ho bisogno tanto del vostro aiuto vi prego

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
MC79
Membro
Messaggi: 3
Iscritto il: dom 19 apr 2015, 17:01

ho bisogno tanto del vostro aiuto vi prego

Messaggio da MC79 »

buongiorno vi scrivo per mio papà che ha 69 anni, purtroppo dopo una TAC oggi ci hanno dato la triste notizia che ha un tumore al fegato con trombosi ed è per quello che non possono fare un trapianto. Li hanno proposto di fare una chemioembolizzazione a Ginevra con un farmaco che arriva dal Canada, ma sono troppo a pezzi e sconvolta, purtroppo nessuno fino alla prossima visita ci potra dare altre info, qualcuno puo aiutarmi?ho chiamato il medico curante stamattina purtroppo dice che il tumore è molto grande ed è stato scoperto tardi e quindi non sanno come sta progredendo, l'unica speranza è la chemioembolizzazione e bisognera vedere come reagira, sto crollando quallcuno puo dirmi qualcosa in piu
moni1
Membro
Messaggi: 1316
Iscritto il: mar 25 nov 2014, 10:55

Re: ho bisogno tanto del vostro aiuto vi prego

Messaggio da moni1 »

non posso aiutarti perché non esperienza diretta sul fegato, ma solo dirti FORZA!!!
paola51
Membro
Messaggi: 514
Iscritto il: gio 6 mag 2010, 15:08

Re: ho bisogno tanto del vostro aiuto vi prego

Messaggio da paola51 »

per MC79
L’help-line è uno spazio di ascolto, di accoglienza, in grado di fornire alla persona risposte mirate e personalizzate. Un’equipe di operatori volontari, appositamente formati, coadiuvati da un avvocato, un assistente sociale, un oncologo clinico e uno psicologo/psicoterapeuta, fornisce informazioni sulla malattia, i trattamenti e i loro effetti collaterali, l’accesso ai benefici previsti dalle leggi in ambito lavorativo, previdenziale e assistenziale, indicando, inoltre, i servizi socio/sanitari, le strutture oncologiche e le associazioni di volontariato cui rivolgersi.

Questo lavoro di accoglienza globale della persona e di analisi della domanda secondo un paradigma bio-psico-sociale prevede un lavoro d’equipe da parte delle varie figure occupate presso l’help-line.

Il servizio di help-line è attivo dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 19:00

Numero verde 840 503579
Telefono fisso 06 4825107
Fax 06 42011216
Indirizzo di posta elettronica info@aimac.it

prova a chiedere qui, sono bravissimi!
AMJANTO
Membro
Messaggi: 317
Iscritto il: gio 8 gen 2015, 22:23

Re: ho bisogno tanto del vostro aiuto vi prego

Messaggio da AMJANTO »

Certo tanto ti diranno "fai la figlia e smetti di cercare la cura per tuo padre che non c'è "
Non mi sono mai sentita presa in giro così da un medico. Altro che help Line. Mio padre adesso è volato via e vorrei dire due parole a quella dottoressa : Mia cara non so che razza di figlia sia stata lei ma io ho accudito mio padre fino al suo ultimo respiro.
L ho portato a Milano a Brescia ho contattato Siena per una sperimentale e sarei andata anche giu dal diavolo per avere una soluzione peccato che poi il tempo sia scaduto e il mio babbo è dovuto andare via. Fiero di sua figlia che ha smosso mare e monti. Prima di essere figli dobbiamo essere umani... con tutti i soldi che prende facendo il medico compri un po di umanità le servirà quando si RITROVERÀ davanti un altra venticinquenne che cerca un aiuto per suo padre".
MC79 non fermarti mai. Sii forte sempre. Un abbraccio
" In piedi o seduto combatto la morte con rispetto ed onore. "
MC79
Membro
Messaggi: 3
Iscritto il: dom 19 apr 2015, 17:01

Re: ho bisogno tanto del vostro aiuto vi prego

Messaggio da MC79 »

farei di tutto, darei 20 anni della mia vita per regalarli a mio padre ma purtroppo non posso e mi fa male vedere il dolore che prova, farò di tutto per lui, fino all'ultimo respiro
KATYFRANCY
Membro
Messaggi: 3
Iscritto il: mer 29 ott 2014, 11:23

Re: ho bisogno tanto del vostro aiuto vi prego

Messaggio da KATYFRANCY »

Fatti forza !! Non sei sola !!!
So cosa vuol dire veder soffrire il proprio padre ......
Mio padre non c'e ' l'ha fatta ma di una cosa aveva ragione bisogna provare a vivere al meglio sino all'ultimo e forse la normalita' ,la quotidianita' sono l'unica medicina ..... lui non voleva che lo trattassi come un malato.
Un abbraccio forte
 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Torna a “Raccontiamoci”