Paolo ci ha lasciati

Milena66
Membro
Messaggi: 265
Iscritto il: mer 29 gen 2014, 20:49

Re: Paolo ci ha lasciati

Messaggio da Milena66 »

Monica carissima, siamo coetanee se il '66 è il tuo anno di nascita.
Sono felicissima per tuo figlio e questa è la cosa più importante.
Volevo rispondere ieri, ma con il cellulare non ho tanta dimestichezza.
Sai cosa c'è carissima? C'è che il cancro ti segna, ti marchia a vita e oltre a portarti via le persone che ami, si insinua dentro alle anse dei nostri pensieri, perchè quando hai vissuto nell'inferno, quando per te era normale vivere fra chemioterapia, controlli, vomito, assenza di dignità e devastazione fisica è molto difficile uscirne indenni.
Ecco che sentire nominare la parola "osteosarcoma" ti paralizza e ti mette in una condizione di paura tale che non riesci più a ragionare. Se ripensi al "prima", a quando non avevi ancora conosciuto il cancro così da vicino, ti renderai conto che il sentir pronunciare quella brutta parola non ti avrebbe causato il solito effetto.
Io spero che tu riesca ad uscirne e che tu possa vivere abbastanza serenamente, pur nel dolore della perdita del tuo compagno di vita. Non ti ridurre come me che vivo nell'ossessione che qualsiasi cenno, dolore, macchia, bruforo o cos'altro possa nascondere una patologia severa, se senti di averne bisogno cerca un sostegno psicologico.
E' vero che il cancro è ormai così diffuso che ogni volta che ci facciamo anche un banale controllo si teme di dover sentire pronunciare quella parola. Sì, perchè quando il cancro viene diagnosticato non sempre la persona ha sintomi così drammatici. Pensa che mia mamma stava benissimo e conduceva la sua solita vita. Aveva un pò di dolore alle gambe, ma aveva 70 anni e pensava all'osteoporosi....fino a che ha avuto perdite vaginali. E' andata dal ginecolgo e la mattina dopo era in ospedale.
Questo mi ha terrorizzata. Oggi stai bene e domani passi dall'altra parte.
Però, ripeto e sottolineo, se senti di avere bisogno di aiuto, di qualsiasi natura esso sia non lo rifiutare.
Vivere come vivo io è molto doloroso.
Ti sono vicina con affetto ed empatia. Un abbraccio stretto stretto al tuo campioncino!
Erika76
Membro
Messaggi: 1209
Iscritto il: mar 9 lug 2013, 23:45

Re: Paolo ci ha lasciati

Messaggio da Erika76 »

Ciao Monica,
ti capisco e non sai quanto. Lollo compirà 7 anni tra qualche giorno. Dalla morte del suo papà è passato ormai un anno e mezzo. Dorme ancora con me ogni volta che può. Ha sviluppato una paura del buio che prima non aveva e una forma di ossessione-compulsione da lutto che ormai è passata per fortuna. L'ho portato una sola volta dalla psicologa. Lollo è consapevole, coraggioso come il tuo ometto e non vuole piangere, mai. Vuole serenità, ma adesso quando gioca a calcio indossa una maglietta di Dani (che gli fa da vestito) e con quella è certo di segnare! Ha reagito meglio di me e più rapidamente perché aveva 5 anni, meno ricordi belli (aveva 3 anni e mezzo quando Dani si è ammalato), ma dentro di sé conserva alcuni dolcissimi ricordi. Credo sia maturato molto, sì per i suoi 7 anni ragiona come un adulto, s'impegna a scuola, ma ancora non ha abbastanza autostima, è come se fosse meno degli altri perché gli manca un pezzo importante, il papà, ma ci sto lavorando.
Come per te, anche per me, ogni piccolo sintomo è fonte di ansia e stress. Come dice Milena, l'esperienza cancro segna a vita e per la vita e niente viene vissuto con la leggerezza con cui si sarebbe vissuto un tempo. Mettici poi la mancanza di tatto dei medici e abbiamo fatto un bel mix. Ma tu sei forte, e anche il tuo cucciolo lo è, vedrai che piano piano elaborerà a suo modo. Nemmeno Lollo voleva vedere un ospedale a pochi giorni dalla morte del papà, è normale.
Ti sono vicina
Monica66
Membro
Messaggi: 73
Iscritto il: lun 2 feb 2015, 19:46

Re: Paolo ci ha lasciati

Messaggio da Monica66 »

Io non so più dove è andata la forza che mi sosteneva nei primi giorni. Tutto sembra così vuoto e superfluo, è difficile anche solo alzarsi dal letto per accompagnare il bimbo a scuola. Mettersi la maschera, sorridere, ma tornare a casa in fretta per buttarla via e piangere disperata. Tocco la sua scrivania, matite e penne come le aveva lasciate, un libro interrotto, un appunto a margine, un pensiero. Trovo un tesoro con una frase mai letta. Frugo tra le sue cose per ritrovare un gesto noto, un'eco familiare e dolcissima della sua voce. Annuso i suoi maglioni, e mi pento quando, in un attimo di rabbia e dolore, ho lavato tutto come una pazza per giorni quando è morto. Ma non volevo più sentire quegli odori che non erano i suoi. Ora pagherei per riaverli. Non riesco ad essere d'aiuto per nessuno qui, leggo storie e vedo finali noti, non so se quella persona migliore che credevo di essere diventata dopo la sua malattia non sia invece solo aridità e cinismo. Vi abbraccio
Erika76
Membro
Messaggi: 1209
Iscritto il: mar 9 lug 2013, 23:45

Re: Paolo ci ha lasciati

Messaggio da Erika76 »

Monica, sono fasi di un percorso. Non essere troppo dura con te stessa. A luglio saranno due anni, eppure, i tuoi gesti sono i miei. Ancora respiro il profumo delle sue camice, ancora trascorro serate stravolta da quell'onda di dolore, malinconia, rabbia che mi attanaglia al punto da non poter respirare. Stai elaborando, come succede a me, come accade a tanti di noi, a distanza... perché il tempo fa anche questo, rende consapevoli e la consapevolezza della perdita fa male, ma non lasciare che ti distrugga, non lasciare che si prenda tutto di te. Io sono qui, anche in PM.
Erika
Monica66
Membro
Messaggi: 73
Iscritto il: lun 2 feb 2015, 19:46

Re: Paolo ci ha lasciati

Messaggio da Monica66 »

Si ma la rabbia... Quanta, dolorosa e cattiva. Io non ho il dono, e lo chiamo dono solo per rispetto di quanti in questo forum sono credenti, della fede. Mi ritengo una persona spirituale, ma non riesco ad accettare tanta sofferenza come una prova od un regalo. Regalo di cosa, della cachessia del carcinoma al pancreas? Dell'odore delle metastasi polmonari? La natura poi è matrigna e non più madre, e io non riesco più a credere neanche nella ragione. Chiedo solo forza per occuparmi del mio splendido bambino che tra pochi giorni compirà 11 anni senza suo padre. Ce la sto mettendo tutta, ma tanti, troppi ne leggo cadere qui e il mio dolore anche per loro è immenso.
Russia
Membro
Messaggi: 191
Iscritto il: lun 12 ago 2013, 22:36

Re: Paolo ci ha lasciati

Messaggio da Russia »

E allora allontanati un po'... Non leggere.. Prenditi tempo. Ma posso assicurarti che ciò che provi e' quel che vivo io ogni giorno. A breve il mio cucciolo ne compirà dieci e sono solo meno di tre mesi da quel maledetto 28 gennaio. La fede non fa parte del mio percorso ma provo a vivere.. C'è nostro figlio.. Posso solo ripetere con Erika che il tuo dolore è' il nostro. Manca ogni momento il mio uomo.. Manca tutto di lui.. E comprendo ogni tua sensazione.. Io continuo a disperarmi ogni giorno dopo aver accompagnato il cucciolo a scuola. Ma senza il pianto, che trovo consolatorio, sarei impazzita..ti abbraccio
Monica66
Membro
Messaggi: 73
Iscritto il: lun 2 feb 2015, 19:46

Re: Paolo ci ha lasciati

Messaggio da Monica66 »

Lo so che dovrei allontanarmi da qui, ma solo qui so che capite veramente.... Non c'è gioia nella condivisione del dolore, ma consapevolezza di essere compresa intimamente solo da chi ci è passato. Scusate lo sfogo, ma la mia migliore amica di 48 anni, amica come il mio uomo da 32 anni... Anche lei, colon e metastasi già al fegato inoperabili. Un figlio di 12 anni.L'ho detto, ecco. Un fulmine a ciel sereno. Mi sembra che non ci sia scampo più da questa maledetta malattia. Vi abbraccio e stacco per un po'. Grazie, Erika, sei sempre presente e preziosa, e a te cara Mariangela, vicina anche nella data, io 29 gennaio. Monica
betty
Membro
Messaggi: 20
Iscritto il: ven 22 mag 2015, 23:44

Re: Paolo ci ha lasciati

Messaggio da betty »

Anch'io come voi tutti mi ritrovo in questo forum per quella bestia infernale che in 2 mesi ha distrutto l'uomo della mia vita e la nostra famiglia. Oggi sono con mio figlio (medico) che rappresenta la continuità vivente del nostro amore. Non sono matta, posso dirvi che lui continua a esserci vicino attraverso piccoli segnai o intrecci di vita che io colgo. Il grande vuoto fisico che ha lasciato, è lentamente colmato da bellissimi ricordi che nessuno potrà mai cancellare dal nostro cuore: Vi abbraccio tutti, dobbiamo andare avanti per loro.
Erika76
Membro
Messaggi: 1209
Iscritto il: mar 9 lug 2013, 23:45

Re: Paolo ci ha lasciati

Messaggio da Erika76 »

Non c'è nulla di pazzesco nel crederli e sentirli vicini. Monica... io so bene come stai. Mio figlio ha perso il papà due anni fa ormai, il 10 luglio del 2013. Di anni ne aveva 5... Ora fatica a ricordarlo, è quasi come se non avesse mai avuto un papà perché quando si è ammalato, Lorenzo di anni ne aveva 3... eppure si va avanti, per loro in primis, ma anche per noi. Anche prima che accadesse a noi si moriva di cancro, ma tutto sembrava lontano, impossibile che toccasse a noi. Quando poi accade, allora ci sembra di vivere in una zona di guerra, trincerati. Ho visto morire appena un mese fa il marito di una mia cara amica. Ora è la volta di mio nonno a cui hanno dato pochi giorni. Non si diventa insensibili... no certo, ma si acquista consapevolezza e con essa la determinazione di andare avanti, vivendo ogni istante che ci è concesso dal tempo che non è nostro... e anch'io come dice Russia mi devo allontanare spesso da qui per concepire una possibilità di vita senza cancro... La rabbia non serve, non ci restituirà ciò che abbiamo perso, anzi, non farà altro che farci sprecare tempo, quel tempo che chiedevamo per chi amavamo e che ora dobbiamo chiedere per noi, per vivere.
moni1
Membro
Messaggi: 1316
Iscritto il: mar 25 nov 2014, 10:55

Re: Paolo ci ha lasciati

Messaggio da moni1 »

Erika rileggerti per me è sempre un piacere. mi dispiace solo che devi di nuovo soffrire per tuo nonno. un abbraccio, monica

Torna a “Tumore al pancreas”