maternità dopo tumore al seno

speranza
Membro
Messaggi: 3
Iscritto il: mar 18 set 2012, 22:43

Messaggio da speranza » dom 17 mar 2013, 15:42

Maripec....io mi sento di dirti di non abbandonare l'idea di avere un bambino...affidati ai migliori medici esperti e fidati di loro.

Buonafortuna e che il Signore ci dia la forza.


settanta
Nuovo membro
Messaggi: 1
Iscritto il: mer 21 ago 2013, 23:36

Messaggio da settanta » gio 22 ago 2013, 0:00

Ciao ragazze,

io a 30 anni all'ottavo mese di gravidanza ho scoperto la bestia!

Ho avuto la gioia e il dolore insieme, ho avuto il mio bambino e dopo 20 giorni mastectomia e chemio, il tumore era localizzato senza aver intaccato linfonodi ma per l'età mi hanno fatto fare 3 rosse e 3 tammoxifene, nn ho fatto cura ormonale perchè il mio tipo di tumore nn è ormone sensibile!!

Ora ...desidero un'altro figlio anzi ne avrei voluti 3 ma mi hanno consigliato 5 anni di calma piatta! agosto 2014 faccio 5 anni dalla fine della chemio!!

Cosa faccio?? negli incontri che ho fatto fino ad ora,con alcuni ecografi o ginecologi mi hanno detto perchè rischiare!! Voi a chi vi siete rivolte !

Non vi nego che ho un pò paura!!voglio fare la mamma al mio bambino ma allo stesso tempo vorrei rivivere quella gioia che mi ha aiutato a superare tutto questo!


angiame
Membro
Messaggi: 2785
Iscritto il: lun 11 giu 2012, 21:21

Messaggio da angiame » gio 22 ago 2013, 3:34

Ciao settanta

io conosco il cancro perché mia mamma è stata toccata...

Non so perché sconsigliano la gravidanza

ma se è quello che vuoi perché rinunciare??

Aspetta la fine dei 5 anni e poi fallo!!

Non so neanche rispondere al problema del ciclo che non c'è... Ma se ti hanno detto che tutto funziona... Provaci e poi provaci ancora e ancora e ancora.

Sta bestia ha già fatto abbastanza danni... Non permettergli di distruggerti i sogni

FORZAAA

un grande stritolo

Ambra


Avatar utente
Staff AIMaC
Moderatore
Messaggi: 256
Iscritto il: ven 9 apr 2010, 20:02
Contatta:

Messaggio da Staff AIMaC » gio 22 ago 2013, 17:30

Cara Settanta,
se vuoi chiamarci (840503579 - 064825107) o scriverci (info@aimac.it), possiamo offrirti un minimo orientamento sui centri preservazione della fertilità e PMA che prevedono dei percorsi specifici per le pazienti oncologiche e le persone guarite dal cancro.
Nel frattempo ti segnaliamo il libretto "Madre dopo il cancro e preservazione della fertilità", scaricabile gratuitamente all'indirizzo: http://www.aimac.it/informazioni-tumore ... =_1pt.html
Un forte abbraccio!

Lo Staff di AIMaC

Per maggiori informazioni e orientamento gratuito, contatta l'help-line di AIMaC:
- numero verde 840 503579
- numero fisso 06 4825107
- e-mail info@aimac.it
- sito www.aimac.it

Ninfa 76
Nuovo membro
Messaggi: 1
Iscritto il: ven 21 mar 2014, 23:09

Messaggio da Ninfa 76 » sab 22 mar 2014, 0:42

Ciao a tutte.

Vi scrivo perchè anche io ho bisogno di qualche consiglio importante che riguarda la maternità dopo un cancro al seno e la cura con il Tamoxifene.

Leggervi mi ha decisamente fatto bene per vari motivi. Certo vi confesso che a tratti mi sono preoccupata molto per quello che avete scritto, ma in generale le vostre testimonianze mi hanno dato forza e mi hanno davvero emozionata e commossa... per la prima volta non mi sento sola! Mi sento un pò più forte. Grazie :)
Mi racconto brevemente. Ho 38 anni. Da 3 anni vivo in Spagna dove ho ritrovato, dopo 16 anni di distanza il mio primo grande amore. Nell'estate dell'anno scorso ci siamo finalmente sposati...ma appena tornati dal viaggio di nozze dopo una visita specialistica mi è stato diagnosticato un cancro al seno. Tutti i nostri progetti di vita si sono d'improvviso come congelati per 7 lunghi mesi tra le tante analisi, biopsie e infine l'operazione. Si è appurato che si trattava di un tumore di tipo ormonale che si nutriva proprio di estrogeni. Per questo motivo non ho dovuto fare la chemio (su questo tipo di cancro pare che non sia quasi per niente efficace).

Proprio oggi ho concluso le 5ª settimane di radio terapia. Dovrei cominciare con il Tamoxifene però ho deciso di non prenderlo per ora, vorremmo provare una gravidanza almeno per i prossimi 3 4 mesi, ma so già che se questo accadesse sarebbe davvero un miracolo!
Difatti, prima di iniziare la radio terapia i medici mi avevano consigliato di preservare la mia fertilità di oggi per poter tentare una gravidanza tra 5 anni, cioè dopo la terapia con il Tamoxifene. Ovviamente ho accettato ma durante la prima visita si sono rivelati dei problemi imprevisti: ho solo 3 follicoli! Poca fertilità! praticamente è come se avessi le ovaie di una donna che ha 48 anni, mi trovo di fatto in pre meno pausa precoce (esattamente come accadde a mia madre ma a 42 anni).

Per me dare alla luce un figlio rappresentava un miracolo di vita dopo la minaccia del cancro, un ritorno felice alla normalità di una vita matrimoniale nemmeno cominciata. Come immaginerete dopo tanta volontà e coraggio sono davvero crollata, sentendomi parlare dei miei problemi di fertilità, ma nonostante tutto io e mio marito non ci siamo fermati alla rassegnazione consigliata da tutti per trovare un pò di serenità.
Ho voluto riparlare con i medici che mi seguono, l'oncologa, le ginecologhe e l'esperto di fecondazione assistita, ho deciso di tentarle tutte per salvare quel poco di fertilità che ho adesso. Mi sono rivolta anche ad una clinica private che qui in Spagna e in Europa gode di una certa fama, ma il verdetto è sempre lo stesso: tutti i medici mi sconsigliano qualsiasi tentativo di preservazione ora come ora perchè non potendo fare stimolazioni ormonali risulterebbe tutto inutile, e mi sconsigliano anche di provare naturalmente una gravidanza visto che sarebbe rischioso per via degli scombussolamenti ormonali specie degli estrogeni, causa del tumore che ho avuto. Mi resterebbe solo, e se tutto va bene la ovo-donazione ma sempre tra 5 anni. Tutto questo senza però avere alcuna certezza con dati alla mano, di certo ci sono le mie analisi che parlano di una bassissima possibilità di ricaduta dopo la radio (senza il tamoxifene 10, 15% con il tamoxifene 5%). Insomma per i medici devo solo rassegnarmi e curarmi con la terapia ormonale e dopo 5 anni provare a riparlarne.
Ma io credetemi, non ce la faccio! Aspettare 5 anni curandomi con un medicinale che sicuramente mi accelererà il processo di meno pausa vuol dire togliermi sin dal primo anno le pochissime possibilità che ho per avere un figlio mio.
Come si fa a trovare la forza di scegliere tra la propria salute, rinunciando alla poca fertilità che mi rimane, o al contrario pensare a sfruttare quel 5% che ho di avere un figlio naturale ma rinunciando a curarmi col rischio di ricadute del cancro?

Insomma, sono davvero così pazza a provare il tutto e per tutto provando una gravidanza adesso rinunciando al Tamoxifene? o davvero devo e posso solo rassegnarmi?
scusate se mi sono dilungata così tanto...almeno mi sono sfogata con chi può DAVVERO capirmi. Grazie infinite per l'attenzione di chi mi ha voluto leggere.


hermione
Membro
Messaggi: 220
Iscritto il: lun 26 ago 2013, 15:53

Messaggio da hermione » mer 26 mar 2014, 22:33

Ciao Ninfa,

spero che ti risponderà presto qualcuno che ha avuto la tua stessa esperienza o che ti sappia dare qualche informazione certa perchè di tumore al seno io non me ne intendo molto.

Ti consiglio di valutare bene quello che ti hanno detto i medici e se non sei soddisfatta di fare piuttosto ancora un'altra consulenza da un’ulteriore specialista, facendoti consigliare i più esperti in questo campo.

Capisco il tuo grandissimo desiderio di maternità, però informati bene se il fatto che hai appena finito di fare la radioterapia non influisca in modo dannoso su un'eventuale feto a beve termine.

Anche per la decisione di non prendere il Tamoxifene, non è decisione da poco…so che per una donna non c’è desiderio più grande di quello di mettere al mondo un figlio, però anche la tua salute è importante!

Ti auguro veramente di poter diventare mamma, un abbraccio.


mare
Membro
Messaggi: 14
Iscritto il: ven 26 nov 2010, 0:47

Re: maternità dopo tumore al seno

Messaggio da mare » mar 17 giu 2014, 15:31

Ciao ninfa leggendoti ho avuto come la sensazione di sentirti.... Anni fa ero nella tu stessa situazione con un ormone antimulleriano bassissimo... Ho pianto tutte le mie lacrime sentendomi in un labirinto sempre più grande. La mia storia la leggi qui sopra.... Dopo una mastectomia chemio e 2 anni di tamoxifene

mare
Membro
Messaggi: 14
Iscritto il: ven 26 nov 2010, 0:47

Re: maternità dopo tumore al seno

Messaggio da mare » mar 17 giu 2014, 15:39

Mi è partita la risposta.... Stavo dicendo che dopo due anni di terapie ormonali d'accordo con oncologi specializzati in maternità dopo il tumore (se mi scrivi in privato ti do i riferimenti qui non posso fare nomi di dottori giustamente) ho sospeso per un tempo determinato e ho provato ad avere un bimbo aiutata da inseminazioni su ciclo spontaneo e dopo un bel po' di tentativi e' arrivato Matteo.... So che era possibile fare anche stimolazioni con un farmaco (mi pare fermata si chiami) compatibili con i ns risci di ricaduta.... In ogni caso.... Prima sconsigliavano la maternità ora non più .... Anzi in alcuni casi da valutare accuratamente permettono anche una sospensione del tamox ma dicono l'importante sia passare 2 anni che sono quelli più a rischio.... Fatti una cultura su internet vedrai che troverai la tua strada... Sii prudente ma se lo si stata non perdere la speranza. Tienici aggiornate!!

mare
Membro
Messaggi: 14
Iscritto il: ven 26 nov 2010, 0:47

Re: maternità dopo tumore al seno

Messaggio da mare » mar 17 giu 2014, 15:42

Scusate ho fatto tanti errori perché scrivo dal telefono.... Ciao a tutte!

eli74
Membro
Messaggi: 3
Iscritto il: mer 20 ago 2014, 9:10

Re: maternità dopo tumore al seno

Messaggio da eli74 » mer 20 ago 2014, 9:27

ciao a tutte. mi sono iscritta da poco.... il dubbio di Vale è anche il mio. Io mi sono operata al seno a febbraio (ancora prima di compiere 40 anni) si trattava di carcinoma duttale infiltrante triplo negativo :o :o ed ho iniziato la chemio. Ho già fatto 4 cicli con schema AC e 2 cicli con schema CMF, me ne rimane uno sempre con schema CMF poi mi aspettano 33 sedute di radioterapia. A causa dell'età forse per me la possibilità di avere un bimbo è quasi nulla ma io non voglio comunque perdere la speranza. Prima di iniziare la chemio l'oncologo mi ha prescritto l'enantone per la menopausa dicendo che così avrei protetto utero ed ovaie ma mi ha anche detto che dovrò aspettare due anni (terminato tutto) prima di pensare ad una gravidanza. Questa cosa mi terrorizza perchè fra due anni avrò la bellezza di 42 anni.......

 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Maternità, paternità e cancro”