IL MIELE MANUKA: UN AIUTO CONCRETO DALLA NATURA

In questa sezione si possono pubblicare tutte quelle discussioni che non trovano collocazione nelle altre stanze.
Rispondi
Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 2279
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

IL MIELE MANUKA: UN AIUTO CONCRETO DALLA NATURA

Messaggio da Franco953 » mar 26 set 2017, 21:21

Riporto di seguito l'articolo pubblicato sul sito del Dott. Alberto Luini (Vedi curriculum fondo pagina), in quanto ritengo possa essere interessante

Franco


IL MIELE MANUKA: UN AIUTO CONCRETO DALLA NATURA

Immagine

Spesso mi si chiede cosa pensi delle terapie alternative: rispondo che non mi interessa ciò che esclude la medicina convenzionale, ma sono curioso di conoscere ciò che può aggiungere benessere per i pazienti affiancando le terapie che la scienza ha dimostrato valide.

Il miele Manuka è un tipo particolare di miele che si produce solo in Nuova Zelanda, ma si esporta in tutto il mondo. Da alcuni anni è studiato con grande attenzione e le pubblicazioni scientifiche su riviste internazionali sono tante: un componente di questo miele, che per semplicità si definisce Unique Manuka Factor UMF (Fattore Unico Manuka), è potente nel debellare infezioni della pelle anche resistenti agli antibiotici e ha una buona efficacia nella cura del reflusso gastroesofageo, dell’ulcera gastrica e duodenale, della Candida, della psoriasi e dell’eczema. In realtà questo fattore non è l’unico a determinare il potere del miele: si tratta di un insieme di elementi in sinergia.

In particolare si è visto che i prodotti di medicazione derivati dal miele Manuka inducono miglioramento in situazioni infettive della pelle ostinate e difficili, e in soggetti diabetici. Anche alcune ferite chirurgiche complicate e le piaghe da decubito sono state trattate con Manuka con buoni risultati. E mangiare Manuka con regolarità aumenta le difese immunitarie, contribuisce a migliorare o risolvere i sintomi del reflusso e dell’ulcera e può agire positivamente sui fastidi da Candida o altre micosi.

La concentrazione del Fattore Unico Manuka è sempre riportata sulla confezione: più alta è, più l’effetto è probabile.

Non significa che il miele Manuka sostituisca le medicine: le affianca, le aiuta, e a quanto pare funziona. Un’avvertenza, però: sempre di miele si tratta, quindi contiene zuccheri e muove la glicemia. Un uso smodato di miele non è salutare: la regolarità va bene, l’eccesso assolutamente no. Un cucchiaino la mattina a digiuno è la dose suggerita.

Il Dott. Alberto Luini, laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Milano nel 1973, specializzato in Oncologia nel 1976 presso l’Università di Genova, dal 1975 al 1994 è stato assistente della Divisione di Chirurgia Oncologica dell’Istituto Nazionale Tumori di Milano.
Dal 1994 vice-direttore e successivamente co-direttore con il Prof. Veronesi, dal 2001 è direttore della Divisione di Senologia dell’Istituto Europeo di Oncologia. Attualmente è anche co-direttore del Programma Mammella IEO.
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”

Rispondi

Torna a “Off topic: pensieri sparsi”