Mio marito di 43 anni è morto il 20 ottobre

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
Elegra
Membro
Messaggi: 771
Iscritto il: dom 2 apr 2017, 14:13

Re: Mio marito di 43 anni è morto il 20 ottobre

Messaggio da Elegra »

Non hai qualche amica o vicina che ti possa supportare con le bimbe?
Perché tu sarai anche fisicamente stanca morta..con tutto il periodo stressante che hai passato. Quando la mia vicina di casa si è trovata vedova con un bambino di 7 anni..noi vicine facevamo di tutto per tenerglielo dei pomeriggi in modo da lasciarle i suoi spazi
Chiedi se qualcuno ti può fare questo favore, in modo da avere un po' di tempo per te
E...con noi sfogati pure
Vivi ogni giorno come se fosse ogni giorno
Ne' il primo ne' l'ultimo
L'unico
Faby76
Membro
Messaggi: 974
Iscritto il: sab 12 mar 2016, 17:04

Re: Mio marito di 43 anni è morto il 20 ottobre

Messaggio da Faby76 »

Ciao Celeste hai ragione a chiederti tutti quei perché? Ma purtroppo sotto questo cielo dobbiamo prendere tutto quello che viene. Hai detto di essere credente, chiedi aiuto alla Madonna che ha provato il dolore di perdere un figlio!!! Non potrà rifiutarti il suo amorevole sostegno. Così non sarai sola. Anche io ho avuto un crollo dopo la perdita di mio papà. Pensa come possano sentirsi le tue figlie che sicuramente erano legate al papà. Se da sola non ce la fai fatti aiutare per te e per le tue figlie. Genitori, suoceri,fratelli, cognati,cugini, amici, vicini ,psicologi. Sei normalissima a pensare quello che pensi e reagire in questo modo. Restare in piedi dopo l'uragano TUMORE è impossibile. Ma quando ti rialzarsi sarai più forte di prima fidati. Ti abbraccio forte forte
Papà ti voglio bene, sei la mia vita. Ti penso ogni momento della giornata. PROTEGGIMI
Lucsa0
Membro
Messaggi: 21
Iscritto il: mar 25 ago 2015, 23:38

Re: Mio marito di 43 anni è morto il 20 ottobre

Messaggio da Lucsa0 »

Ciao Celeste,qui tutti possono capirti,perche chi si trova a scrivere su questo forum non ha passato e non sta passando momenti felici.io ho perso mio padre per la stessa malattia di tuo marito,dal giorno della diagnosi tutto è cambiato peggiorando inesorabilmente fino alla fine,non è capitato solo a voi,è capitato a tanti.
Il mio consiglio,anche se è difficile è di cercare di stare insieme alle persone,amici,parenti,colleghi,dedicare tempo alle tue bambine,fare tutto il possibile per cercare di ritornare ad una vita il piu possibile normale,anche se non sarà mai piu come prima,Il passare del tempo aiuta molto a superare certi momenti,la vita è fatta anche di belle cose,bisogna continuare a vivere,io stò cercando di farlo.
celeste09
Membro
Messaggi: 8
Iscritto il: mer 1 nov 2017, 10:05

Re: Mio marito di 43 anni è morto il 20 ottobre

Messaggio da celeste09 »

dona70 ha scritto: mer 1 nov 2017, 15:41 Cara Celeste, capisco benissimo quello che stai vivendo, io il 13 novembre dello scorso anno ho perso mio marito per lo stesso maledetto tumore, come te sono rimasta con due figlie di cinque e sedici anni.
È stato difficile ed è tuttora difficile affrontare la vita senza mio marito, e a distanza di un anno mi faccio ancora mille domande e ho tanti dubbi, però ti posso garantire che la presenza delle mie due figlie mi hanno aiutato tanto ad affrontare la vita.
Senza di loro avrei una vita vuota, è chiaro non sostituiscono mio marito, peró sono il frutto del nostro amore.
È vero ci sono dei momenti che ti snervono, ti innervosiscono chi vuole una cosa e chi ne vuole altre poi sono anche in due età con esigenze diverse, peró io senza di loro sarei proprio persa e ringrazio il Signore che ci siano, perché sennó sarei proprio sola.
Se hai bisogno mi puoi scrivere anche in privato.
Ti mando un grosso abbraccio.
Hai ragione, anzi, avete ragione tutti nel dire che senza le bambine mi sentirei persa, però è così tremendo sentirsi incastrata fra l'incudine e il martello! Del tipo "Nè con loro, nè senza di loro". Naturalmente cerco di farmi aiutare dai miei. Ieri sono andata con le bimbe da un'amica, che ha a sua volta grossi problemi con la figlia di 14 anni, che la sta facendo impazzire ( mia figlia grande ha detto" Mamma, faccio un passo indietro, meglio noi!"), oggi le lascio dai nonni nel pomeriggio, perchè devo sbrigare diverse incombenze e intanto tento di respirare un po'. Mio cognato ieri mi ha detto di aver sognato mio marito che gli diceva che stava bene. Magari capitasse a me, un sogno così! Penso che mi farebbe molta differenza. I miei si sono offerti di pagarsi un terapeuta e credo che a questo punto accetterò l'offerta.
celeste09
Membro
Messaggi: 8
Iscritto il: mer 1 nov 2017, 10:05

Re: Mio marito di 43 anni è morto il 20 ottobre

Messaggio da celeste09 »

Pensate che fino a nove mesi fa bazzicavo i forum sulla maternità, pensavo di volere un terzo figlio e adesso sono qui a scrivere su un forum del genere perchè mio marito è morto. Lo scorso 22 novembre morì mio zio 85enne. Accompagnai io mia zia alle pompe funebri e lì ebbi un brivido, pensando a cosa avrei provato io al posto suo a trovarmi lì a scegliere la bara. Mio marito allora stava benissimo. Se avessi saputo me lo sarei tenuto stretto e avrei evitato ogni stupida lite che c'è stata da lì a quando si è ammalato. E' questa sensazione di non avergli chiesto scusa abbastanza per certe cose, di non aver messo in chiaro che lo amavo, di non essermi fatta dare delle disposizioni sul dopo...lui non ne voleva nemmeno sentir parlare di morire, anche perchè i medici, fino all'ultimo, non ci hanno mai detto che non c'era più niente da fare. Lui stava male, era evidente, ma nessun dottore ha avuto l'onestà di ammettere che ormai era finita. Mio marito si è avviato in ospedale con il 118 il 19 ottobre mattina, convinto di tornare a casa il giorno dopo e io non sono riuscita a dirgli addio, mentre agonizzava in ospedale, perchè ormai non capiva più. Avrei voluto salutarlo. Lui mi dava tanta sicurezza e se mi avesse lasciato delle volontà con le sue parole, adesso avrei qualcosa che mi risuona nella mente a cui aggrapparmi per farmi forza. Mi avesse detto "Sara, sono stato felice con te. Sii forte per le nostre figlie. Non ti abbattere mai". Lo so che sono cose da film, ma dopo otto mesi, almeno questo. Io rimango solo con la certezza, immaginata, di ciò che mi avrebbe detto, di ciò che vorrebbe, ma sentirselo dire da lui avrebbe fatto tanta differenza. Fra noi c'erano dei dissapori forti, negli ultimi anni. Sembrava diventato insofferente verso di me; penso anche che il tumore gli sia venuto perchè non mi sopportava più e teneva tutto represso. Non c'è mai stato un chiarimento fra noi in questi otto mesi, anzi, la mia presenza gli dava ansia. Stava bene solo con i suoi familiari; con loro si apriva molto di più che con me. Benchè stessimo insieme da una vita, c'erano delle cose di lui a cui io non avevo accesso. Io gli dicevo tutto e gli confidavo tutto e lui, invece, voleva una corrispondenza soprattutto con i suoi. Negli ultimi anni stavo soffrendo molto per questo, perchè ogni volta che ne parlavamo lui si indispettiva e invece di darmi rassicurazioni faceva finire tutto in lite.
So che è un discorso cinico, ma mi sento come se lui mi avesse davvero abbandonata, come se fosse riuscito a liberarsi di noi; così mi sento come una moglie che è stata piantata dal marito, da sola con due figli.
Non so se qualcuno riesce ad intuire ciò che voglio dire.
A mia zia è successa pressocchè la stessa cosa, nel senso che erano sposati da quasi 50 anni, non avevano figli, sembrava che mio zio l'amasse e la venerasse, avevano fatto insieme un testamento di comune accordo...poi, dopo, mia zia ha scoperto un testamento postumo, che lui aveva fatto senza dirle niente e di cui i fratelli del marito erano però al corrente. Chiaro che lei è depressa e non riesce ad accettare questa perdita: è divisa fra il dolore di ritrovarsi senza un marito e l'odio che sicuramente proverà per lui.
Io non odio mio marito ovviamente, ma è come se fosse scappato nella notte e io non potessi dirgli più niente.
Solidea
Membro
Messaggi: 918
Iscritto il: gio 31 ago 2017, 18:04

Re: Mio marito di 43 anni è morto il 20 ottobre

Messaggio da Solidea »

Non c'è cinismo nei tuoi discorsi, soltanto tanto dolore. Penso che tu abbia davvero bisogno di un aiuto, accetta l'offerta dei tuoi.
Un abbraccio
Noi siamo come farfalle che battono le ali per un giorno pensando che sia l’eternità.
Elegra
Membro
Messaggi: 771
Iscritto il: dom 2 apr 2017, 14:13

Re: Mio marito di 43 anni è morto il 20 ottobre

Messaggio da Elegra »

Cara Celeste
Ci sono persone che non esprimono i loro sentimenti...non ne sono capaci (io sono una di quelle). Tuo marito col cuore ti voleva dire proprio cosi'.Ora è accanto a te non ti può parlare ma veglia su di voi. Tutto si è svolto così velocemente ed è normale che non abbia espresso le sue volontà. Voleva vivere.
Non pensare minimamente che possa essere colpa tua il fatto che si sia ammalato. Non pensare che sia ingiusta o immotivata la rabbia che provi.
Esprimi liberamente quello che provi...e fatti seguire.
Un mio amico a settembre ha perso il suo bambino di 10 mesi e sta facendo una psicoterapia. Sta imparando a buttare fuori tutto quello che ha dentro per stare meglio e ci sta riuscendo
Fatti aiutare anche tu da uno specialista
Un abbraccio grande
Vivi ogni giorno come se fosse ogni giorno
Ne' il primo ne' l'ultimo
L'unico
celeste09
Membro
Messaggi: 8
Iscritto il: mer 1 nov 2017, 10:05

Re: Mio marito di 43 anni è morto il 20 ottobre

Messaggio da celeste09 »

Grazie, infatti ho già fissato con una terapeuta che mi ispira fiducia. Immagino di averne davvero bisogno, per le mie bambine. Anche la grande oggi era smarrita. Stamani a scuola le faceva rabbia il mondo intero, o per lo meno tutti quelli che hanno un babbo. Fortunatamente due suoi compagni, poi, le hanno telefonato e lei, parlando con loro, si è tranquillizzata. Sono felice che mi abbiano risposto persone intelligenti e di cuore, perchè si farebbe presto a giudicare una che sta parlando come me.
Sono tornata due ore fa, dopo essere stata con mia sorella dall'avvocato per denunciare l'azienda sanitaria per ritardata diagnosi in quel maledetto mese e mezzo durante il quale mio marito ho sofferto inutilmente nel nostro ospedale, senza che gli venisse fatta una biopsia altro che alla fine, quattro giorni prima della dimissione; quando era dal 23 febbraio, con la prima ERCP che potevano averla fatta. Un medico legale dovrà chiarire se due mesi prima un intervento sarebbe stato possibile e che aspettativa di vita avrebbe potuto garantire. A me personalmente non interessa questo, ma voglio che sia punita la negligenza di chi ha tolto a mio marito la possiblità di avere un decorso clinico dignitoso, anche se fatale. Non avete idea di quanti patimenti gli sono stati inflitti durante e provocati per i mesi successivi a causa di questa negligenza. Già lo stent ha aperto la strada a colangiti ricorrenti che lo hanno sfiancato e ostacolato le chemio.
Detto questo, per mio marito io volevo la Vita, non la sopravvivenza. Lui voleva semplicemente guarire, per tornare al suo amato lavoro, al suo karate, la sua cintura nera da poco conquistata, la sua vita. Non avrebbe mai voluto vivere senza queste cose. Quando il chirurgo di Pisa mi disse che era inguaribile e l'unica strada era la chemio, pensai che uno come lui si sarebbe sparato piuttosto e credo che le abbia affrontate solo perchè non gli fu detto questo, a lui. Mi dissero di non dirglielo e io ho tenuto tutto dentro per non pregiudicare il suo stato psicologico, perchè volevo che avesse tutte le migliori opportunità per lottare, ma so che se a uno come lui fosse stato detto in faccia che poteva avere solo sei mesi di vita e che con la chemio avrebbe solo allungato questa prospettiva di un po', non avrebbe accettato altri tormenti.
Scusate se mi prendo tanto spazio per sfogarmi, ma ne ho davvero bisogno. Un grazie sincero a tutti.
Silvia76
Membro
Messaggi: 528
Iscritto il: mar 12 apr 2016, 15:12

Re: Mio marito di 43 anni è morto il 20 ottobre

Messaggio da Silvia76 »

Cara celeste... Io ho un marito di 42 anni che da quasi più di 1 anno e mezzo sta lottando dello stesso tumore di tuo marito.... Capisco benissimo la tua rabbia... La tua angoscia! Io ho una bimba che fra 1 mese farà 5 anni.... Tutte le notti piango x la paura che ci lasci... E sentire la tua disperazione mi porta ancora di più dentro a questo incubo!!! Vorrei tanto fossimo vicine x abbracciarti forte e dirti che nn sei sola!!! Ti capisco benissimo e ci sono se vuoi parlare!
angeladi
Membro
Messaggi: 75
Iscritto il: dom 30 apr 2017, 17:35

Re: Mio marito di 43 anni è morto il 20 ottobre

Messaggio da angeladi »

Ciao Celeste,mi dispiace tantissimo per la perdita di tuo marito.Io 6 mesi fa ho perso mio padre con una tumore al pancreas,uno dei più brutti e veloci,in soli 43 giorni c'è lo ha portato via.Ti posso parlare solo da figlia ma ti capisco perché vedo mia madre provare dopo tutti questi mesi gli stessi sentimenti che provi tu.Cerchiamo di starle accanto ma non è per nulla semplice.Io e mia sorella siamo adulte tu purtroppo hai due bambine ancora troppo piccole per poter capire la rabbia e la tristezza che la morte di tuo marito ti ha lasciato.Spesso quando mamma ha sbalzi d'umore mi si spezza il cuore perché lei ha perso il suo adorato marito ma io ho perso il mio papà e mi manca infinitamente da 6 mesi.Tu hai bisogno delle tue bambine così come loro ora più che mai hanno bisogno di te,devi farti forza per loro perché devono essere loro la tua forza e la tua ragione di vita.Un abbraccio
 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Torna a “Raccontiamoci”