Sentenza

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
vivi1972
Membro
Messaggi: 105
Iscritto il: ven 1 nov 2013, 22:37

Messaggio da vivi1972 »

Ciao Milena, ti racconto brevemente la mia storia, il 23 ottobre i medici mi dicono che mio padre ha un tumore al pancreas con metastasi epatiche, gli danno pochi mesi di vita..., lo stesso giorno devo fare l'ecografia per poi iniziare le cure per la fecondazione, quarto tentativo ed ultimo, il 25 ottobre ho fatto i 41 anni. Ovviamente non sono andata a fare l'ecografia e non ho più fatto nulla, ora preferisco stare vicina a mio padre, sta facendo le chemio con Gemox... con dei risultati non molto belli perchè al quinto ciclo allergia all'oxaliplatino, i prossimi cicli saranno solo con la gemcitabina e si sa che non da molte aspettative...,per ora ho deciso di lasciar perdere so che sta sfumando l'ultima possibilità avere figli ma non so cosa fare..., io non posso restare incinta naturalmente non ho le tube e ho solo un ovaio...


romana218
Membro
Messaggi: 136
Iscritto il: lun 14 ott 2013, 4:43

Messaggio da romana218 »

Erika, Milena, Monik.. Le vostre parole sono piene di sofferenza.. Ma allo stesso tempo di forza..

Voi siete più grandi di me, avete una vita (Penso ad Erika e al suo bambino). Io ho solo 19 anni, non ho niente in mano, nessun futuro nessuna speranza..
Oggi abbiamo parlato con un medico il quale ci ha fatto firmare la richiesta della presa in carico di un assistenza domiciliare per fare in modo che portino a casa le pillole biologiche che mia madre dovrà prendere... E tutta l'assistenza che ne deriverà (flebo etc)..

Le metastasi epatiche non sono andate di molto avanti.. il Polmone è peggiorato di tanto.. la Mia mamy da un giorno all'altro ha iniziato ad avere la saturazione nel sangue bassissima.. e se vi dico da un giorno all'altro vuol dire che 24h prima aveva bisogno dell'ossigeno 2 volte al giorno e 24 ore dopo quasi tutto il giorno sempre attaccato.... le metastasi alle ossa sono andate avanti.... C'è anche il cedimento della vertebra lombare, quella che hanno sempre detto fosse quella più problematica.. ma con il busto non c'è problema perchè riesce a sorreggerla...

Il sunto è che, quando quest'assistenza domiciliare se ne farà carico, la mia mamma tornerà a casa e inizieranno le settimane, i giorni più duri e difficili che io mi sia mai trovata a combattere...

la mia mamma non sa nulla... O meglio, lei dentro di se lo sa che è peggiorata; lei è pronta a morire, lo sa perchè è tutti i giorni serena, sempre. Ma allo stesso tempo vuole negare la realtà, perchè fin quando non tornerà a casa non le diremo nulla. L'atmosfera dell'ospedale è troppo pesante per una notizia del genere... cerca di evadere dalla realtà perchè non chiede il responso della tac. E lei lo sa che ieri abbiamo parlato con il medico.. e anche oggi abbiamo parlato... ma quando siamo rientrati in stanza non ha chiesto niente... Sia ieri che oggi ci ha detto "tranquilli io sto bene", come se non volesse farci disperare una volta tornati a casa...

E oggi ho vissuto una delle esperienze più tenere di sempre..

Non so perchè, ma sono l'unica che, sia in famiglia, sia fra i vari infermieri, riesce a prendere mamma in un modo che non le fa sentire dolore per alzarsi dal letto... Oggi dopo una settimana di stop al letto ha deciso che avrebbe voluto alzarsi e magari chissà, fare due passi... così l'ho aiutata ad alzarsi. Prima seduta sul letto, poi il busto e poi via in piedi. Ha iniziato a muovere le gambe che, oramai, sono pelle e ossa... e ci ha detto: "lo sto facendo solo per voi. Sto combattendo solo per voi!". e dentro di noi il pensiero comune è stato: combattere per cosa che ormai è finita? e siamo scoppiati tutti in lacrime....

il medico ha parlato di "settimane" questo vuol dire che nella migliore delle ipotesi sono 2-3 mesi con mamma ancora vicina.. e la cosa che mi spaventa di più sono i miei nonni, i genitori di mia mamma... Ho paura per loro.. Il padre di mamma morirà di dolore... unica figlia, 54 anni.. Perchè tutto questo? Non riesco a trovare una spiegazione alla malattia, non riuscirò mai ad accettare che il cancro mi stia portando via l'unica persona che per me conta davvero. Non riuscirò mai ad accettare che tutto stia succedendo così velocemente.. solo 4 mesi dalla diagnosi... 5 e mezzo da quel maledetto 19 agosto quando mamma non riusciva ad alzarsi dal letto... E pensare che a Giugno è stata una settimana a Barcellona... Davvero io non riesco a pensare a niente.. Vorrei solo trovare un modo per andare via con lei quando sarà arrivato il momento


rori
Membro
Messaggi: 33
Iscritto il: mer 23 gen 2013, 6:06

Messaggio da rori »

Ciao Romana, mi dispiace immensamente. Ogni volta tornare a leggere questo forum è un bagno di dolore, eppure, sono qui, che non riesco a staccarmi. Ti capisco, davvero, perchè ho pochi anni in piu di te e ho da poco perso mio papà per un adenocarcinoma polmonare. Capisco anche che questi pochi anni che ci separano, in questa esperienza si moltiplicano. L'unica cosa che ti dirò, è la cosa che gli angeli presenti in questo forum hanno detto a me, e che io, forse non ho ascoltato del tutto. Dimentica la stanchezza fisica, psicologica. QUesti momenti con tua mamma, sono la cosa più preziosa che ti rimarrà. Io ero stanca, depressa, nervosa e non riuscivo a vederlo più soffrire atrocemente. Quando se ne è andato, ho pensato: non soffre più. Adesso quella serenità non la sento più. Adesso il ricordo della sofferenza si è affievolito, e c'è solo una grande nostalgia di papà. Mi manca, mi manca e basta. Cerca, per quanto sia possibile, di non pensare al dopo. Ci saranno tanti momenti teneri.Goditeli, fanne tesoro! Un abbraccio e non mollare!!!!!!!!!


iside26
Membro
Messaggi: 118
Iscritto il: mer 17 lug 2013, 7:48

Messaggio da iside26 »

forza romana e mamma di romana


chiarotta
Membro
Messaggi: 303
Iscritto il: gio 7 nov 2013, 21:41

Messaggio da chiarotta »

ciao Romana.Lo so come stai,anche il mio babbo se ne è andato in modo veloce ed inesorabile per lo stesso tumore a 57 anni appena compiuti.Sembra impossibile,pensare di esser sani e scoprirsi malati allo stadio terminale. Non vi sono parole.Ho stampato nella testa quel giorno,quando la dottssa ci ha detto che era finita,che potevamo firmare per la aerazione progressiva,in modo che non soffrisse più. lo so romana,so tutto quello che ti passa per la testa,non me lo posso scordare.ti dico solo che devi vivere minuto per minuto,cercando di non pensare non dico al giorno dopo,ma nemmeno a due ore dopo.vivitela così, come viene,il coraggio verrà da sé ad ogni momento difficile,lo troverai nei bei momenti che ancora avrai con la tua mamma. Abbracciala e baciala spesso che è la cosa che poi manca di più,goditela fino all'ultimo e fate in modo che soffra almeno fisicamente il meno possibile.Loro lo sanno che stanno per andare,forse sono già proiettati altrove,almeno così mi spiego la serenità del mio babbo alla fine.Ti abbraccio forte..ma forte forte...


Sarah
Membro
Messaggi: 343
Iscritto il: sab 23 feb 2013, 14:35

Messaggio da Sarah »

Romana, gli altri hanno detto già tutto e meglio di me, io ti stringo solo in un abbraccio silenzioso. La forza arriverà quando sarà necessario, fatti coraggio.


Erika76
Membro
Messaggi: 1209
Iscritto il: mar 9 lug 2013, 23:45

Messaggio da Erika76 »

Ciao a tutte, Milena, adesso capisco il perché di tante cose... E' vero, concordo. Il libero arbitrio è una finzione. In realtà è come dice una bellissima canzone di Giorgia: La vita cambia idea e cambia le intenzioni.... Già, la VITA.

Io e Dani avremmo voluto un secondo figlio, ma abbiamo atteso troppo e la vita ha cambiato idea.

Sono passati 7 mesi e la vita mi ha di nuovo sorpresa, un'altra volta mettendo sul mio percorso un angelo e credimi è l'opposto di Dani, in tutto, eppure mi fa star bene, mi fa sentire bene e quando mi sento dire: "E' presto", io rispondo: "Per te forse, per me è il momento". Per me è sempre il momento, perché io vivo di momenti, di sensazioni. Stamattina mi sono svegliata pervasa da un mix di malinconia e tristezza. Ho parlato un po' con Dani (sì io ci parlo e prima o poi mi verranno a rinchiudere) e mi sono sentita meglio. E adesso aspetto le 13 perché a quell'ora il mio angelo mi saluta e domani lo vedrò. Vedi che miscela sublime di gioia e dolore? Eppure io sono questa adesso. Completamente coinvolta in ogni attimo, nella lotta di chi ancora resiste e soffre, ad elargire parole che non sono dette tanto per dire, non sono frasi di circostanza, escono dal cuore, da una profondità che credevo di non avere. Ogni tanto mi faccio male, rivivere la disperazione e l'angoscia a distanza di appena 7 mesi non è semplice. La ferita è aperta, ma proprio perché lo è e sento il sangue scorrere so che posso fare qualcosa, so che posso pronunciare una frase che può dare forza e coraggio. A volte basta davvero poco. E seguo il flusso delle mie sensazioni. Ogni giornata è diversa. Non sto correndo verso un traguardo, sto semplicemente vivendo di momenti, unici per la gioia e il dolore che possono darmi.


GIORNOPERGIORNO
Membro
Messaggi: 1177
Iscritto il: lun 18 ott 2010, 16:08

Messaggio da GIORNOPERGIORNO »

Ciao Romana, hai già detto tutto.

Con un nodo alla gola, ti mando tutto il mio affetto.

Ferma il mondo, e goditi questi giorni.

Sono importanti


lunablu1977
Membro
Messaggi: 17
Iscritto il: dom 27 ott 2013, 1:41

Messaggio da lunablu1977 »

Mia mamma mi ha lasciato 18 giorni fa e da allora vedo lei in ogni madre che incontro . Anche nella tua Romana ....le mando un bacio come lo mando a mia madre...


 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Torna a “Raccontiamoci”