MI SEMBRAVA UNA DI NOI ...

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
GIORNOPERGIORNO
Membro
Messaggi: 1177
Iscritto il: lun 18 ott 2010, 16:08

Messaggio da GIORNOPERGIORNO »

Oggi ho chiacchierato con una persona, che in realtà non conosco molto.

Mi raccontava di come si è dedicata a suo padre, quando ha saputo della malattia... di come non si è mai pentita delle scelte fatte, di come fosse sola, nonostante fratelli presenti in famiglia, di come, anche oggi, nella sua memoria, porta avanti scelte difficili.

Mentre parlava, e insieme ci venivano gli occhi lucidi, pensavo a voi, a noi.

Perchè sembrava di leggere uno dei nostri post, una delle nostre storie.

Vi ho pensato tanto in quei momenti ...

Alla fine, dove c'è Amore, le storie si somigliano tutte ....

e, anche senza conoscersi molto, ci si sente veramente tanto vicini.

eli75
Membro
Messaggi: 635
Iscritto il: mer 24 lug 2013, 5:32

Messaggio da eli75 »

Già Lorenza...capisco ed io mi vado a cercare tutte quelle persone con cui posso condividere questi pensieri...ne ho bisogno.Devo necessariamente confrontarmi ed anche se le cose non cambiano si crea quel sostegno necessario per trovare la forza e non sentirsi soli.

rosapinanicolettaanna
Membro
Messaggi: 372
Iscritto il: mar 25 set 2012, 17:53

Messaggio da rosapinanicolettaanna »

Ciao beh io vengo qua perchè in tanti possono capirmi fuori a me poche,sara perchè esco solo x le visite o per andare a trovare mia figlia,cè una condivisione una conoscenza una comprehensione che io o trovato solo qua,per fortuna qua o tanti amici fuori non ne o,se parlo di me la gente prova pieta è mi fa stare male io non voglio sentirmi un essere strano che mi hanno aditato x strada o in ospedale,guarda mamma una cicciona con una tetta sola che zopika guarda ancora oggi sento il dolore che o provato sembra poco ma in questi 2anni il disaggio a stare tra le persone é sempre troppo x me beh vi abbraccio lorenza e ely a presto

eli75
Membro
Messaggi: 635
Iscritto il: mer 24 lug 2013, 5:32

Messaggio da eli75 »

Rosa quello che scrivi è triste...per me è una questione di sensibilità e anche prima di scoprire di mio padre non ricordo di aver mai visto tutte le persone che si trovavano in una situazione del genere con occhi strani o che so io...mi sono sempre immedesimata!!Del resto ci sono persone che sono colpite da una malattia in famiglia e comunque rimangono sensibili solo alla loro situazione come se il resto del mondo non esistesse!!

romana218
Membro
Messaggi: 136
Iscritto il: lun 14 ott 2013, 4:43

Messaggio da romana218 »

Rosa quanta tristezza nelle tue parole.. Purtroppo chi guarda in un certo modo vuol dire che non ha vissuto la sofferenza.. Sarà banale, ma anche mia madre quando fa le visite viene vista con occhi diversi. Me ne accorgo, lo percepisco. Ieri ha fatto l'elettrocardiogramma in una struttura normale. Una semplice visita. Le persone, specialmente le donne, la scrutavano attentamente e poi il loro sguardo si posava su di me come per dire "poverina". Ma poverina di cosa? Per un momento ho pensato che se ci fosse stata solo un'altra persona che l'avesse guardata in quel modo mi sarei alzata e gliene avrei dette quattro.. Hanno continuato ma sono rimasta zitta solo per mamma.

Tutto questo per dire che purtroppo se non si sperimenta la sofferenza in prima persona difficilmente si può capire il prossimo..

rosapinanicolettaanna
Membro
Messaggi: 372
Iscritto il: mar 25 set 2012, 17:53

Messaggio da rosapinanicolettaanna »

Ely,romana io o guardato le persone imaginando quale tormento potessero vivere da sempre sono cresciuta con una mamma purtroppo che a vissuto tante esperienze x quanto riguarda i problemi di salute è da piccola ricordo che mi diceva"dio non vuole che si rida di chi soffra o sia diverso" io o insegnata la stessa cosa ai miei figli,lei aveva un grandissimo cuore e un anima pura e buona a volte faceva sua la sofferenza altrui ,io non capisco nel mio caso quando è succexo a me ero in ambulatrio dal chiurgo x le medicazione la reazione del bambino anche se le sue parole mi hanno ferita cio che ricorderò x sempre e la madre che rideva al posto di dire al figlio di non farlo e spiegarli,perché poi lei era li x una prima visita quindi aveva un tumore al seno anche lei!mia madre diceva cio che a te non piace subire o essere fatto non devi fare ai altri!io o sempre fatto cosi,ora vado un abbraccio

Alessandra86
Membro
Messaggi: 51
Iscritto il: dom 3 nov 2013, 4:06

Messaggio da Alessandra86 »

Ciao Romana... Come sta la tua mamma?

Torna a “Raccontiamoci”