Nessuna speranza?

maddalena
Membro
Messaggi: 1077
Iscritto il: mer 11 giu 2014, 15:05

Re: Nessuna speranza?

Messaggio da maddalena »

Te lo auguro vivamente , non sai quanti casi ho visto mentre ogni giorno mi recavo in reparto. Dai tutto è possibile .
mattie
Membro
Messaggi: 52
Iscritto il: mar 13 mag 2014, 16:19

Re: Nessuna speranza?

Messaggio da mattie »

Che dire, la speranza ci deve accompagnare sempre, fino alla fine. Io ci ho sempre creduto e continuo a crederci, anche se purtroppo stamattina mio marito è stato ricoverato per colangite. Stavolta però il sospetto e che le metastasi al fegato, aumentando di volume, vadano a comprimere le vie biliari o lo stent. L'abraxane ci aveva dato una buona speranza, basti pensare che con 6 cicli il tumore alla testa del pancreas era quasi scomparso. ora è il fegato che non risponde bene alle chemio e speriamo che cambiando farmaci si possa tenere tutto sotto controllo. ma si, comunque la speranza deve essere sempre l'ultima ad abbandonarci anche se un po di consapevolezza deve esserci per non trovarci impreparati.
maddalena
Membro
Messaggi: 1077
Iscritto il: mer 11 giu 2014, 15:05

Re: Nessuna speranza?

Messaggio da maddalena »

Però è snervante il continuo dentro e fuori per ricovero ,e per loro che soffrono molto ma molto di più traumatico e tutti i pensieri che gli passeranno nella mente è davvero sconvolgente e triste poveri indifesi.
massimocar
Membro
Messaggi: 6
Iscritto il: dom 22 feb 2015, 14:22

Re: Nessuna speranza?

Messaggio da massimocar »

Bisognerebbe uscire completamente dalla logica "mia madre sta morendo"
Perchè non è una logica corretta...la mamma vive ed ha una malattia da affrontare.
Del resto ognuno di noi muore un poco ogni giorno e pertanto o si afferma che chiunque sta morendo o che tutti noi viviamo chi con una malattia e chi senza .
Questo errore l'ho commesso in prima persona ma adesso ragiono diversamente.

Uno sfogo personale.
Russia
Membro
Messaggi: 191
Iscritto il: lun 12 ago 2013, 22:36

Re: Nessuna speranza?

Messaggio da Russia »

Ma prima del tumore, pur sapendo che la vita umana ha un termine, non si pensa alla morte! Quando il cancro entra in una famiglia, almeno quando arriva una diagnosi al IV stadio, inevitabilmente la Morte entra nella vita, nel quotidiano, sconvolgendolo. Io ho cercato di non essere ossessionata da quel pensiero. Mio marito ha vissuto un anno e mezzo con una diagnosi del genere. Abbiamo viaggiato, vissuto in una apparente normalità. Avevamo un bimbo piccolo.. Non potevamo arrenderci al destino. Ora che mio marito, da quasi un mese, ci ha lasciati, ho iniziato ad odiare il cancro e ciò che rappresenta..
Russia
Membro
Messaggi: 191
Iscritto il: lun 12 ago 2013, 22:36

Re: Nessuna speranza?

Messaggio da Russia »

Ma credo che si debba provare a vivere, sempre, nonostante tutto..
Erika76
Membro
Messaggi: 1209
Iscritto il: mar 9 lug 2013, 23:45

Re: Nessuna speranza?

Messaggio da Erika76 »

Sì Mari, nonostante tutto. E' vero che ognuno di noi si avvicina alla morte giorno dopo giorno, ma è un po' difficile pensare che "stiamo morendo" fino a quando su di noi non si abbatte il cancro. Altrettando complesso è affermare che si vive con o senza malattia. Dipende dalla concezione che hai della vita. Fino a quando le forze ti sostengono e puoi andare anche solo al lavoro vivi, ma quando passi le giornate su un divano, quando non hai nemmeno la forza di prendere in braccio tuo figlio, quando le gambe non ti sorreggono più stai vivendo o stai morendo? Non è una critica, è un punto di vista. Anch'io dopo la morte di Dani ho cambiato prospettiva. Credo che ogni singolo istante meriti di essere vissuto, ma credo anche che occorra essere consapevoli senza accanirsi oltre l'inverosimile.
Russia
Membro
Messaggi: 191
Iscritto il: lun 12 ago 2013, 22:36

Re: Nessuna speranza?

Messaggio da Russia »

Si, assolutamente vivere deve essere 'umano'. Trascinarsi e farsi consumare dalla malattia, non è vivere..
Russia
Membro
Messaggi: 191
Iscritto il: lun 12 ago 2013, 22:36

Re: Nessuna speranza?

Messaggio da Russia »

Noi 'abbiamo convissuto' con Mister T. Solo adesso, riguardando le nostre foto, mi accorgo dei 'segni' lasciati sul viso e sul corpo del mio uomo.. Solo adesso, per fortuna, vedo l'orrore della malattia.
Erika76
Membro
Messaggi: 1209
Iscritto il: mar 9 lug 2013, 23:45

Re: Nessuna speranza?

Messaggio da Erika76 »

Infatti Mari, te ne accorgi dopo perché prima, e tu lo avevi anche scritto, ci si abitua. Loro cambiano, ma noi ci abituiamo al loro nuovo aspetto, ai segni del cancro, ci abituiamo al dolore, alla sofferenza e non riusciamo a ricordare il prima, né a immaginare un dopo diverso. Quando poi volano via, liberi, ci rendiamo conto delle macerie tra le quali abbiamo camminato per mesi o anni. Tutto allora sembrava normale, dopo si comprende quanto sia stato tremendo e disumano... è questo l'incantesimo malvagio del cancro. Ti entra così tanto dentro da farti credere che tutto sia normale, che quella sia vita e possa esserlo per sempre. Ma quando riapri gli occhi e ripensi al suo volto e alle smorfie di dolore che tenta di nascondere, alle notti insonni, a quel corpo che ormai è solo ossa ecco che ti accorgi che quella non può essere vita,

Torna a “Tumore al pancreas”