quanti familiari si sono ammalati di cancro???

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
romana218
Membro
Messaggi: 136
Iscritto il: lun 14 ott 2013, 4:43

Messaggio da romana218 » ven 22 nov 2013, 6:24

Benedicta da quando mamma si è ammalata ho iniziato a pensare anche io a questa cosa della familiarità.. Ti dico che mamma ha un tumore al polmone, mia nonna materna ha perso la madre mentre allattava mia mamma per un tumore al cervello e la nonna di mia nonna (sempre materna) un tumore allo stomaco.. So che ho qualche zio lontano che ha avuto un tumore.. Per quanto riguarda la parte paterna non mi sono informata ma so che il padre di mio nonno è morto per un tumore al fegato..

Sai, credo sia inutile parlare di familiarità. Purtroppo questo è un male creato da noi stessi e dallo sviluppo delle città. Vorrei poterti dire che se non c'è familiarità non c'è tumore, ma purtroppo non è così. D'altronde credo che non si possa neanche condurre una vita fatta di paranoie!! I medici dell'ospedale ci hanno detto che anche alcuni tipi di carni rosse possono provocare questo male.. e allora che facciamo non viviamo più? certo, possiamo limitare fattori esterni che contribuiscono (come il fumo e l'alcool) ma non possiamo certo fare altro! Ormai abbiamo inquinato la natura e il nostro ambiente! Ovunque andremo l'aria sarà inquinata e purtroppo non possiamo farci nulla...


piccolina84
Membro
Messaggi: 137
Iscritto il: ven 28 giu 2013, 16:24

Messaggio da piccolina84 » ven 22 nov 2013, 20:40

Sono pienamente d'accordo con romana218 benedicta, indipendentemente dalla familiarità

tutti possiamo ammalarci di tumore e la colpa è solo dell'uomo....

ed a parte fare prevenzione con degli esami di routine ed evitare fattori di rischio

come il fumo, l'alcol eccessivo, la cattiva alimentazione, lo stress, non possiamo proprio farci nulla se non una cosa: pensare a questo disgraziato il meno possibile e viverci i giorni che ci ha donato il Signore più serenamente possibile e lo so che, (soprattutto per noi familiari di cari ammalati), è difficile....ma dobbiamo almento sforzarci di cercare di allontanarlo dalla ns. mente... vi abbraccio


paola51
Membro
Messaggi: 514
Iscritto il: gio 6 mag 2010, 15:08

Messaggio da paola51 » mer 27 nov 2013, 16:08

oltre che alla predisposizione , alla familiarita' e allo stile di vita io credo purtroppo e fermamente nell'identita' delle cellule. Credo che ci si nasca, e' il tuo patrimonio cromosomico, cellulare: insieme al colore dei capelli ti potrebbe raccontare di che morirai . Cellule impazzite che se ne stanno acquattate per anni senza disturbarti mai e un giorno ...bum, si risvegliano. una mappa insomma


Avatar utente
carla.carboni
Membro
Messaggi: 538
Iscritto il: lun 14 nov 2011, 4:21

Messaggio da carla.carboni » mer 27 nov 2013, 17:00

Profondamente d'accordo con quello che dice Paola.

Ho letto un libro magnificamente semplice e interessante (non fatevi spaventare dalla mole perché è scritto in maniera semplicissima; se l'ho capito io...!)

Il titolo è "L'imperatore del male - una biografia del cancro" di Mukherjee Siddhartha. Ve lo consiglio. Carla

Carla

paola51
Membro
Messaggi: 514
Iscritto il: gio 6 mag 2010, 15:08

Messaggio da paola51 » mer 27 nov 2013, 17:44

magnifico autore Carla.....


Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”