ma in presenza del proprio caro è giusto sempre fingere ottimismo?

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
Raf50
Membro
Messaggi: 115
Iscritto il: dom 4 mag 2014, 9:52

Re:

Messaggio da Raf50 »

Simonetta64 ha scritto:......sai la sera quando mia figlia è impegnata al pc, io mi metto in camera e vado a rivedere le sue foto, tutte le sue cose e piango di nascosto.......e la frase "perché mi hai lasciata da sola", si ripete ogni volta, ogni sera e sarà sempre così...............
Noi non abbiamo avuto figli e ora in casa ci sono solo io, per cui quello che la sera si mette davanti al pc sono io. E forse è meglio così. Perchè già soffro abbastanza ogni volta che apro la porta di casa, per cui, per come sono fatto io, se dovessi anche trascorrere le serate a guardare le nostre foto forse oggi non sarei neppure qui a scrivere su questo forum, l'avrei già raggiunta, volontariamente.
Le uniche foto di lei che guardo sono quelle che ho lasciato in giro per casa, quelle in abito da sposa e le ultime scattate ad agosto del 2013. Non ho ancora trovato il coraggio di andarmi a riguardare tutte le nostre innumerevoli foto dei momenti felici trascorsi insieme.
Ogni sera prego davanti alle sue foto in camera da letto, raggruppate su quel tavolino 'fuori ordinanza' che lei tanto fortemente aveva voluto quando abbiamo arredato la nostra casa e illuminate da una lampada votiva, poi mi ritiro nella stanza del pc e cerco di uccidere di uccidere i ricordi vagabondando sulla rete. Altre suo foto sono sparse in cucina e in salotto, e a volte le (anzi 'la') saluto quando esco da casa o vi faccio ritorno.
'Quella' domanda cerco di non pormela mai, anche perchè in realtà non c'è una risposta, anzi il più delle volte formulo quella frase come affermazione, perchè ancora faccio fatica a realizzare che ora la mia condizione è quella di vedovo. E' quasi come se io vivessi ancora in un limbo nel quale lei è un'assenza solo temporanea, e ogni tanto devo fare lo sforzo di convincermi che, invece, non tornerà mai più. Fa male, fa molto male, ma è purtroppo questa l'amara verità.
Simonetta64
Membro
Messaggi: 193
Iscritto il: mer 5 nov 2014, 10:45

Messaggio da Simonetta64 »

Caro Raf, come ti ho già detto abbiamo molte cose in comune,delle volte quando leggo le tue parole mi sembra di rivedere un film già visto, le stesse immagini.....anche io quando esco di casa e quando vi faccio ritorno lo saluto, gli mando un bacio, magari gli racconto quello che mi è successo durante la giornata.....anche io ho sparso le sue foto in ogni parte della casa.....forse per sentire meno la sua mancanza, forse perché come te nemmeno io ho ancora realizzato che è questa la realtà e spero sempre che prima o poi lui torni da me e tutto questo è solo una parentesi, un tremendo incubo.........ma purtroppo ogni mattina mi sveglio e mi rendo conto che tutto questo non è affatto un incubo ed ogni mattina la stessa tristezza, che mi accompagna tutto il giorno, la fatica di alzarsi e ricominciare un'altra giornata vuota, senza senso.....un'altra giornata senza di lui......
sai, mentre leggevo le tue parole ti immaginavo da solo al pc.......non immagini come ti capisco....quando vuoi e se ti va di parlare sono qui con tanto piacere......un abbraccio Raf
Simonetta64
Membro
Messaggi: 193
Iscritto il: mer 5 nov 2014, 10:45

Re: ma in presenza del proprio caro è giusto sempre fingere

Messaggio da Simonetta64 »

Si Raf, quanti progetti per un futuro insieme, l'invecchiare insieme, riuscire a fare le cose che fino ad ora non potevamo fare perché il lavoro, gli impegni ce lo impedivano..l'idea di poter essere, fra qualche anno, come quelle persone anziane che vediamo passeggiare mano nella mano e sono così dolci..
Invece a noi no, non è una stato concesso, ci è stato strappato una parte di noi e siamo stati destinati a non vedere invecchiare la persona che avevamo scelto per la vita!!!
Raf50
Membro
Messaggi: 115
Iscritto il: dom 4 mag 2014, 9:52

Re: ma in presenza del proprio caro è giusto sempre fingere

Messaggio da Raf50 »

Ah sapessi, allora, quanto è stata ancora più ironica, per non dire sadica, la vita con noi, sotto questo aspetto......
Sono libero professionista, ma esercitando in un piccolo paese di provincia con poche anime, gli affari hanno i loro alti e bassi. Negli anni fra il 2006 e il 2013 i bassi avevano preso il sopravvento sugli alti, tanto che quando lei si è ammalata, alla fine del 2009, persino la pensione concessale dall'INPS per la sua malattia ci è stata di giovamento. A fine 2012 mi è capitata fra le mani una grossa pratica, con buone prospettive di guadagno. Nel giro di un anno l'ho conclusa, e a fine gennaio di quest'anno ho incassato. E' stata una grossa boccata d'ossigeno, e la prima cosa che ho pensato è stata che quest'anno avremmo finalmente potuto concederci nuovamente una bella vacanza come si deve, cosa che non avevamo potuto più fare dal 2008. Sarebbe stata una cosa importante anche perchè dovevamo recuperare qualche aspetto del nostro rapporto che col tempo si era un po' .....diciamo 'perso per strada'.
Non è passata neppure una settimana da quando la somma mi era stata accreditata che lei ha cominciato ad avere i primi dolori.....che altro vuoi che ti dica......alla fine altro che vacanza.....quei soldi li ho dovuti usare per pagare il suo funerale e il suo posto al cimitero......
Ultima modifica di Raf50 il ven 12 dic 2014, 0:19, modificato 2 volte in totale.
Simonetta64
Membro
Messaggi: 193
Iscritto il: mer 5 nov 2014, 10:45

Re: ma in presenza del proprio caro è giusto sempre fingere

Messaggio da Simonetta64 »

Che tristezza...hai ragione, sembra proprio che il destino si diverta..,mio marito aveva appena ottenuto la tanto attesa pensione, non certo quella effettiva, ma la pensione di invalidità e purtroppo non è riuscito nemmeno a vederla lui mi ha lasciato il 12 luglio e il primo accredito sarebbe stato ad agosto...quante cose voleva fare con quella pensione, ha lavorato una vita per non godersi niente...la vita è davvero ingiusta...
Simonetta64
Membro
Messaggi: 193
Iscritto il: mer 5 nov 2014, 10:45

Re: ma in presenza del proprio caro è giusto sempre fingere

Messaggio da Simonetta64 »

Ciao Raf, oggi non ti ho letto e volevo solo sapere come stai, ieri ti ho sentito un po giù e mi dispiace, lo so che stai male e sei triste, ti capisco, ma magari sfogartì ti fa sentire meno solo.. Lo so ognuno ha il suo modo ed i suoi tempi per reagire per metabolizzare il dolore...ma in compagnia credo che sia meno doloroso e condividerlo aiuta ad andare avanti e affrontare le giornate...
Un abbraccio
Raf50
Membro
Messaggi: 115
Iscritto il: dom 4 mag 2014, 9:52

Re: ma in presenza del proprio caro è giusto sempre fingere

Messaggio da Raf50 »

Non scrivo tutti i giorni per abitudine anche se leggo sempre, e grazie al Cielo in questo periodo il lavoro mi sta tenendo abbastanza occupato......mi spendo per risolvere i problemi altrui e questo mi aiuta a non pensare ai miei. Stasera, poi, sono stato contattato al telefono da una persona che mi sta mettendo in una situazione alquanto imbarazzante (che ora non sto qui a spiegare), e dalla quale, tuttavia, non posso tirarmi fuori. Mi ha tenuto al telefono per due ore per cui quando ho finito, per non pensare troppo, sono passato dal bar di mio cognato (che chiude sempre tardi) e mi sono fatto due bicchierini in compagnia. Non sono alcoolizzato, per carità di Dio, nè intendo diventarlo, questa cosa non la faccio abitualmente ma qualche volta davvero aiuta a liberare la mente.
Ormai quella di pregare ogni sera davanti alle foto di mia moglie, nel buio della nostra camera da letto rischiarato soltanto dalla luce della lampada votiva, è diventata un'abitudine che in qualche modo mi fa sentire più vicino al mondo in cui lei ora si trova, ed il modo che più di ogni altro mi fa sentire di poter comunicare con lei. Recito le stesse preghiere che abbiamo recitato insieme poche ore prima che lei mi lasciasse per sempre, ed anche questo me la fa sentire più vicina.
paola51
Membro
Messaggi: 514
Iscritto il: gio 6 mag 2010, 15:08

Re: ma in presenza del proprio caro è giusto sempre fingere

Messaggio da paola51 »

@Valerino: " quando arriverà, speriamo di no visto come mi stà andando, il momento che dovranno dirmi che non ci sarà più niente da fare ... vorrò saperlo, e soprattutto, vorrò che finisca prima possibile." Io non sono malata e parlo per me, esclusivamente per me. La penso come Valerino: vorrei sapere tutto e che finisca prima possibile. A parte ogni altra considerazione, se so con quasi matematica certezza che mi restano tot giorni, posso sistemare tante cose. La vita e' come un armadio, negli anni ci si butta dentro di tutto. Ma arriva il momento di fare una bella pulizia e tanto ordine. Non sarei capace di deciderlo per nessun altro essere vivente (anche le piantine sciupate stento a disfarmene...) ma per me si, mi conosco bene, so cosa voglio. L'ho pure lasciato scritto e non faccio che ripeterlo ai familiari

Torna a “Raccontiamoci”