Ho perso mia moglie

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
Solotu
Membro
Messaggi: 385
Iscritto il: sab 19 mar 2016, 21:44

Re: Ho perso mia moglie

Messaggio da Solotu »

Caro Giovanni mio marito aveva smesso di fumare da 20 anni ed è morto a 52 anni di tumore al polmone. Il padre cioè mio suocero ha fumato fino a 65 anni poi per un ictus ha smesso ora ha 89 anni ed ha seppellito il suo unico figlio. Questo solo per dirti che le sigarette hanno colpa ma il destino è destino
La sofferenza imbarazza coloro che hanno la fortuna di non conoscerla e condiziona la vita di chi deve affrontarla
Alessandra68
Membro
Messaggi: 317
Iscritto il: mer 15 lug 2015, 21:30

Re: Ho perso mia moglie

Messaggio da Alessandra68 »

Hai ragione Giovanni..sfogarsi serve a poco. Poco perché non.vuol dire rielaborare il.lutto. é forse un'apertura, un timido approccio alla rielaborazione. Questa é un lavoro sul profondo e nel profondo..é un aprire una parte di te che forse non immagini esistere ma c'é. É un trovare il senso che hai creato a suo tempo inconsapevolmente e che ota si é frantumato traumaticamente e che ora devi faticosamente ricostruire per andare avanti...devi perché é la tua vita e credo sia um.dovere andare avanti. Nel nome
di tua moglie e di tutti coloro che non ci sono più o stanno male...non possiamo immaginare cosa questi farebbero per ritornare a star bene.
Andrea, il "mio", se ne andò quasi 23 anni fa. 18 anni dopo decisi che dovevo stare meglio. Per me, innanzitutto. Proprio stasera ne parlavo con.mia madre: sono stata fortunata. Tanto. Fui presente con lui alla caduta del muro di Berlino, nicaragua, portogallo, spagna, cecoslovacchia..tante cose,belle e brutte, ho vissuto tanto. Ricordo non moltissimo ma sento di portare dentro di me tanto, qualcosa di non quantificabile ma il cui valore sto realizzando ora, in questo sito, in.attività a contatto con parenti e malati oncologici...volevo fare il medico, ero giovane, la mia vita e soprattutto quella di Andrea fu distrutta ma ora la realizzo in un altro modo..non sto a raccontare (troppa roba) ma ciò che voglio dirti é di non.mollare, non colpevolizzarti troppo (tutti sbagliamo) e prova a realizzare ciò che senti tu. Non.diventare l'ombra di tua moglie. Non é giusto e non lo vorrebbe. Vivere non é una colpa e non.si.muore per colpa. Ma per.iella, sfiga o altro. Vivi per te e poi per lei. Non é una colpa. Cerca di essere felice facendoti aiutare. Io l'ho fatto e ho fatto benissimo. Andrea avrebbe voluto cosi. Anzi..ha voluto così.
Non mollare.
Alessandra
giovanni72
Membro
Messaggi: 33
Iscritto il: gio 11 giu 2015, 10:26

Re: Ho perso mia moglie

Messaggio da giovanni72 »

Grazie per le vostre risposte, per i vostri commenti ..... purtroppo è un periodo un po' così .... lei è morta il 24 luglio di due anni fa e quindi da quando iniziò il calvario, a fine maggio, ogni situazione si ripete nella mia mente, da due anni in questo stesso periodo. Non che a Natale, o il giorno del suo o del mio compleanno, o il giorno del nostro anniversario di matrimonio, le cose siano migliori ..... tuttavia l'estate era il suo periodo, e ha voluto andarsene proprio in estate .... per tornare al dolore, credo che ci si abitui e basta, se si vuole restare vivi. Leggevo di Pierce Brosnan, il famoso attore che perse la moglie 22 anni fa per un tumore : in alcune dichiarazioni diceva di essere sereno, di aver superato, di aver accettato, poi nella più recente "ammette di soffrire ancora dopo 22 anni"... gli credo, nel dolore siamo tutti uguali. Credo che la famosa frase in "Anna Karenina" (Le famiglie felici si somigliano tutte, mentre ogni famiglia infelice lo è a suo modo) debba essere invertita. Credo sia esattamente l'opposto. Credo sia il dolore che rende tutti uguali. Se penso al futuro, non immagino nulla, ed è questo il problema, sono incapace di progettare. Finché continuerò a pensare al presente (e al passato) sarò incapace di elaborare il lutto. Purtroppo in questo la fede non mi aiuta, ma forse non ne ho davvero.... trovo davvero assurdo pensare all'esistenza di un'anima immortale, magari fosse davvero così
paola51
Membro
Messaggi: 514
Iscritto il: gio 6 mag 2010, 15:08

Re: Ho perso mia moglie

Messaggio da paola51 »

caro Giovanni, se il primo giro di boa dell'anno non ha modificato il tuo stato d'animo vedrai che con il secondo qualcosa comincera' a cambiare. Perche', giusto o sbagliato che sia, chi resta tende verso la vita, irrimediabilmente. Per quanto sia grande il dolore infatti continuiamo a nutrirci, a dormire, a lavorare, ad accudirci, chi piu' chi meno. Molti pensano con orrore al raggiungimento di questo stadio perche' si sentono in colpa: ma non ci si puo' sentire in colpa per il fatto di essere vivi, non a lungo almeno, salvo che quella morte non l'abbiamo procurata noi. Ma non e' il caso di nessuno che qui legge o scrive. Proverai sempre la sofferenza per questa perdita ma piano piano il dolore si attenuera' e la vita ti chiamera' come fanno le sirene con i marinai....Sarai ricco di questo dolore al cospetto di altri che non l'hanno provato. Sarai piu' consapevole del bene e del male. E se ti riuscira' di riaprire il tuo cuore agli altri vedrai...sarai un uomo infinitamente migliore. Un grande abbraccio
giovanni72
Membro
Messaggi: 33
Iscritto il: gio 11 giu 2015, 10:26

Re: Ho perso mia moglie

Messaggio da giovanni72 »

Cara Paola, io sono arrivato anche al punto di pensare di essere responsabile della morte di mia moglie, perché nel mio girovagare sulla rete in cinque anni alla ricerca di articoli su cure alternative, mi sono imbattuto anche nelle teorie di psico-oncologia, tra cui forse le più famose sono quelle del dottor Hamer, peraltro radiato dall'ordine.... lui affermava che un trauma non risolto può provocare il cancro e, tra le cause del tumore dell'ovaio (che è quello che ha colpito mia moglie) additava il conflitto con il partner a causa della genitorialità......lei mi diceva di sentirsi repressa nella sua voglia di essere madre perché io, dopo esserci sposati, manifestavo una certa inquietudine verso il concepimento di un bambino. Paure che, forse, qualunque neo papà prova prima di veder nascere i propri figli. C'erano discussioni frequenti anche sull'opportunità, se il momento fosse giusto o meno (entrambi eravamo assunti con contratti precari e io avevo molto timore)... insomma non esagero se dico che, quando sono davvero depresso, mi sento responsabile della sua malattia.
Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 3258
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Re: Ho perso mia moglie

Messaggio da Franco953 »

Caro Giovanni, un saluto affettuoso anzitutto.
Capisco la tua situazione e comprendo lo stato di depressione che ti assilla.
Perdere un famigliare soprattutto se si tratta della donna alla quale hai dedicato la tua vita è veramente terribile
Io giornalmente ho questo grande e terribile terrore. Ringrazio il Signore di avermi fino ad ora aiutato
Credere tuttavia che tu sia responsabile della morte di tua moglie, credimi è solo, ed unicamente il frutto della tua depressione
Credo che alcuni fatti avvengono, nostro malgrado e se tu ti fossi comportato diversamente , la tragedia di tua meglio sarebbe accaduta comunque.
Lascia perdere, credi a me, le varie teorie che trovi su Internet su ciò che può originale il cancro. Sono solo ed unicamente teoria perchè non sono frutto di test e dell'applicazione dei protocolli di verifica , richiesti da coloro che , a mio avviso, sono i ricercatori veri.
IL mio consiglio è di "restare con i piedi a terra" ed evitare di volare con la fantasia. Le teorie sui tumori sono molteplici su internet, da quella che afferma che si guarisce facendo soltanto dello sport a quella che dice che il tumore nasce dal fatto che beviamo troppo latte.
L'origine del tumore è frutto di molteplici fattori tra i quali,in parte, anche che stà scritto nel nostro DNA e in ciò che mangiamo e in quello che respiriamo.
Accetta ciò che è successo. Non è facile ma ci puoi riuscire facendoti aiutare da professionisti esperti in questo tipo di problemi (psicologi)

Un abbraccio

Franco
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”
 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Torna a “Raccontiamoci”