Imbottito di Morfina

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
Erika76
Membro
Messaggi: 1209
Iscritto il: mar 9 lug 2013, 23:45

Re: Imbottito di Morfina

Messaggio da Erika76 »

Raf, Gio, sono vicina a ciascuno di voi. Perdere il compagno o la compagna della propria vita è una delle prove più difficile che la vita possa metterci di fronte. Ciascuno di noi elabora il tutto a modo suo. Quello che posso dirvi, a distanza di 10 mesi è che il tempo sfuma il dolore, rendendolo tollerabile. Il senso di vuoto si trasforma in una malinconia che a tratti quasi diventa dolce, a tratti dolorosa. Non saremo mai più quelli di prima e forse non vorremmo nemmeno esserli. La consapevolezza di essere stati così tragicamente colpiti, la forza di cui ciascuno di noi ha dato prova combattendo con la stessa dignità con la quale si sono battuti i nostri amori, fanno di noi persone diverse, consapevoli, attente e forse più sensibili al dolore altrui di quanto mai saremmo stati. Tutte queste sensazioni che inizialmente sono un turbinio di emozioni che sembrano poterci seppellire, man mano si chiariscono, si slegano da quel groviglio che erano prima e lasciano spazio a pensieri dolci, e una serenità, fragile sì, ma pur sempre serenità di chi ha fatto tutto ciò che poteva, di chi c'è stato e credetemi, chi ha amato stando vicino a chi vedeva innanzi a sé una porta spalancata sulla morte, ha dato una prova d'amore immensa e ha permesso loro di affrontare un percorso così dolore mano nella mano circondati d'amore.
Dr Stefano F
Nuovo membro
Messaggi: 1
Iscritto il: gio 23 ago 2018, 21:10

Re: Imbottito di Morfina

Messaggio da Dr Stefano F »

Buona sera, intanto ci sono diverse cose da valutare:
L età, Se suo padre è un malato oncologico/terminale oppure altri problemi es interventi invasivi.
Dipende il dosaggio di morfina che viene usato : 10mg 30 mg 50mg e via dicendo.
L effetto che fa la morfina e quello di togliere il dolore. Viene usata solitamente per i malati terminali. Sotto effetto di morfina, se la dose è alta oppure anche media suo padre non mangerà ne bevrà perché non è un grado di deglutire visto che ha la pompa 24h/24h. Detto questo se suo padre ha una neoplasia ovvero un tumore inoperabile è considerato un malato terminale. Solitamente quando si prescrive la morfina a questi pazienti possono durare mesi o giorni. È difficile dirlo con certezza. Inoltre la morfina provoca vomito e incoscienza quindi tuo padre non parlano parla a stento perché prescrivendo sempre più morfina arriverà al coma e poi morirà. È difficile da accettare ma è così. Il mio consiglio è quello di cambiare ospedale e di farlo ricoverare in un reparto di oncologia/medicina. Se non fosse possibile inserirlo privatamente in un ricovero. Distinti saluti. DR Stefano F
bulmachan
Nuovo membro
Messaggi: 1
Iscritto il: dom 18 ago 2019, 22:26

Re: Imbottito di Morfina

Messaggio da bulmachan »

Salve, so che è un vecchio post, ma mi sono appena iscritta, mia madre sta affrontando i suoi ultimi giorni. Non capisco perché in tanti messaggi che ho letto, vi è tanta reticenza ad affidarsi all'hospice. La situazione dopo due anni di malattia (recidive ricomparse a distanza di 7 anni) è precipitata (dolori fortissimi e allucinazioni) in una settimana seguiti a casa, ma appena ci è stato proposto l'hospice è stata la soluzione migliore. Non capisco come avremmo potuto affrontare la pompetta di morfina a casa e gestire dignitosamente questi giorni.
Mimetta
Membro
Messaggi: 170
Iscritto il: lun 15 lug 2019, 1:17

Re: Imbottito di Morfina

Messaggio da Mimetta »

la reticenza all' hospice è legata a tanti motivi, differenti per ognuno di noi. a volte è il malato stesso che chiede di poter morire a casa, perché si ritiene sia una morte più dignitosa e meno impersonale. mio marito mi aveva chiesto, in tempi non sospetti, di poter morire a casa e di non portarlo all' hospice, dove era morto suo padre anni prima. lo aveva visto come poco rispettoso nei confronti del vecchio genitore che invece voleva stare a casa sua piuttosto che fare il pacco da una struttura ospedaliera ad un pronto soccorso, etc etc. morire a casa viene ritenuto possibile sopratutto in questi anni in cui ci sono aiuti a casa tramite il CAD.
poi dipende da quanto tempo il malato sia malato e da quanto siano sfiancati e distrutti i familiari, che alla fine vedono nell' hospice un aiuto reale alle loro stesse pene cui non sanno più come fare fronte.
inoltre hospice=15 gg, un mese di vita al massimo, e quindi si cerca di ignorare che la fine sia così vicina....

nel mio caso, nel nostro caso, mi aveva fatto promettere di non portarlo all'hospice; ma un anno dopo, quando l'ospedale mi aveva definitivamente detto che non c'era più nulla da fare, ormai, non me lo hanno fatto portare a casa, nonostante io avessi firmato da tempo, perchè l'assistenza domiciliare non era ancora pronta, e lui non avrebbe avuto molto da attendere. una mattina mi hanno detto che era pronto un posto all'hospice, che non avevo richiesto. ho capito che la sua fine era veramente vicina. signora, non lo faccia morire in ospedale, all'hospice sono attrezzati. ma lo sederanno all'hospice? signora, se ne sta andando da solo, non ce ne sarà bisogno. hanno chiamato l'ambulanza, gli hanno fatto una morfina, ed appena giunto all'hospice gliene hanno fatto un'altra. poi ci hanno chiamato e ci hanno detto di prepararci, che era veramente giunta la fine.
all'hospice c'è stato per mezza giornata, il tempo di riempirlo di morfina, una in vena ed una sotto cute. nel giro di un'ora ha smesso di rantolare, ha rallentato il respiro, le unghie gli sono diventate blu, e se ne è andato... ed ho potuto piangere.

mi sono sentita in colpa per non averlo fatto morire a casa, ma alla fine è andata bene così. faceva troppo caldo a luglio, non avrei potuto tenerlo a casa in modo dignitoso. però ho avuto immediatamente l'aiuto delle pompe funebri per tutte le pratiche del caso, gli ho potuto far avere la camera ardente per un giorno intero in cui tutti i suoi amici e parenti sono venuti a trovarlo per un ultimo saluto, e gli ho fatto un bel funerale in pieno centro città, una chiesa piena di gente in lacrime vere, addolorata da tanta perdita...ne parlo come se fosse un film, invece è la nostra storia, l'epilogo della nostra storia.

quindi il problema non è l'hospice, o la morfina, o l'ospedale che giustamente cerca di curare chi una speranza ce l'ha ancora. il problema è che per alcuni tipi di malattia, il tuo destino è tristemente e dolorosamente segnato.
Soledo
Membro
Messaggi: 13
Iscritto il: mar 15 mag 2018, 22:03

Re: Imbottito di Morfina

Messaggio da Soledo »

Dalla nostra esperienza personale, posso solo che parlarne bene dell'hospice. I miei genitori si erano attivato per portare a casa mio fratello, ma da un giorno all'altro la situazione è precipitata...ha smesso di nutrirsi e di bere, oltre che di parlare, e nessuno di noi se la sentiva di gestire una situazione di questo tipo a casa.
Per tutti noi è stata come una seconda famiglia, ci siamo sempre dati il cambio sul posto per non lasciarlo mai solo e nonostante gli garantissero un controllo continuo, ma è il lato umano che ha davvero fatto la differenza: abbiamo trovato persone con cui sfogarsi, dalle quali abbiamo ricevuto continuamente attenzioni, mio fratello si è "gustato" massaggi e musica rilassante da un oss che si diletta a con campana tibetana ed armonium.
Dopo una settimana dalla dipartita di mio fratello, siamo tornati all'hospice con un pensierino ed una lettera, per ringraziare ogni singola persona che, tra quelle 4 mura, abbiamo incontrato nel nostro cammino. I miei genitori, non più giovanissimi, sono così riusciti a "godere" di ogni attimo passato accanto a mio fratello, senza l'ansia di dover pensare o gestire le situazioni di emergenza.
Elena63
Nuovo membro
Messaggi: 1
Iscritto il: mar 20 ago 2019, 23:29

Re: Imbottito di Morfina

Messaggio da Elena63 »

Buonasera a tutti, io sono al secondo giorno di hospice con mia mamma, tumore al polmone con metastasi, diabetica che ha avuto infarto l'anno scorso e in quella sede si è scoperto tumore ma non si è potuto intervenire con altre cure per.vari altri motivi.
Ieri alle 16.00 iniziato 20 mg di morfina e 4 mg di serenase ..... dopo mezz'ora è entrata subito in un altra dimensione dorme sempre non parla più massimo mangiare è stata una mousse di frutta e basta. Ci riconosce, quando riesci a svegliarla ma non parla più. Questo pomeriggio ha iniziato con degli spasmi muscolari, ma non continui e mi hanno detto che domani riferiscono al medico.
In tutti i casi questa notte mi sono fermata all'hospice per paura che succeda qualche.cosa.
È tutto così irreale
michelajudy
Membro
Messaggi: 93
Iscritto il: mar 6 dic 2016, 11:05

Re: Imbottito di Morfina

Messaggio da michelajudy »

ciao mi spiace molto Elena, come sta tua madre ora? io mio padre l'ho tenuto a casa non ho voluto portarlo in ospedale, se ne è andato fra le cose della sua vita circondato dalla sua casa. è stato difficile, flebo, pannoloni, ossigeno e medicine e punture in casa ma ce l'abbiamo fatta e lui è rimasto nella sua casa fino alla fine. un abbraccio cara forte forte anche se non ti conosco

Torna a “Raccontiamoci”