Sconforto serale

In questa sezione si possono pubblicare tutte quelle discussioni che non trovano collocazione nelle altre stanze.
Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 3140
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Re: Sconforto serale

Messaggio da Franco953 » mer 18 apr 2018, 15:06

Niente colpe Paola
Credimi a tutti accade.
Bisogna darci tempo.La mente deve abituarsi. L' anima deve recepire ancora la vera scomparsa di un nostro caro.
E' tutto un processo psicologico che deve essere recepito per poi essere superato piano piano
Non serve correre perché ognuno ha i suoi tempi .
Metabolizzare una scomparsa è un complesso di sensazioni, stati d'animo e sentimenti che devono essere vissuti consapevolmente ed integralmente.
Qui , è" il caso dirlo. " chi va piano va sano e va lontano ".
Forza allora. Nessuno di noi è solo. A volte basta allunga un braccio o dire una parola e c' d' chi s' pronto ad ascoltare.
Un abbraccio
Franco
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”

barbara79
Membro
Messaggi: 255
Iscritto il: mar 25 lug 2017, 13:03

Re: Sconforto serale

Messaggio da barbara79 » gio 19 apr 2018, 9:51

Cara Paola,
mia mamma è morta il 5 agosto, anche lei ha voluto essere cremata.
Io dopo il funerale non sono più andata al cimitero. Forse un giorno ci andrò, non lo so. Ma per me la mia mamma non è lì, ma è sempre nei miei pensieri e nel mio cuore. Ogni giorno.
Un abbraccio
Barbara

moni1
Membro
Messaggi: 1240
Iscritto il: mar 25 nov 2014, 10:55

Re: Sconforto serale

Messaggio da moni1 » gio 19 apr 2018, 10:38

L'elaborazione del lutto è un fatto davvero molto personale, con tempi e dinamiche molto diverse. io ad esempio quando sono giù di corda vado di corsa al cimitero, quasi a chiedere un aiuto, mia sorella al contrario non riesce ad andarci, eppure l'amore verso la mamma è lo stesso. quindi non c'è un giusto o uno sbagliato. un abbraccio a tutti

Avatar utente
carla.carboni
Membro
Messaggi: 538
Iscritto il: lun 14 nov 2011, 4:21

Re: Sconforto serale

Messaggio da carla.carboni » gio 19 apr 2018, 11:13

Sono pienamente d'accordo con Moni, io per esempio trovo conforto solo andando al cimitero ed annaffiando le piante che ho regalato alla mia mamma. Le parlo e accarezzo i sassi che la ricoprono. Mia sorella sta male ogni volta che ci viene, mio padre dal 15 febbraio, giorno del funerale, non è riuscito neppure a pansarlo di venire al campo santo. Ognuno di noi reagisce in modo diverso. Ognuno di noi deve fare quello che si sente. Sentirsi in colpa non serve a niente, dobbiamo solo trovare il modo per stare meno male possibile.
Carla

Melena
Membro
Messaggi: 25
Iscritto il: lun 9 ott 2017, 22:45

Re: Sconforto serale

Messaggio da Melena » gio 19 apr 2018, 14:52

Noi abbiamo chiesto l'affidamento delle ceneri. È nella sua casa. Dove tutto parla di lei. Mi è di conforto.
Al camposanto non c'era posto se non per terra, negli ossari. No. È tornata a casa con noi. Eravamo di nuovo tutti e 4 insieme, nel nostro ultimo viaggio insieme.
Un abbraccio a tutti.

Elegra
Membro
Messaggi: 704
Iscritto il: dom 2 apr 2017, 14:13

Re: Sconforto serale

Messaggio da Elegra » gio 19 apr 2018, 17:39

Al cimitero non ci vado ..mi basta vedere quella pietra grigia davanti all'ossario per stare male. Ma per stare male mi basta anche entrare in casa sua..
Niente...è durissima
Vivi ogni giorno come se fosse ogni giorno
Ne' il primo ne' l'ultimo
L'unico

stellastella
Membro
Messaggi: 342
Iscritto il: dom 10 gen 2016, 22:43

Re: Sconforto serale

Messaggio da stellastella » gio 19 apr 2018, 19:59

Vero non mi rassegnero a vederli li

Cristina 71
Membro
Messaggi: 68
Iscritto il: ven 23 mar 2018, 13:28

Re: Sconforto serale

Messaggio da Cristina 71 » ven 20 apr 2018, 8:39

Paola, non ti devi sentire in colpa. Io ho impiegato piu di 10 anni per riuscire ad andare al cimitero.
Per me era una cosa senza senso.
La mia mamma è sempre stata con me e io.la sento forte.
Credo sia anche un po' merito suo se sono ancora qui dopo aver combattuto contro un glioblastoma.
Ora riesco ad andarci.
Guardo la sua foto e le parlo.
Ma preferisco sempre e comunque farlo a casa.
Li sono sola.
Siamo io e lei , anche se lei fisicamente non c'è più io.la sento forte dentro di me

Rispondi

Torna a “Off topic: pensieri sparsi”