Leggereste mai un libro che parla di cancro?

In questa sezione si possono pubblicare tutte quelle discussioni che non trovano collocazione nelle altre stanze.
Rispondi
celafaccio
Membro
Messaggi: 10
Iscritto il: gio 11 apr 2013, 17:57

Messaggio da celafaccio » mar 16 apr 2013, 22:13

Qualcuno di voi ha letto un libro che in qualche modo l'ha aiutato a guardarsi dentro e ad affrontare in maniera diversa questa malattia?


Avatar utente
Monik
Membro
Messaggi: 720
Iscritto il: ven 2 dic 2011, 17:48
Località: Lignano Sabbiadoro (Ud) Friuli Venezia Giulia
Contatta:

Messaggio da Monik » mer 17 apr 2013, 14:21

Ciao celafaccio, mi hanno regalato questo libro quasi tre anni fa, MA non l'ho mai letto.
L'autrice è Kris Carr e il titolo è: "Ho il cancro. Vado a comprarmi un rossetto"


Monik

paola85
Membro
Messaggi: 87
Iscritto il: dom 18 mar 2012, 11:53

Messaggio da paola85 » mer 17 apr 2013, 18:45

Ciao celafaccio,

io ne avevo letti diversi su malattia e morte, scritti da filosofi o medici o infermiere o psicologi... mi hanno molto aiutata, anzi, senza avrei vissuto la malattia di mio papà e del mio compagno in un altro modo, credo abbiano aiutato anche loro, attraverso me, ne parlavamo insieme... semai te ne potrei consigliare alcuni, dipende da ciò che ti interessa...

Proprio ieri ho iniziato un libro per ragazzi che si intitola VOGLIO VIVERE PRIMA DI MORIRE, di Jenny Downham, è molto bello, racconta la storia di una sedicenne malata, senza possiblità di guarire, che fa un elenco delle cose che vuole fare prima di morire. È un «tema classico» sfruttato anche da molti film, ma è scritto bene, in modo duro e delicato.

Come letteratura, e non saggistica, ci sono anche gli ultimi libri di Terzani...

Il titolo VOGLIO VIVERE PRIMA DI MORIRE mi ricordava questa frase di Nietzsche che forse avevo già messo da qualche parte:
«Molti muoiono troppo tardi, e alcuni troppo presto. Ancora suona insolita questa dottrina: Muori al momento giusto! Muori al momento giusto: Così insegna Zarathustra. CERTO, COLUI CHE MAI VIVE AL MOMENTO GIUSTO, COME POTREBBE MORIRE AL MOMENTO GIUSTO? (...) Colui che adempie la sua vita, morrà la sua morte da vittorioso (...). Nel vostro morire deve ardere ancora il vostro spirito e la vostra virtù, come un vespero sulla terra: altrimenti il morire vi è riuscito male. Così voglio morire anche io, affinché voi, amici, amiate la terra ancor più, per amor mio; e voglio tornare a essere terra, per aver pace in colei che mi ha generato. - Nietzsche»
A chi parla francese consiglio questo testo, non ho trovato la traduzione italiana: http://www.mauricezundel.com/index.php? ... Itemid=221
Un caro saluto a tutti. Pao


celafaccio
Membro
Messaggi: 10
Iscritto il: gio 11 apr 2013, 17:57

Messaggio da celafaccio » mer 17 apr 2013, 20:36

Così parlò Zarathustra, non l'ho mai letto, ma penso che lo farò :)

Questa domanda mi è venuta perché ho visto nello shop dell'istituto oncologico il libro "il male dentro", in questo caso è scritto da un medico, quindi più che della storia di un malato, penso parli più dell'evolversi della malattia. Per questo ho dei dubbi sul leggerlo o meno. Voi ne avete letti di "scientifici", l'ho scritto tra virgolette perché rimane un romanzo.


Rispondi

Torna a “Off topic: pensieri sparsi”