La prima "vacanza" senza te

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
Solotu
Membro
Messaggi: 385
Iscritto il: sab 19 mar 2016, 21:44

La prima "vacanza" senza te

Messaggio da Solotu »

Ciao a tutti dopo un anno e tre mesi dalla morte del mio dolce e unico Antonio ho preso coraggio e sono andata nella casa di montagna dei suoceri che mio marito amava e che piace tanto anche a mio figlio di 12 anni. Avevo paura di non farcela a guidare sulle curve, ad aprire quella casa che a me a dire il vero non è mai piaciuta ma ci sono andata per anni per il bene dei nostri figli. Mio marito mi ha sempre trattata da regina quindi guidava lui, si occupava della manutenzione della casa e io mi occupavo della cucina. Ora faccio da uomo e da donna sto imparando a fare idraulico elettricista falegname ragioniera psicologa. A volte mi fermo e credo di impazzire perché io penso ad Antonio sempre, penso a quanto lui era capace a fare queste cose a quanto era bravo in tutto così intelligente brillante e penso a quanto sarebbe stato meglio che io fossi morta al suo posto e lo penso tutti i giorni quando al mattino mi sveglio e mi accorgo che purtroppo sono ancora viva e che devo tornare in guerra per i miei figli e allora indosso la maschera del guerriero e vado alla guerra, fiera come un generale, determinata dalla rabbia che mi pervade. Io non so quanto potrò sopravvivere così senza il mio Antonio ma sento che devo credere solo in me stessa anche perché io non ho più nemmeno i genitori. Io a 52 anni ho perso tutto anche il mio ultimo raggio di sole che era il mio Antonio e non ho bisogno delle banalità degli altri che manco lo conoscono il tumore che bestia che è. Io non ho bisogno nemmeno delle mie amiche che non capiscono il mio dolore. Io ho bisogno solo di Antonio e non avrò pace mai fino alla fine dei miei giorni. Un caro saluto a tutti voi miei amici di sventura
La sofferenza imbarazza coloro che hanno la fortuna di non conoscerla e condiziona la vita di chi deve affrontarla
Albi82
Membro
Messaggi: 5
Iscritto il: lun 22 ago 2016, 13:17

Re: La prima "vacanza" senza te

Messaggio da Albi82 »

Mi spiace tanto @ Solotu....:( ti capisco...e tanto.
Un forte abbraccio!!!
Solotu
Membro
Messaggi: 385
Iscritto il: sab 19 mar 2016, 21:44

Re: La prima "vacanza" senza te

Messaggio da Solotu »

Grazie Albi82
La sofferenza imbarazza coloro che hanno la fortuna di non conoscerla e condiziona la vita di chi deve affrontarla
Avatar utente
DALGE
Membro
Messaggi: 70
Iscritto il: mar 19 lug 2016, 10:44

Re: La prima "vacanza" senza te

Messaggio da DALGE »

Cara Solotu,
Quando mia madre si butta giù dice le tue stesse parole: sarebbe stato meglio se fosse capitato a me, papà con voi è molto più bravo!!
Questa frase di mamma mi uccide..
Tu hai dei figli, frutto dell'amore tra te e tuo marito, tu non sei sola, tu hai loro e loro hanno solo te.
Quindi forza!!!
Mi permetto di dire che il tuo amato Antonio ti guarda e ti è sempre accanto da lassù... Fallo star sereno e cura te e i vostri figli!
Credimi quando mamma dice così mi lacera il cuore!
Noi figli abbiamo bisogno di voi mamme così forti anche se avete perso vostro marito!
Un forte abbraccio

Erica
NeVeR GiVe Up!!!
Air96
Membro
Messaggi: 46
Iscritto il: mar 12 nov 2013, 6:18

Re: La prima "vacanza" senza te

Messaggio da Air96 »

Ciao solotu!
Innanzitutto voglio ribadire una cosa che ha scritto Dalge e cioè che tutti i figli hanno bisogno delle proprie madri e te lo dice una che la madre l'ha persa ormai 5anni fa. I tuoi figli hanno ancora la fortuna di averti al loro fianco quindi coraggio, devi lottare per loro,per strappargli dei sorrisi per spronarli ad andare avanti nonostante tutto, devi combattere per te stessa,per vivere quella vita che a tuo marito è stata negata troppo presto. Nonostante tutto devi essere felice di continuare ad alzarti ogni mattina e di vedere 2 creature frutto dell'amore che ti legava al tuo Antonio.
Voglio anche dirti che inizialmente, anzi ad essere sincera fino a due mesi fa,io mi sentivo ancora dentro un tunnel nonostante siano trascorsi anni ormai e nonostante apparentemente faccio una vita normaliSsima,oggi invece mi sono accorta che ce l'ho fatta,finalmente ho capito che adesso sono pronta a "riaprirmi al mondo".Questo per dirti che magari hai ancora bisogno del tempo per metabolizzare,ma puoi farcela anche tu.
Stamattina sono stata in un hospice per fare pratica (sono iscritta in psicologia) e sono venuta a contatto con casi duri,donne e uomini Giovani ormai in fase terminale, nonostante tutto alcuni continuavano a sorridere ed è assurdo se penso che sono consapevoli del destino che gli tocca a breve. Quindi ti dico non è giusto vivere nell'oscurità, capisco che perdere l'uomo della propria vita è un'atrocità,come lo è stato perdere mia mamma nel mio caso,ma nel bene o nel male siamo ancora vivi e siamo fortunati perché continuiamo ad esserci,la vita ci ha messo a dura prova è vero,Ma quanto meno a noi non ci è stato comunicato nessun "tempo di scadenza"..e se riescono a sorridere quelli consapevoli di ciò,noi il minimo che possiamo fare è non gettare le redini mai!!
Ti abbraccio
Irene
Solotu
Membro
Messaggi: 385
Iscritto il: sab 19 mar 2016, 21:44

Re: La prima "vacanza" senza te

Messaggio da Solotu »

Grazie Irene delle tue parole. Mi hai fatto commuovere. SOno contenta che tu sia riuscita a ritrovare la serenità che meriti. Io penso anche a questo perché Antonio amava moltissimo la vita e anche lui ha sorriso fino all'ultimo ma sto tanto male. Speriamo di essere brava come te Irene
La sofferenza imbarazza coloro che hanno la fortuna di non conoscerla e condiziona la vita di chi deve affrontarla
Solotu
Membro
Messaggi: 385
Iscritto il: sab 19 mar 2016, 21:44

Re: La prima "vacanza" senza te

Messaggio da Solotu »

Grazie Dalge è tutto vero ciò che dici. I miei figli poi sono fantastici mi stanno aiutando a loro modo pur essendo tanto giovani. Ah se questa tragedia fosse accaduta dieci anni dopo coi figli più grandi io sarei un po'più tranquilla ma con un bambino di 12 anni e una ragazza di 21 è veramente troppo dura!
La sofferenza imbarazza coloro che hanno la fortuna di non conoscerla e condiziona la vita di chi deve affrontarla
Air96
Membro
Messaggi: 46
Iscritto il: mar 12 nov 2013, 6:18

Re: La prima "vacanza" senza te

Messaggio da Air96 »

Diciamo che proprio brava non sono stata perché mi ci sono voluti anni..ma ovviamente non si può forzare la mano,ognuno di noi ha bisogno del suo tempo,più il dolore e la perdita sono forti,più difficile è. Tu continua a metterci del tuo che il tuo Antonio anche da lassù,seppur in modo diverso,continuerà a darti una mano!
 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Torna a “Raccontiamoci”