Tumore alla prostata

sveva
Membro
Messaggi: 12
Iscritto il: sab 4 gen 2014, 5:42

Messaggio da sveva » gio 23 gen 2014, 2:13

Ciao a tutti. E' un periodo strano, ci sono momenti in cui mi sento positiva e fiduciosa e momenti in cui cado nello sconforto e nella confusione... Oggi purtroppo mi trovo nella seconda condizione. Qualcuno di voi ha per caso preso in considerazione, in alternativa all'intervento, la brachiterapia? Quali informazioni avete acquisito? Mi è stato detto che in presenza di tumori ancora confinati all'interno della ghiandola è una valida soluzione per evitare l'intervento. Ma, quali sono le reali controindicazioni? Buona serata a tutti!


Avatar utente
ernestus
Membro
Messaggi: 362
Iscritto il: gio 20 set 2012, 16:07

Messaggio da ernestus » gio 23 gen 2014, 3:49

eccomi il comandante cè.ieri visita urologica, tutto bene,la gogna è rimandata a settembre.poi mi sono fatto dare una smuscinata ai gioielli,perche' sento il destro che ogni tanto come dire lo sento strano.puntina d'ernia la diagnosi.ma come è possibile nel 2010 sono stato operato con rete di ultima generazione.risposta puo' succedere.la cosa positiva è che dicono che è piccola e non va operata.comunque con calma mi faccio vedere da un chirurgo pratico.non mi fido molto di questi giovani urologi.


Avatar utente
poldo59
Membro
Messaggi: 40
Iscritto il: lun 6 gen 2014, 6:01

Messaggio da poldo59 » dom 26 gen 2014, 5:15

C'avevo l'ansia!

Un primo esame post intervento:

MARCATORI DI MALATTIA S_ANTIGENE PROSTATICO SPECIFICO μg/L <0.01

e adesso tocca all'eco-addome ...

Ma la radio, la faccio o non la faccio? Devo decidermi adesso ...

Potrei pentirmi. Sia in un caso che nell'altro ...

Auguri a tutti e coperti, che arriva il gelo della "merla".


ernesto62
Membro
Messaggi: 110
Iscritto il: dom 17 nov 2013, 20:52

Messaggio da ernesto62 » dom 26 gen 2014, 13:40

Buona Domenica ..... Anche se non scrivo e intervengo piu' assiduamente di prima, vi leggo quasi tutti i giorni.

Coraggio a tutti...

Io intanto resto in attesa( serenamente ) fasre il controllo del PSA verso fine Febbraio. Senza patema, ma, fiducioso.

Un abbraccio a voi


inps09
Membro
Messaggi: 32
Iscritto il: mar 11 mag 2010, 21:32

Messaggio da inps09 » dom 26 gen 2014, 15:01

Ciao a tutti, dopo qualche mese ritorno a scrivere per chiedere un consiglio/parere. Dopo la radioterapia nella loggia prostatica di agosto-settembre 2013 e le due TURV (resezione di polipo nella vescica) di maggio-luglio2013), da ottobre a novembre ho fatto 6 instillazioni vescicali, settimanali, di Oncotice (immunoterapico antitumorale). Siccome l’infermiera nel fare la prima instillazione mi ha creato una falsa strada (perforazione uretra posteriore), mi hanno messo un catetere a permanenza (tolto dopo 41 giorni) che è servito sia per fare le instillazioni che per permettere alla falsa strada di guarirsi. Ho fatto la visita e la cistoscopia di controllo a metà gennaio (nessuna evidenza di altre neoformazioni nella vescica, mentre il PSA dopo la radioterapia è sceso da 0,20 a 0,11) e l’urologo mi ha prescritto un nuovo controllo fra tre mesi: nel frattempo devo fare altre tre instillazioni mensili di Oncotice. Ho il terrore che l’infermiera nell’introdurre nuovamente il catetere mi ricrei la falsa strada (purtroppo l’uretra e la giunzione tra uretra e vescica (anastomosi) hanno subito gli effetti della radioterapia e non sono in buone condizioni) e che mi prescrivano di portare il catetere a permanenza per i tre mesi. Vorrei chiedere se qualcuno di voi ha avuto problemi di cateterizzazione e se non fosse possibile utilizzare un catetere adatto al mio caso (so che ne esistono diversi tipi, anche per bambini, che potrebbero essere meno traumatizzanti)? Come posso fare per segnalare alle infermiere questa mia condizione (sono abbastanza permalose e suscettibili) per evitare una nuova perforazione ? L’urologo, chiamato dall’infermiera per l’inserimento del catetere in occasione della prima instillazione (effettuato con l’aiuto del citoscopio, inserendo un filo di guida), nel referto aveva scritto che “… si è creata falsa strada……”.

P.S.: Il mio quesito è abbastanza specifico, come anche il fatto di avere avuto due tumori contemporaneamente e in organi vicini: spero di non urtare la sensibilità di qualche componente del forum.

inps09


VALERIO63
Membro
Messaggi: 5
Iscritto il: mar 21 mag 2013, 0:11

Messaggio da VALERIO63 » lun 27 gen 2014, 0:23

Buonasera,valore PSA a 22 mi tormenta,sono davvero preoccupato,ho moglie disoccupata da 2 anni e una figlia di 17 anni,un aumento da 14 a 22 in soli 3 mesi mi sta distruggendo,ho fissato la seconda biopsia tra 15 giorni (l'altra a maggio 12 prelievi ma nessuno positivo e allora il psa era a 12),c'e una correlazione tra veloce aumento del PSA e aggressivita' del tumore? lo so che ancora non me lo hanno diagnosticato, ma purtroppo non ho sintomi specifici della prostatite,ne infezioni ne batteri nelle urine,se qualcuno puo' aiutarmi lo ringrazio in anticipo,buona serata a tutti


luigim
Membro
Messaggi: 113
Iscritto il: mar 22 gen 2013, 15:36

Messaggio da luigim » lun 27 gen 2014, 0:55

x valerio hai un pm


Avatar utente
ernestus
Membro
Messaggi: 362
Iscritto il: gio 20 set 2012, 16:07

Messaggio da ernestus » lun 27 gen 2014, 3:36

per vincenzo. a vince ma sta tranquillo con 0,01 non è previsto niente nemmeno i'ecografia alla logia prostatica.te lo dico perche io con 0,04 la feci su richiesta di un urologo,poi al controllo mi dissero che con questi valori non sono previste altre indagini.ti parlo qui del gemelli.va be' salutoni dal comandante.


Avatar utente
Fabrizio55
Membro
Messaggi: 147
Iscritto il: sab 19 mag 2012, 3:13

Messaggio da Fabrizio55 » lun 27 gen 2014, 17:08

Vincenzo..scusa ma con un psa <0,01 postoperatorio, ma perchè mai dovresti fare la radio??

L'istologico era dubbio, avevi qualche motivo di rischio?


siriobasic
Membro
Messaggi: 29
Iscritto il: dom 11 dic 2011, 18:48

Messaggio da siriobasic » lun 27 gen 2014, 19:53

Ragazzi torno sul sito dopo alcuni mesi di "lontananza", in quanto leggendo i vari interventi mi stavo condizionando psicologicamente più del lecito. Comunque a distanza di due anni dall'intervento consistito nella rimozione totale della prostata, il psa si è, fortunatamente, attestato sullo 0.04 e qualche giorno fa ho avuto anche l'esito della TAC dell'addome completo che non ha evidenziato nulla di anomalo. Quindi in definitiva le cose procedono nel verso giusto. L'unica grande pecca, purtroppo, è che sotto il profilo dell'erezione le cose vanno veramente male nonostante abbia provato con i vari cialis, viagra e llevitra. Ho la sensazione che debba rassegnarmi.


 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Tumore alla prostata”