Storia di un uomo

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
davide72
Membro
Messaggi: 269
Iscritto il: lun 4 apr 2016, 15:19

Re: Storia di un uomo

Messaggio da davide72 » dom 29 mag 2016, 10:20

Ciao a tutti e buona domenica.
Cara Wendy, dopo aver passato 2 nottate infernali con dolore intenso quasi insopportabile che neanche gli antidolorifici riuscivano a controllare, ieri sera abbiamo deciso di aumentare di nuovo un po' la dose di cortisone. L'abbiamo portato a 25 mg (una pastiglia) e la notte è andata per fortuna bene. Mio papà ha dormito tutta la notte. Stamattina proviamo con solo mezza pastiglia e speriamo che anche la respirazione vada meglio (ieri pomeriggio aveva difficoltà anche a stare fermo). Anche mio papà è molto gonfio anche se riducendo la dose da 50 mg a 37mg al giorno si è sgonfiato un po'. Come tuo marito ha le gambe molto deboli e non riesce a fare le scale (devo spingerlo io da dietro altrimenti non riesce proprio a salire). Ma questo è un effetto secondario del cortisone preso a dosi elevate per lungo tempo. A Milano una dottoressa mi ha spiegato che il cortisone fa praticamente erodere i muscoli e la massa magra per cui la forza viene a mancare soprattutto a braccia e gambe. Inoltre inibisce il funzionamento delle ghiandole surrenali creando scompensi metabolici.
Fammi sapere cosa dicono i dottori a tuo marito.
Un abbraccio.

wendy
Membro
Messaggi: 314
Iscritto il: ven 22 apr 2016, 15:42

Re: Storia di un uomo

Messaggio da wendy » dom 29 mag 2016, 19:53

Grazie Davide per le informazione sul cortisone, non lo sapevo proprio, nessuno ti dice niente..Si te lo dirò di sicuro.
Voi quando andate ad Aviano?

davide72
Membro
Messaggi: 269
Iscritto il: lun 4 apr 2016, 15:19

Re: Storia di un uomo

Messaggio da davide72 » lun 30 mag 2016, 9:52

Abbiamo la prima terapia lunedì 6. Partiamo domenica mattina per prendercela comoda.
Stamattina mia madre ha notato che una gamba di mio papà è molto bagnata. Sembra che trasudi liquido dalla pelle. Purtroppo a forza di non muoversi ha le gambe gonfissime e piene di liquido. Pur mettendo le calze a compressione non si sgonfiano. Eppure nei 5 giorni che siamo stati ad Aviano, siccome era costretto a muoversi un po' di più, le gambe si erano sgonfiate per bene. Inutile dire che tutti i giorni lo sprono a camminare almeno 20 minuti in casa avanti ed indietro per riattivare un po' la circolazione, ma siccome se si muove gli manca un po' il fiato allora ha deciso di non alzarsi quasi più dal divano se non per andare in bagno o mettersi a tavola. Ovviamente è un circolo vizioso... meno cammina più ha problemi di circolazione e più si indebolisce facendolo faticare per qualsiasi cosa...

veronicaf
Membro
Messaggi: 402
Iscritto il: gio 19 giu 2014, 19:19

Re: Storia di un uomo

Messaggio da veronicaf » lun 30 mag 2016, 10:17

Davide cerca comunque di farlo camminare perché mio padre nel momento in cui non ha più fatto passeggiate è peggiorato molto. Anche lui si affaticava ma camminava lo stesso. Era un uomo forte e mi manca tanto. Goditi il tuo papà! Sei davvero un bravo figlio! Un abbraccio
Quando curi una malattia puoi vincere o perdere. Quando ti prendi cura di una persona vinci sempre.

enea995
Nuovo membro
Messaggi: 1
Iscritto il: lun 30 mag 2016, 16:49

Re: Storia di un uomo

Messaggio da enea995 » lun 30 mag 2016, 17:22

Ciao davide 72 leggendo quello che scrivi mi sono sentito davvero vicino a quello che purtroppo giorno e notte ti attanaglia ossia il sapere che una persona che ami non stia bene.Mi ha colpito il fatto che ti sia subito pentito di aver risposto in malo modo a tuo padre,ovviamente capisco lo stress che di questi casi sembra come una corda pronta a stringerti con una ferocia sorprendente e la nostra paura di non poter controllare tutto ci autodistrugge vorrei raccontarti la mia storia che inizia un paio di anni fa nel 2009 dopo una banalissima caduta scopro di avere un tumore osseo alla gamba e come tutti i ragazzi 13enni non riesco nemmeno a capire la gravità di quello che da li a pochi mesi si sarebbe scatenato,come un pacco postale i miei vanno alla ricerca di un grande centro di oncologia ortopedica e riusciamo anche ad avere un colloquio con un grande medico del centro italia dopo svariati mesi di angoscia e dolori e molti interventi superinvasivi riescono a salvarmi l'arto ma non è finita qui perchè la salita e ancora lunga e dopo avermi sparato la belllezza di 17 cicli di chemioterapia e dopo aver avuto non solo problemi fisici ma anche di paura e turbamento dopo un periodo in cui non riuscivo neppure ad alzare le braccia quella neve che tanto aspettavo dalla mia camera in cui ero ricoverato scende e la sera di natale il mio più bel miracolo e sceso in terra DIO HA ASCOLTATO LE MIE PREGHIERE E SOPRATTUTTO quelle di mia madre.....con cui senza di lei posso dire che non c'e l'avrei mai fatta adesso ho quasi 19 anni soo uno studente universitario e faccio molti controlli da routine di un malato di cancro.....ecco non ho voluto raccontarti solo la mia storia ma quella neve che quella sera di natale ho visto dalla finestra della mia camera spero che la veda presto anche te e soprattutto il tuo babbo credo che la speranza sia qualcosa di meraviglioso qualcosa che e più forte di tutto del dolore dell'angoscia quello che non ci fa morire e proprio la speranza un sentimento bellissimo pieno di amore......fammi sapere come andrà e nelle mie preghiere da oggi metterò anche i vostri nomi...X QUELLO CHE hai detto su tuo padre mi sono commosso perchè purtroppo io non ho un ottimo rapporto col mio,e ti dico di amarlo perchè è la cosa più bella....ringrazia ogni risata che ti ha dato e ti darà

paola51
Membro
Messaggi: 514
Iscritto il: gio 6 mag 2010, 15:08

Re: Storia di un uomo

Messaggio da paola51 » lun 30 mag 2016, 17:39

Enea....questo racconto della neve e' una fiaba. A 19 anni dovresti essere quasi ancora un ragazzino ma si percepisce in te la forza e la grandezza di un Uomo. Si, la U maiuscola te la meriti proprio

davide72
Membro
Messaggi: 269
Iscritto il: lun 4 apr 2016, 15:19

Re: Storia di un uomo

Messaggio da davide72 » lun 30 mag 2016, 18:20

Grazie enea per quello che mi hai scritto. La tua storia fa venire i brividi. Non oso immaginare quanto tu abbia sofferto! Hai ragione, è la speranza a farci andare avanti. Alle volte ho delle sensazioni che mi dicono di continuare a combattere.. Che non è ancora finita. Non mollerò fino a quando sentiró quel qualcosa dentro...
Grazie roslele.. Ci penserò... È una buona soluzione alternativa anche se vorrei tanto vederlo di nuovo camminare...
Un abbraccio a tutti.

wendy
Membro
Messaggi: 314
Iscritto il: ven 22 apr 2016, 15:42

Re: Storia di un uomo

Messaggio da wendy » lun 30 mag 2016, 20:13

Enea, anche a me hai fatto venire le lacrime....ti faccio tanti auguri x tutto quello che desideri..
Davide quando scrivi di tuo padre, mi sembra di vedere mio marito..non vuole camminare, dice che non ci riesce....sono assai giù di morale...

Silvia76
Membro
Messaggi: 521
Iscritto il: mar 12 apr 2016, 15:12

Re: Storia di un uomo

Messaggio da Silvia76 » mar 31 mag 2016, 8:37

Buon giorno amici! Davide e Wendy vi leggo e vorrei poter fare qualcosa ...le parole a volte nn bastano x lenire l'angoscia di vedere i propri cari " diversi" da come si vorrebbe che reagissero! Nn so come fare cosa dire perché noi nn siamo a questo punto e nn so che consigli darvi se nn che vi sono tanto vicino!!
Ieri visita dall'oncologa. ..era molto contenta..il ca 19 è passato da 411 a 56....e ci ha detto appunto che la tac è molto positiva! Voglio stare coi piedi x terra ...ma sono carica x combattere!

davide72
Membro
Messaggi: 269
Iscritto il: lun 4 apr 2016, 15:19

Re: Storia di un uomo

Messaggio da davide72 » mar 31 mag 2016, 19:48

Silvia, vivete intensamente questo splendido momento. Le cose vanno bene, potete respirare e guardare avanti un po' più fiduciosi!!!
Notizie come queste sono una boccata d'ossigeno anche per noi!! Vuol dire che c'è speranza e che il male si può combattere e sconfiggere!!
Wendy, coraggio!! Bisogna spronarli!! Le cose possono andare un po' meglio se anche loro ci credono! Piccoli passi, pochi per volta.
Oggi mio papà è riuscito addirittura a sistemarsi in bagno tutto da solo! Ci ha messo più di un'ora ma ce l'ha fatta!

 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”