Ho bisogno del vostro aiuto

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
Renata75
Membro
Messaggi: 95
Iscritto il: mer 27 nov 2013, 21:37

Messaggio da Renata75 »

Salve a tutti amici cari. Non so più cosa fare....ho bisogno di voi, dei vostri consigli, della vostra esperienza, della vostra sensibilità....io sto andando sempre più a fondo, sto seguendo una psicoterapia e sto assumendo psicofarmaci perchè sento di non potercela fare da sola. Mamma sta peggiorando, non le sue condizioni fisiche (a parte che dimagrisce molto e il problema di diplopia agli occhi), ma dal punto di vista psicologico....non è più lei, fa cosa strane, fa pensieri assurdi (lei non conosce la sua reale condizione), non ascolta i nostri consigli, passa le giornate a fare avanti e indietro per la casa, ogni tanto fa qualcosina (tipo passa l'aspirapolvere), è insensibile alle nostre 'coccole', si preoccupa per ogni piccola cosa (tipo il fatto che ha sempre i piedi freddi) ed è diventato difficilissimo starle vicino. Non può stare da sola, ma starle vicino è angosciante, mmi sento impotente.....

Ho un'angoscia costante dalla mattina alla sera....allora ho deciso che devo fare qualcosa per me! Per non andre a fondo e non portare con me chi mi circonda (soprattutto mio padre). Ho pensato questo:

- la situazione di mamma è grave e prima o poi mi lascerà...questo è un dato di fatto e devo accettarlo...ma come si fa?

- io per lei non posso fare nulla, nel senso che non posso guarirla, posso solo starle vicina e sperare di darle un pò di sollievo (perchè apparentemente non sembra riuscire a sollevarla)....e devo accettare anche questo...

- devo 'difendere' me stessa, ovvero capire che se mi concedo un momento di 'serenità' con mio figlio e mio marito, che vuol dire semplicemente passare la serata a casa nostra come facevamo prima, e gioco con mio figlio non sto facendo un torto a mamma, non devo sentirmi in colpa.....e questa cosa non riesco a farla. Mi sembra di dover star male per forza, di non potermi concedere neanche 5 minuti senza pensare al dolore e alla situazione di mamma, di non poter 'scappare' da questo dolore....

Come si fa? Come proteggo me stessa per non andare sempre più a fondo? Vi prego aiutatemi....

Vi abbraccio forte forte e vi ringrazio

Renata75
Membro
Messaggi: 95
Iscritto il: mer 27 nov 2013, 21:37

Messaggio da Renata75 »

Grazie Hina. Devo dire che la mia psicoterapeuta è molto brava, sono io che devo impegnarmi di più e superare tanti blocchi psicologici che non mi fanno restare tanto bene a galla. I sensi di colpa....quelli mi uccidono....la non capacità di distrarmi e di concedermi del tempo mio.....la non 'volontà' di distrarmi dal dolore....è questo che non riesco a superare....

Ci sto lavorando, ci vuole tempo, ma sento che devo farcela per forza, per me, per mamma, per papà e per il mio bimbo....

Erika76
Membro
Messaggi: 1209
Iscritto il: mar 9 lug 2013, 23:45

Messaggio da Erika76 »

Ciao Renata,

le tue sensazioni e le tue domande credi accomunino molti di noi. Credo che in ciascuna delle tue domande ci sia già una risposta.

Sì... probabilmente perderai tua madre, accettarlo fino a quando materialmente non accadrà è psicologicamente impossibile (te lo dico io che non potevo crederci nemmeno quando la dottoressa a ha scritto data e ora di decesso di mio marito). Quindi per il momento puoi tentare, nella misura delle tue umanissime capacità di starle vicino e per farlo, ti serve energia e coraggio e dove li prendi? In famiglia. Stare con tuo marito e giocare con tuo figlio significa attingere energia e serenità da utilizzare per stare vicino alla tua mamma. Facendolo quindi non togli nulla a lei, anzi semmai è un gesto d'amore in più che fai per lei.

Quando Dani stava male, io tentavo di trovare energia fresca per lui in Lollo (5 anni) e al lavoro....

Ti sono vicina

Erika

Renata75
Membro
Messaggi: 95
Iscritto il: mer 27 nov 2013, 21:37

Messaggio da Renata75 »

Erika cara, sei davvero una grande persona, di una sensibilità unica e di una forza da prendere ad esempio. Ti leggo sempre con molto piacere perchè sai sempre trovare le parole giuste per testimoniare, per consolare, per dare forza....Ti ringrazio per le tue parole....hai ragione a dire che devo 'ricaricarmi' per poter stare vicino a mamma nel modo migliore, razionalmente lo so, sono i sensi di colpa a fregarmi.....devo superare questi...la psicoterapia la sto facendo apposta.

Un grande abbraccio a te e al tuo Lollo.

Ti stimo molto

 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Torna a “Raccontiamoci”