Rinunciare ai propri progetti?

In questa sezione si possono pubblicare tutte quelle discussioni che non trovano collocazione nelle altre stanze.
Macchia
Membro
Messaggi: 11
Iscritto il: mer 11 apr 2018, 13:53

Rinunciare ai propri progetti?

Messaggio da Macchia » mer 11 apr 2018, 14:19

Salve a tutti, sono nuova in questo forum e vi chiedo cortesemente un consiglio.
Ho un fidanzato da una decina d'anni, l'anno scorso abbiamo deciso di sposarci visto che aveva trovato finalmente un lavoro stabile e duraturo. Lui vive con me, mentre la madre e la sorella vivono in un'altra regione molto lontana dalla nostra. Poco dopo aver deciso di sposarci abbiamo scoperto che a sua sorella è stato diagnosticato un cancro all'utero di IV grado ma nessuno lasciava trasparire nulla, sembrava andare tutto per il meglio, quindi abbiamo deciso di continuare con i preparativi per le nozze.
Abbiamo chiesto più volte a sua madre se fosse il caso o meno di andare avanti e, per tutta risposta ci è stato detto "Certo, la vita va avanti".
Mancano solo due mesi alle nozze e abbiamo deciso di annullare tutto. La situazione della sorella è notevolmente peggiorata dopo l'operazione. Il mio compagno ha deciso che si vuole licenziare per tornare dalla sorella e passare con lei il poco tempo rimastole e anche per essere di supporto a sua madre.
Io sono molto arrabbiata e confusa e triste.
Aveva un lavoro sicuro, siamo giovani e ci stavamo affacciando alla vita. Abbiamo fatto molti sacrifici per poterci sposare, stavamo costruendo il nostro futuro. Mi sembra che ora non sia servito a nulla. Una volta che la sorella non ci sarà più e sarà passato il primo periodo di dolore, che ne sarà di noi? È giusto che lui torni a casa e che rimanga per sempre con sua madre oltretutto in una regione dove non c'è lavoro né per me né per lui? Mi sembra che lui stia perdendo l'occasione della sua vita, che stiamo perdendo l'occasione di essere felici. È giustissimo che lui vada dalla sorella e dalla madre, ma che senso ha mollare un lavoro stabile e una vita tranquilla per tornare in un posto dove non c'è lavoro per nessuno dei due? La madre non gli dice nulla, anzi, lei VUOLE che il figlio torni da lei e non lo lascia crescere, né essere indipendente. Temo che un domani lui possa avere dei grossi rimorsi al riguardo. Come posso parlargli senza ferirlo in un momento così delicato? Come posso fargli capire che il lavoro lo salverà dalla perdita della sorella? Come posso fargli capire che deve pensare al suo, al nostro futuro? Mia suocera mi sembra così egoista...
Grazie a tutti.

Solidea
Membro
Messaggi: 601
Iscritto il: gio 31 ago 2017, 18:04

Re: Rinunciare ai propri progetti?

Messaggio da Solidea » mer 11 apr 2018, 15:46

Premesso che capisco benissimo la situazione perché per certi versi ne vivo una abbastanza simile avendo dovuto mettere il lavoro in stand by per assistere mia madre, il tuo fidanzato non potrebbe chiedere un'aspettativa anziché licenziarsi? Comunque posso dirti che se la sorella fosse la tua, sapendo che le rimane poco tempo anche tu daresti la priorità a lei. Abbi pazienza, anche se ora ti senti franare il terreno sotto i piedi immagina che cosa stanno passando loro...
Noi siamo come farfalle che battono le ali per un giorno pensando che sia l’eternità.

Elegra
Membro
Messaggi: 635
Iscritto il: dom 2 apr 2017, 14:13

Re: Rinunciare ai propri progetti?

Messaggio da Elegra » mer 11 apr 2018, 16:39

Tua suocera egoista? Ma ti rendi conto?
Sta perdendo sua figlia per una malattia orrenda...
Tu vuoi pensare al tuo futuro.Questa ragazza un futuro non ce l'ha neppure.
Mi sembra giusto che il tuo fidanzato stia accanto a sua sorella e a sua mamma in questo terribile momento
Tutte le persone che leggi in questo forum...Solidea per prima ...hanno accantonato la propria vita ...per sostenere i propri cari.
Riflettici !
Vivi ogni giorno come se fosse ogni giorno
Ne' il primo ne' l'ultimo
L'unico

Macchia
Membro
Messaggi: 11
Iscritto il: mer 11 apr 2018, 13:53

Re: Rinunciare ai propri progetti?

Messaggio da Macchia » mer 11 apr 2018, 19:25

Io non ho nemmeno trent'anni e assisto mia nonna allettata da 3 anni. So benissimo cosa significa accantonare la propria vita per prendersi cura degli altri. Io chiedo solo se sia giusto lasciare un porto sicuro per andare in mezzo ad una tempesta. Lavorativamente parlando.

Solidea
Membro
Messaggi: 601
Iscritto il: gio 31 ago 2017, 18:04

Re: Rinunciare ai propri progetti?

Messaggio da Solidea » mer 11 apr 2018, 19:35

Per questo prima ti chiedevo se fosse possibile prendere un'aspettativa. Per assistere tua nonna immagino che tu non debba spostarti, altrimenti non ce la faresti nemmeno tu...per il tuo ragazzo è diverso visto che la famiglia vive in un'altra regione e pure distante. Penso che anche lui sia molto combattuto, ma tra il lavoro e la sorella, se non ci sono alternative che gli consentano di poter salvare capra e cavoli, trovo normale che scelga la seconda.
Non prendertela con lui, che avrà già mille pensieri per conto suo. Se proprio dovesse andar male tra voi due tu e lui vi potrete sempre rifare una vita ognuno per conto proprio, la sorella invece non potrà più far nulla, inoltre il tuo ragazzo se pure riuscisse a tenersi il lavoro non è che dopo la sua morte sarà lo stesso di prima, questo mettilo in conto. Quando si ha a che fare con queste malattie non si può parlare di egoismo, ma di scelte. E di sfiga. Cerca di essere ragionevole: non parliamo di un'influenza, parliamo di cancro.
Ultima modifica di Solidea il mer 11 apr 2018, 21:55, modificato 2 volte in totale.
Noi siamo come farfalle che battono le ali per un giorno pensando che sia l’eternità.

Macchia
Membro
Messaggi: 11
Iscritto il: mer 11 apr 2018, 13:53

Re: Rinunciare ai propri progetti?

Messaggio da Macchia » mer 11 apr 2018, 20:21

Io ho capito benissimo la situazione. Non trovo giuste certe risposte, ognuno ha i propri problemi. Anch'io ho perso mio padre 6 anni fa dopo una lunga malattia e so cosa vuol dire. Poi mi sono rialzata, mi sono scrollata la polvere dalle spalle e ho ricominciato a vivere. Io chiedo solo questo. Io sono la prima ad incoraggiarlo a passare questo tempo con sua mamma e sua sorella, ci mancherebbe altro, chiunque lo farebbe. Quello che mi chiedo io è "È giusto mandare tutto all'aria e fare scelte affrettate delle quali si pentirà un domani?".
Solo questo. Chiedevo solo un consiglio, non un giudizio. Elegra mi ha risposto come se io venissi da un altro pianeta. Capisco benissimo la sofferenza, la sto toccando con mano.

Macchia
Membro
Messaggi: 11
Iscritto il: mer 11 apr 2018, 13:53

Re: Rinunciare ai propri progetti?

Messaggio da Macchia » mer 11 apr 2018, 20:23

Esatto Solidea, non posso spostarmi e quando devo per forza farlo mi devo orģanizzare settimane prima. Non è facile.

Solidea
Membro
Messaggi: 601
Iscritto il: gio 31 ago 2017, 18:04

Re: Rinunciare ai propri progetti?

Messaggio da Solidea » mer 11 apr 2018, 20:35

Elegra ha perso entrambi i genitori di cancro ma ha sempre una buona parola per tutti, per cui non pensare abbia voluto giudicarti, è solo che capisce anche troppo bene la scelta del tuo ragazzo.
Quella che sollevi tu comunque è una questione non da poco e io la comprendo benissimo, o meglio, capisco entrambi i vostri punti di vista, così come mi rendo conto che sua sorella per te non è nulla e quindi ti sembra terribilmente ingiusto vedere infranti tutti i tuoi sogni. Ma se ti mettessi a sfogliare qualche pagina di questo forum leggeresti delle storie davvero allucinanti...certo che ognuno ha i propri problemi ma ti assicuro che nel leggerle ci si sente in qualche modo fortunati e soprattutto si apre la mente, e il cuore...e maggior ragione dato che hai avuto anche tu un grave lutto in famiglia puoi metterti nei panni del tuo ragazzo e cercare di comprenderlo.
Non mi hai ancora risposto sull'aspettativa. Se ha un lavoro stabile, quindi immagino a tempo indeterminato, penso possa richiederla, o no?
In ogni caso se pure dovesse licenziarsi una volta ripresosi potrebbe cercare un altro impiego, c'è rimedio a tutto fuorché alla morte...
Ultima modifica di Solidea il mer 11 apr 2018, 23:50, modificato 1 volta in totale.
Noi siamo come farfalle che battono le ali per un giorno pensando che sia l’eternità.

Macchia
Membro
Messaggi: 11
Iscritto il: mer 11 apr 2018, 13:53

Re: Rinunciare ai propri progetti?

Messaggio da Macchia » mer 11 apr 2018, 20:43

Solidea, sono 3 gg che vi leggo e oggi ho trovato il coraggio di scrivervi. Lui la può richiedere l'aspettativa volendo. Il fatto è che non vuole. Vuole tornare a vivere con sua mamma in una regione in cui trovare lavoro è un terno al lotto. Io penso, per lo meno per me è così, che il lavoro dopo una perdita enorme sia assolutamente fondamentale. Ti permette di uscire di casa, di non pensare. Ho paura che lui, non trovando più lavoro, possa entrare in un tunnel di depressione da cui è difficile uscire se stai con le mani in mano tutto il giorno a rimuginare sulle cose brutte della vita. Io trovo che il lavoro sia speranza e luce per il futuro.

Solidea
Membro
Messaggi: 601
Iscritto il: gio 31 ago 2017, 18:04

Re: Rinunciare ai propri progetti?

Messaggio da Solidea » mer 11 apr 2018, 21:10

Sono andata a rileggere il primo post, mi era sfuggito quel "rimanga per sempre" e adesso comprendo meglio il tuo concetto di egoismo.
Sì, se la madre del tuo ragazzo ha intenzione di tenere legato a sé per sempre un figlio che lì non ha nessuna prospettiva allora sì, è egoista e lo direi a prescindere dall'esistenza della vostra coppia. Purtroppo di aria non si vive e dopo la scomparsa dolorosissima della sorella lui prima o poi dovrà comunque pensare al suo futuro, certo. Allora se non si tratta di una scelta affrettata dovuta alla particolare situazione qua si aprirebbero altri scenari che riguardano voi due e questa sicuramente non è la sede più opportuna per discuterne, se vuoi ne possiamo parlare in privato.
Posso consigliarti solamente di convincerlo a prendere questa benedetta aspettativa per un lungo periodo, altro non puoi fare. Probabilmente non vorrà lasciare sola la madre... non lo so. Mi dispiace, situazioni come queste purtroppo a volte, inevitabilmente, anziché unire dividono.
Noi siamo come farfalle che battono le ali per un giorno pensando che sia l’eternità.

Rispondi

Torna a “Off topic: pensieri sparsi”