Vale veramente la pena?

In questa sezione si possono pubblicare tutte quelle discussioni che non trovano collocazione nelle altre stanze.
Rispondi
Ale4
Nuovo membro
Messaggi: 2
Iscritto il: mer 25 ott 2017, 22:59

Vale veramente la pena?

Messaggio da Ale4 » mer 25 ott 2017, 23:17

Fino a che punto può arrivare un corpo e una mente a sopportare la malattia?
Vedo mio padre (60anni)da due anni "sgretolarsi" a poco a poco...
Tumore al polmone... più piccolo al rene...
Ciclo chemioterapia. .. diminuisce... si fa la radio per Prevenzione (sottolineo)...
Arriva il diabete... il sodio veramente basso... il che lo porta a fatturarsi accidentalmente la testa del femore... un mese di ospedale.. al risveglio dopo l'intervento. .. non ci vede più ... dopo una settimana anche metastasi cerebrali (tante tantissime)...
La testa c'è. .. il corpo no...
A cosa serve allora tutto ciò?
Consigliano altro ciclo di radio.. per migliorare la qualità della vita... e quindi quelle per la prevenzione a che erano servite!?
Ma che vita è questa?
Tutta questa sofferenza e tutto questo calvario per poi ... niente.
Già lo so che fare ancora radio è l inizio della Vera fine.
Ma non gli si può togliere anche questa speranza .
Morire vedendoci non è come morire al buio.

Contro alcuni mali non c'è battaglia.

Quindi, vale veramente la pena?

Io credo, anzi sono convinta che se mio padre non avesse fatto queste cure sarebbe morto un anno fa ma sarebbe morto senza tutta questa sofferenza.

Sono veramente tanto stanca e arrabbiata.
Scusate lo sfogo.

canghita
Membro
Messaggi: 61
Iscritto il: dom 20 ago 2017, 20:28

Re: Vale veramente la pena?

Messaggio da canghita » gio 26 ott 2017, 5:28

Si. Vale la pena ma sopratutto goditi il tuo papà e stargli vicino. Il cancro è la bestia non chi se la porta addosso, sopratutto se è lucido.

Carlo Massimo
Nuovo membro
Messaggi: 2
Iscritto il: gio 25 mag 2017, 10:55

Re: Vale veramente la pena?

Messaggio da Carlo Massimo » ven 27 ott 2017, 12:51

Sono pienamente d’accordo con te.
Certo per chi funziona e guarisce del tutto ha solo da guadagnarci in stile di vita e testa.
Ma a chi come me ha subito 6 cicli di chemio e 30 sedute di radio più un intervento chirurgico per inserire uno stent per salvare le funzionalità di un rene e si trova qui zoppo invalido 100% e debbo seguire la terapia delle visite di controllo ormai da un anno e mezzo e non sono più quello di prima, cioè una chiavica, non so più a questo punto cosa fosse giusto fare.
Però forse alla fine bisogna mettersi il cuore in pace e seguire fino in fondo le linee guida della Medicina odierna e avere pienamente fiducia nei medici che un giorno spero neanche così lontano riusciranno a mettere la parola fine alla sconfitta di questa devastante malattia.
Con tanta speranza
Carlo

canghita
Membro
Messaggi: 61
Iscritto il: dom 20 ago 2017, 20:28

Re: Vale veramente la pena?

Messaggio da canghita » sab 28 ott 2017, 0:46

Mio padre alla chemio ci avrebbe voluto arrivare ma il cancro lo sta ferendo nella sua fierezza. Avrebbe voluto lottare perché è questo che sa fare dalla nascita. Ancora adesso ci prova e questo mi resterà impresso per sempre.
Carlo Massimo mi dispiace per quello che ti sta succedendo ma anche se non ti conosco non ti considero una chiavica perché invalido. Credo tu sia semplicemente sfortunato ad essere incappato nel mostro.

Carlo Massimo
Nuovo membro
Messaggi: 2
Iscritto il: gio 25 mag 2017, 10:55

Re: Vale veramente la pena?

Messaggio da Carlo Massimo » sab 28 ott 2017, 21:23

Grazie per le tue dolci parole 😀😀
Buona fortuna
Carlo Massimo

Loredana62
Membro
Messaggi: 12
Iscritto il: dom 3 lug 2016, 15:06

Re: Vale veramente la pena?

Messaggio da Loredana62 » dom 29 ott 2017, 20:29

Si, vale veramente la pena. Mia madre gli e stato diagnosticato un mesotelioma peritoneo stadio avanzato terminale ca. 1 anno fa. Lei ha 80 anni. Abbiamo fatto una ciclo di chemioterapia che ho interrotto perché stava veramente male e ritenevo fosse un accanimento. Poi per una metastasi al linguine ha fatto la radio. Ora non si può più fare nulla. Solo aspettare la fine. Allora ho deciso di godermi il periodo che mi rimane con lei. Ho richiesto un concedo straordinario di 1 anno dal lavoro. Nel frattempo abbiamo iniziato a goderci i momenti insieme. Certo vedo giorno dopo giorno che diventa sempre più debole e si stanca molto facilmente. Ho la fortuna di fare cose che non ho mai fatto prima. L'ho portata a Roma da Papa Francesco, e siamo andate noi due, già in crociera 2 volte quest anno. Penso che forse questi momenti belli mi aiuteranno quando il maledetto tumore si porterà via la mia mamma. Forse mi sto illudendo ma non voglio pensarci. Il buio arriverà lo so ma non voglio pensarci.
un abbraccio

Ale4
Nuovo membro
Messaggi: 2
Iscritto il: mer 25 ott 2017, 22:59

Re: Vale veramente la pena?

Messaggio da Ale4 » lun 30 ott 2017, 18:56

A 5 giorni dal mio post la situazione è decisamente peggiorata, mio padre tiene gli occhi chiusi e parla in modo confuso. L'unica sua felicità ormai sembra la sigaretta, la maledetta, che nonostante tutto lui la ama ancora tanto.
Li in sedia a rotelle con la schiena tutta inclinata su un lato con gli occhi chiusi e la cenere che gli cade addosso, fumando tutto, fino alla carta, al punto di dirgli ogni volta "papà è finita la spegni!?"
E lui scocciato da un ultimo tiro e la spegne.
Oggi non si è fatto neanche il sodio, le vene, come ha detto il medico Dell USL, ci hanno abbandonato.
La sento vicina ormai, la fine, è lì in attesa di non so cosa.
Dite che bisogna viverle fino in fondo le persone anche in queste condizioni ma io ora ho paura che quando un giorno penserò a mio padre mi ricorderò solo di questo periodo.
Mio padre è ancora vivo ma a me sembra che non ci sia più.

stellastella
Membro
Messaggi: 342
Iscritto il: dom 10 gen 2016, 22:43

Re: Vale veramente la pena?

Messaggio da stellastella » mar 31 ott 2017, 23:01

Sì sì ricorda l ultimo periodo della malattia per autodifesa. ..Perché ricordando i momenti belli si fa a fondo

 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Off topic: pensieri sparsi”