babbo?

Messaggio da AMJANTO »

Cara Maddalena non credo che lo riporteremo la dove lo hanno non curato. I medici parlano di giorni. Non c'è una parte del corpo a parte il cranio dove non ci sono metastasi. Mio padre vomita sangue nero il che già dice tutto. È allettato non mangia più. Tutto questo in un solo giorno e xn un colpo di bronchite. Che dirti è dura. In ospedale non lo accettano lo abbiamo gia portato la scorsa settimana.
" In piedi o seduto combatto la morte con rispetto ed onore. "
Annapì
Membro
Messaggi: 10
Iscritto il: dom 5 apr 2015, 0:19

Re: È giunta l'ora per il mio babbo?

Messaggio da Annapì »

Buonasera tutti,

Settimana scorsa mio padre riusciva a stare seduto a tavola con noi, con un filo di dolore, ma almeno 20 minuti a tavola è stato con noi, a Pasqua.
Oggi non si alza nemmeno, riesce con fatica ad alzarsi per andare in bagno (sta lottando per mantenere la sua dignità, immagino),
ma non riesce nemmeno a stare seduto, sta solo sdraiato.
I dolori sono aumentati ovunque ed abbiamo aumentato i dosaggi delle pastiglie.
Lunedì dovremo portarlo in ospedale per la "chiacchierata" col dottore... Chiacchierata in cui gli verrà raccontata una mezza verità...
Immagino che i dottori debbano fare comunicazion simili almeno 10 volte a settimana, e sono certa siano competenti... ma vorersti sempre poter "controllare" quel momento, immagino. Vorrei esserci ed invece mio padre ancora vuole andare solo con mamma, per non "pesare" su di noi figli, vuole ancora sentirsi che è un "momento" in cui è debole e che poi passerà. Si troverà un'altra strada, no?

Un declino così repentino mi era diffcile immaginarlo. 2 mesi e mezzo per vederlo sbriciolato.
Ho un caro amico che ha perso il babbo nello stesso modo, 3 mesi fa e, a mia domanda "secondo te cosa devo aspettarmi, quanto tempo potrò ancora averlo", lui mi ha fatto un quadro abbastanza lucido ed oggettivo e mi parla secondo lui di una ventina di giorni...
Secondo voi sarà davvero così? il crollo sarà così repentino?
Sapete dirmi se esistono dei criteri medici secondo i quali si sceglie di lasciare/assistere babbo a casa oppure in ospedale?

le sue gambe sono due stecchini, povero babbo, e la sua pelle è gialla e davvero poco luminosa... Lo vedo spegnersi... Questa bestia lo sta divorando.

Lui non sa tutta la verità, sa solo che la chemio non ha funzionato e che stanno cercando la nuova strada da percorrere...Oggi era ottimista e chiacchierando nel lettone mi diceva "se la svango via, poi ti aiuterò con quella faccenda..:"


cara amianto, ti sono vicina nel tuo ottimismo e determnazione, sono certa che tuo padre sente la fortuna dell'avere accanto il tuo amore.

buona serata
AMJANTO
Membro
Messaggi: 317
Iscritto il: gio 8 gen 2015, 22:23

Re: È giunta l'ora per il mio babbo?

Messaggio da AMJANTO »

Annapi io non ho parole. Quello che leggo mi lascia sempre a bocca aperta anche se lo vivo sualla mia pelle e ci credo. I medici mi parlarono di giorni domenixa scorsa a quest ora casa mia era un via vai di gente e si piangeva disperatamente. Sono trascorsi sette giorni. Mio padre certo nn sta bene ma è ancora qua. Ha ripreso a mangiare anche se i reni stanno cedendo. Spero che per il tuo babbo la situazione sia lievemente migliorata. Io sono atea ma voglio credere nei miracoli per mio padre che è tanto cattolico.
la morfina inizia a dargli le allucinazioni anche se ci riconosce e ragiona ma quando ha chiesto a mia madre cosa dobbiamo fare con l azienda di famiglia ci sono rimasta male.... noi non abbiamo un azienda. Questa è la situazione. Oggi mi ha detto "Amj fammi respirare per favore" io ho potuto solo attaccargli l ossigeno.
se avessi potuto mi sarei staccata un polmone per darglielo ma purtoppo nn è possibile. Mi sento cosi impotente
" In piedi o seduto combatto la morte con rispetto ed onore. "
Annapì
Membro
Messaggi: 10
Iscritto il: dom 5 apr 2015, 0:19

Re: È giunta l'ora per il mio babbo?

Messaggio da Annapì »

Ciao Amianto,
ti capisco, ti sono vicina, am spero che non mi capiti la stessa cosa, col tutto il cuore.
Spero che non ci siano impennate in su e cadute in giù: non potrei reggere ancora a lungo delle lievi riprese...
Sai cosa intendo, vero?
Mia madre è distrutta e avrei bisogno di aiutarla enon so come fare.
Domani mi ha confessato, povera donna, che spera che lo ricoverino per fare qualche flebo quanto meno, affinchè lo "tirino" un po' su...
magari con una flebo lui potrebbe crede che lo stanno ancora trattando, no?
Sarà dura continuare a fingere, lui è lucido e sta capendo tutto...
Ci guarda con gli occhi lucidi ed oggi mi ha dato una stretta alla mano che è valsa più di mille parole.
Vorrei fargli credere che non è finita, che deve avere speranza... ma forse i nostri volti (nonostante si continui a far finta di sorridere e scherzare) ed il suo corpo che cede gli stanno parlando più di mille cartelle cliniche.
Che Dio lo faccia soffrire poco e ci dia la speranza...

Torna a “Tumore al polmone”