Chemioterapia e contatto con il freddo

In questo spazio è possibile confrontarsi sulle procedure diagnostiche, sui trattamenti e sui loro effetti collaterali, sui centri oncologici e sulle terapie palliative e del dolore, sempre attenendosi al regolamento del forum e in particolare agli articoli 2 e 3.
jonata78
Nuovo membro
Messaggi: 1
Iscritto il: gio 25 mag 2017, 9:56

Chemioterapia e contatto con il freddo

Messaggio da jonata78 »

Buongiorno a tutti,

sto seguendo l'iter post operatorio in seguito ad una resezione del colon retto (chemioterapia con pastiglie e radioterapia prima dell'intervento ed ora una flebo ogni 21 giorni seguita da 14gg di pastiglie, da ripetere per 8 cicli).
La mia dottoressa mi ha detto di evitare tassativamente il contatto con il freddo, sia per quanto riguarda cibi e bevande che per quanto riguarda il contatto diretto (come ad esempio lavarmi le mani con acqua fredda).

Essendo curioso per natura ho voluto fare una prova ed effettivamente lavandomi le mani con acqua molto fredda, o tenendo in mano una bottiglia presa dal frigorifero arriva prima un leggero formicolio seguito poi da una intensa sensazione di fastidio e bruciore.

Secondo la vostra esperienza questo è un effetto della cura momentaneo o ripetendo le flebo ogni tre settimane sarà costante fino al termine di tutti gli 8 cicli? E soprattutto è limitato a mani e piedi o questa sensibilità al contatto con il freddo sarà di tutto il corpo?
Lo chiedo perché sto cercando da Settembre di continuare una vita il più normale possibile avendo anche un bimbo di 8 anni, e siccome abbiamo prenotato il campeggio per le vacanze (agosto) sono un po preoccupato per come farò a seguire mio figlio in piscina e al mare.........

Lo so probabilmente sarà una domanda stupida ma ringrazio comunque in anticipo chiunque risponderà :)
Elegra
Membro
Messaggi: 771
Iscritto il: dom 2 apr 2017, 14:13

Re: Chemioterapia e contatto con il freddo

Messaggio da Elegra »

Ciao
Anche mia mamma sta eseguendo un protocollo di chemio per k colon del tipo folfox4 (fluoracile oxaliplatino)
Questa terapia provoca la "neutropenia periferica" cioè avverte formicolii alle estremità (mani..piedi) che peggiorano nettamente al freddo o al contatto con cose fredde.
Per cui deve evitare il contatto.Quando preleva cibi dal congelatore utilizza spessi guanti.
Terminando la terapia spariranno tutti gli effetti collaterali. Stai tranquillo!
Vivi ogni giorno come se fosse ogni giorno
Ne' il primo ne' l'ultimo
L'unico
Elegra
Membro
Messaggi: 771
Iscritto il: dom 2 apr 2017, 14:13

Re: Chemioterapia e contatto con il freddo

Messaggio da Elegra »

Ahh ..mia mamma sta facendo il ciclo n.11 e gli effetti sono un po' aumentati rispetto ai primi
Le durano solo 3-4 gg dopo la flebo e a lei prende solo le mani
Vivi ogni giorno come se fosse ogni giorno
Ne' il primo ne' l'ultimo
L'unico
 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Torna a “Affrontare i tumori: trattamenti e riabilitazione”