Un terribile mostro

chiarotta
Membro
Messaggi: 303
Iscritto il: gio 7 nov 2013, 21:41

Re: Un terribile mostro

Messaggio da chiarotta » dom 18 gen 2015, 23:41

Sabrina mi dispiace. È terribile. .questa malattia è allucinante. Subdola e ingiusta. La vita cambia in un attimo..con la diagnosi..e poi..chi prima chi dopo. .e non so se è più sfortunato o fortunato chi è più veloce...è una disperazione che non ha eguali...anche per noi che restiamo. Fatti forza..

enzino65
Membro
Messaggi: 69
Iscritto il: dom 2 nov 2014, 21:41

Re: Un terribile mostro

Messaggio da enzino65 » lun 19 gen 2015, 0:53

non ho parole
un abbraccio

anna1968
Membro
Messaggi: 27
Iscritto il: mar 30 dic 2014, 21:22

Re: Un terribile mostro

Messaggio da anna1968 » lun 19 gen 2015, 6:02

La vita e' proprio ingiusta a volte.
Anche io sono in ..... "attesa" che il mio amore si liberi ed abbia finalmente pace il suo corpo e la sua mente, e' una lenta agonia con un unico e solo finale.....
Fino a qualche mese fa pregavo perche' avvenisse un miracolo e potesse guarire, adesso prego che si addormenti e non si svegli piu' , cosi', senza accorgersi, con serenita....... perche' ogni giorno che inizia, lascia spazio a mille dolori.......
Ti abbraccio forte forte.

Milena66
Membro
Messaggi: 265
Iscritto il: mer 29 gen 2014, 20:49

Re: Un terribile mostro

Messaggio da Milena66 » lun 19 gen 2015, 11:32

Bastardo maledetto.......
E' un dolore immenso e non avrò pace finchè non sarà scoperta la cura per il cancro

Sabrina6418
Membro
Messaggi: 23
Iscritto il: sab 13 dic 2014, 15:34

Re: Un terribile mostro

Messaggio da Sabrina6418 » mar 20 gen 2015, 15:17

La morte non è nulla.

Sono solo scivolato nella stanza accanto.

Io sono io e tu sei tu.

Quello che eravamo l’uno per l’altro, lo siamo ancora.

Chiamami col mio solito nome.

Parlami nel modo in cui eri solita parlarmi.

Non cambiare il tono della tua voce.

Non assumere espressioni forzate di solennità o dispiacere.

Ridi come eravamo soliti ridere

dei piccoli scherzi che ci divertivano.

Gioca…sorridi…pensami…prega per me.

Lascia che il mio nome sia la parola familiare

che è sempre stata.

Lascia che venga pronunciato con naturalezza,

senza che in esso vi sia lo spettro di un ombra.

La vita ha il significato che ha sempre avuto.

E’ la stessa di prima.

Esiste una continuità mai spezzata.

Che cos’è la morte se non un incidente insignificante?

Dovrei essere dimenticato solo perché non mi si vede?

Sto solo aspettandoti, è un intervallo.

Da qualche parte molto vicino, proprio girato l’angolo.

Va tutto bene.

 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Tumore al pancreas”