Adenocarcinoma colon destro

MaraLi
Membro
Messaggi: 674
Iscritto il: mar 6 ago 2013, 4:30

Messaggio da MaraLi » mer 12 mar 2014, 13:49

Non devi chiedere perdono. In teoria è la vita che dovrebbe prostrarsi di fronte ai suoi figli che fa soffrire in questo modo indegno. Ti capisco, spesso non si ha la forza di sperare, però, in qualche modo bisogna andare avanti e senza speranza non si può. E' dura, tanto ma cerca di vivere attimo per attimo e godere dei momenti che trascorri con lui. Anche lui sarà spaventato, triste, ma insieme potete farvi forza e trovarla un po di quella speranza che in questi casi è vitale esattamente come le medicine.

Ti abbraccio.


Romiva87
Membro
Messaggi: 13
Iscritto il: lun 10 mar 2014, 2:16

Messaggio da Romiva87 » mer 12 mar 2014, 14:16

Cara MaraLi, parole giustissime le tue. E' davvero molto, molto dura, e spesso, vengono a mancare proprio le forze! La mia visione della vita, purtroppo, è cambiata, io stessa sono cambiata. Non ricordo, quasi più, cosa vuol dire vivere una giornata con spensieratezza. Tutti i miei pensieri e le mie azioni, come anche quelle di mia madre e mio fratello, sono indirizzate tutte al mio papà! Provo e mi impegno ad essere forte..., ci provo tutti i giorni, ma poi crollo e mi sento persa, anche perchè, in più, c'è anche la mia mamma che non gode di ottima salute.

Sono anche io, che ultimamente, non sto benissimo... Ci sono giorni in cui accuso dolori ovunque..., insieme alla mia solita gastrite che ormai non mi abbandona più! Ma comunque ogni mattina mi alzo, vado a lavoro, vado da papà, corro a destra e a sinistra, senza fermarmi un attimo fino a tarda sera...

Si dice che ogni cosa accada per un motivo..., io, ancora, non vedo un valido motivo in quello che sta succedendo al mio papà!

Domani sarà il primo giorno di chemio. Spero con tutto il mio cuore che Lui sia forte abbastanza!

Un abbraccio.


MaraLi
Membro
Messaggi: 674
Iscritto il: mar 6 ago 2013, 4:30

Messaggio da MaraLi » mer 12 mar 2014, 14:32

Romiva e come si fa a vedere un motivo nella sofferenza di un proprio caro? Anche la salute ovviamente ne risente da tanto stress. Però tu devi riguardarti per quanto riesci, non solo per te ma anche e soprattutto per il tuo papà e i tuoi cari che hanno bisogno di sostegno come te ne ha bisogno da loro.

Mi rendo conto che le mie possono sembrare frasi vuote ma ora più che mai dovete prendervi cura anche di voi stessi proprio per limitare i problemi e per poter trovare la forza per affrontare una situazione tanto difficile.

Sperare può essere un salvavita. Cercare di rendere l'atmosfera il più normale e positiva possibile può davvero fare la differenza, anche per il tuo papà. Ma questo non è possibile se non vi prendete cura di voi stessi.

Qui, in questo forum si legge tanta sofferenza, è vero. Però a volte si leggono anche dei piccoli miracoli. La storia non è già scritta. Il finale non è scontato ed è per questo che bisogna trovar dentro le risorse per affrontare tutto quello che arriva.

Dai, forza, vivi il tuo papà adesso. Domani si vedrà. Domani inizierà la cura, non pensare: "chissà se saprà essere forte." Cerca di pensare alla chemio come ad una possibilità che il tuo papà possa stare con te e bene ancora per lungo tempo... Tienici aggiornati.

MaraLi


Romiva87
Membro
Messaggi: 13
Iscritto il: lun 10 mar 2014, 2:16

Messaggio da Romiva87 » gio 13 mar 2014, 15:20

Cara MaraLi, grazie per il Tuo incoraggiamento!

Questa mattina papà inizierà il primo ciclo di chemio, anzi, forse glielo sposteranno, perchè sta facendo la visita dal cardiologo per il "lascia passare"...

Ho parlato con l'oncologo, poco prima che arrivasse lui, il quale mi ha spiegato che dovrà fare 4 cicli di chemio. Inizierà con una infusione endovena, poi proseguirà per 14 giorni, con delle pasticche da prendere mattina e sera, a casa. Poi fermo una settimana e si ritorna in ospedale per la seconda infusione, e così via... Al termine dei 4 cicli bisognerà ripetere la tac per vedere come reagisce la malattia.

Mi ha spiegato tutti i vari effetti collaterali..., e mi ha detto di tenere un diario, dove appuntare la pressione arteriosa da misurare mattina e sera.

Il percorso sarà lungo e per nulla semplice. Ma ce la metteremo tutta!!!

Stringo i denti e vado avanti; questo è poco ma sicuro!

Ieri sera sono stata poco bene..., sono dovuta andare al pronto soccorso perche ho dolori al fianco sinistro da circa 12 giorni. Mi hanno fatto dei prelievi, e l'esito è stato che dalle analisi non si evidenzia nessuna anomalia. Ovviamente dopo la flebo, sono stata bene... Ora i dolori sono ritornati... Mi si irradiano ovunque, dal fianco sinistro, all'addome, fino alla schiena. Dicono che i troppi antibiotici che ho preso per H. Pilory, mi hanno irriitato il colon. Che dire... I miei "dolori" ora passano in secondo piano, la mia unica priorità è il mio papà!

Ora aspetto che decidano se fare oggi l'infusione o rimandare a domani... Ringrazio Voi tutti, perchè la Vostra presenza è diventata molto importante per me. Un augurio speciale a chi, purtroppo, si trova a combattere contro il mostro!

Un abbraccio!


 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Tumore al colon-retto”