Se sei un familiare o un amico........

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
moni1
Membro
Messaggi: 1143
Iscritto il: mar 25 nov 2014, 10:55

Re: Se sei un familiare o un amico........

Messaggio da moni1 » mer 23 mag 2018, 14:23

Hai ragione, la mamma spesso è il perno della famiglia! come ti capisco! però dai aspetta di avere tutte le risposte in mano e poi inizia a preoccuparti e comunque a reagire!!! adesso sei tu che devi supportare lei!!! un grande bocca al lupo!!

Maryb
Membro
Messaggi: 5
Iscritto il: mar 22 mag 2018, 14:11

Re: Se sei un familiare o un amico........

Messaggio da Maryb » mer 23 mag 2018, 19:14

Moni grazie. Mi dicono tutti la stessa cosa...attendiamo gli esami...e questa attesa è snervante da un lato ma è utile dall'altro perché si ha ancora un margine di speranza. Ho paura degli esiti...ho paura di veder scritto nero su bianco quello che già so che anche il medico mi ha in qualche modo confermato.
Piango sempre...vedo tutti i suoi progetti e i nostri sogni andare in fumo...dormo poco e quando lo faccio mi sveglio di soprassalto in preda all'ansia.
Il dolore e la paura sono troppo grandi.
Con lei cerco di fingere, di dirle che qualsiasi cosa sia dobbiamo tirar fuori le unghie...ma mi conosce e mi legge in viso tutto.
Non voglio che debba passare tutto questo...non voglio che mi lasci...NO NO NO!
Non è giusto!
Scusami se mi sfogo ma sono in preda alla disperazione.

Elegra
Membro
Messaggi: 589
Iscritto il: dom 2 apr 2017, 14:13

Re: Se sei un familiare o un amico........

Messaggio da Elegra » mer 23 mag 2018, 20:38

Mary...respira...un bel respiro.
Capisco e comprendo molto bene tutti i tuoi stati d'animo. Ho perso la mamma e il papà. Il papà quando il mio bambino aveva due mesi.
Cerca di stare più serena possibile e aperta alla speranza. Non é un percorso facile ma ti assicuro che ti fornisce una lettura nuova della vita e vedi tutto sotto una prospettiva diversa.
Adesso fai un passettino alla volta. Dopo gli esami va diranno quale terapia fare e dovrai essere con lei 💪 forte e positiva. Io questo l'ho passato l'anno scorso con la mia mamma e ho tantissimi bei ricordi. Ho cercato di farle vivere ogni minuto nel modo più sereno possibile ed è stato bello per lei e per me.

Ti abbraccio. Un bacio alle tue bimbe. E naturalmente alla mamma
Vivi ogni giorno come se fosse ogni giorno
Ne' il primo ne' l'ultimo
L'unico

BettaViky
Membro
Messaggi: 30
Iscritto il: mer 23 mag 2018, 23:44

Re: Se sei un familiare o un amico........

Messaggio da BettaViky » gio 24 mag 2018, 0:14

Buona sera sono Elisabetta mi sono appena iscritta,x trovare un po'di conforto...il 16 maggio la mia mamma è stata operata x un papilloma alla vescica... è entrata in sala operatoria con la consapevolezza che tt sarebbe finito nel giro di una mezz'oretta...io ero sola fuori dalla sala operatoria quando passa un ora ne passano 2 poi 3 quando poi dopo 3 ore e mezza finalmente il professore che l ha operata mi chiama da parte,mi porta in una stanzetta buia e esclama: signora la situazione è pazzesca!!!le ha asportato una massa sulla vescica che era scesa fino alla vagina ma x poterla togliere tt le avrebbe dovuto lasciare un buco, inoltre attraverso la TAC si riscontrano piccole masse sullo stomaco...il 22 abbiamo ritirato la TAC... compatibile con la carcinosi peritonale!!!mi è crollato il mondo addosso!la vedo lì sul divano nella sua immensa dolcezza e mi si spezza il cuore al pensiero di poterla perdere!!!

Maryb
Membro
Messaggi: 5
Iscritto il: mar 22 mag 2018, 14:11

Re: Se sei un familiare o un amico........

Messaggio da Maryb » gio 24 mag 2018, 9:39

Elegra io non so veramente come hai fatto e come riesci a sopravvivere al dolore.
Leggo tanto le vostre storie..e so che fra poco farò anche io parte di voi che avete perso uno o entrambi i genitori. Mi sento morire all'idea.
Non so se lei vorrà fare le terapie...non riesco a pensare che non voglia lottare ma non riesco nemmeno a pensarla devastata dalla chemio. Che vita sarebbe?
Non vedo via d'uscita...solo tanto dolore e non ho la forza.
Guardo le mie bimbe e mi chiedo "dove vi ho portate? " Ho insistito tanto per averle ma non avevo mai pensato che farle venire al mondo significava sofferenza e dolore.

BettaVicky ti capisco...non ho parole di conforto perché non ne ho nemmeno per me..mi sento sprofondare...
Forse in qualche modo prima o poi ne verremo fuori.

Grazie per le Vostre parole.

aria09
Nuovo membro
Messaggi: 1
Iscritto il: mer 30 mag 2018, 16:14

Re: Se sei un familiare o un amico........

Messaggio da aria09 » mer 30 mag 2018, 17:57

ciao a tutti!!!
ho bisogno di voi e del vostro aiuto, o meglio, piu che aiuto un consiglio!!! a dicembre ho conosciuto un ragazzo, per me una favola... 2 mesi fa abbiamo scoperto la malattia! gli sono molto vicina, fisicamente e moralmente ma da una decina di giorni lui mette avanti la malattia a tutto; non so piu come comportarmi... consigliatemi voi cosa è giusto fare !!

Marica77
Membro
Messaggi: 3
Iscritto il: dom 20 mag 2018, 17:34

Re: Se sei un familiare o un amico........

Messaggio da Marica77 » dom 3 giu 2018, 19:32

Salve a tutti!Sono nuova in questo forum e vi ringrazio già anticipatamente perché prima di iscrivermi ho letto molti messaggi ed ho capito che siamo in molti a combattere dire battaglie contro il male del secolo!Io purtroppo ho mamma che è stata colpita da un glioblastoma di alto grado,per lei niente intervento e niente cure è troppo tardi!La scoperta è avvenuta il 15 aprile e la diagnosi è arrivata il 4maggio.Sappiamo che non le rimane molto tempo,qualche settimana massimo qualche mese, così l'abbiamo portata a casa.Lei è purtroppo ridotta quasi immobile a letto,il tumore le ha colpito più punti del cervello.Parla molto poco,spesso ha vuoti e perdita di memoria ma è serena e non ha dolori.E'strazziante per noi vedere una donna di una vitalità contagiosa ridotta così dal tumore,abbiamo tutti paura io per prima che con lei ho un legame fortissimo.Ho paura di perderla anche se so che quel giorno deve arrivare.Vorrei poterla salvare,ma non si può.Mi occupo in parte Delle sue esigenze,il più lo fa mio padre visto che è un ex infermiere,ma il sostegno morale maggiore lo da a lei mia figlia che ha solo 6 anni ma la nonna le ha sempre fatto da mamma per permettermi di lavorare.Vi ringrazio per lo sfogo,un abbraccio a tutti

Faby76
Membro
Messaggi: 628
Iscritto il: sab 12 mar 2016, 17:04

Re: Se sei un familiare o un amico........

Messaggio da Faby76 » dom 3 giu 2018, 20:16

Ciao Marika ti capisco benissimo. Io ho vissuto la malattia di mio padre con la certezza che sarebbe guarito anche se a un certo punto non c'erano più i presupposti. Questo male lo ha rubato a me e all'affetto dei nipotini che adorava. Continua a mietere vittime. Spero che un giorno qualcuno lo fermi
Papà ti voglio bene, sei la mia vita. Ti penso ogni momento della giornata. PROTEGGIMI

LucaL
Nuovo membro
Messaggi: 1
Iscritto il: dom 10 giu 2018, 12:26

Re: Se sei un familiare o un amico........

Messaggio da LucaL » dom 10 giu 2018, 12:36

Ciao a tutti, non so se sono nella stanza giusta, comunque mi sono iscritto poichè cercavo informazioni a riguardo dei permessi di lavoro per i familiari di malati oncologici. Mia madre è malata di tumore e sotto chemio da 6 anni con invalidità al 100%. Fino ad ora si è preso cura di lei principalmente mio padre, ma ahimè anche per lui non più giovanissimo l'impegno richiesto potrebbe gravoso. Io no ho la residenza nella stessa città di mia madre ma sono comunque a meno di 100 km.
Da quello che ho capito essendo lavoratore dipendente nel privato, anche se c'è mio padre avrei diritto a 3 giorni al mese di permessi retribuiti. Mi confermate che è così? Inoltre quello che volevo sapere è se devo dimostrare che questi giorni servono per cure o altro oppure ne potrei usufruire semplicemente per accompagnarla a farsi un giro o anche solo per alleggerire a livello personale la pressione dovuta dalla situazione familiare e dagli impegni lavorativi?
Inoltre per quanto riguarda la questione del congedo biennale retribuito mi pare di aver capito che essendoci mio padre io non ne posso usufruire (anche se lui non ne sta usufruendo essendo pensionato), vero? Per usufruirne dovrei essere convivente giusto? Sarebbe quindi possibile cambiare la residenza di mia madre con la mia per usufruirne. Grazie!

Elegra
Membro
Messaggi: 589
Iscritto il: dom 2 apr 2017, 14:13

Re: Se sei un familiare o un amico........

Messaggio da Elegra » dom 10 giu 2018, 17:18

Ciao Luca
Certo...puoi chiedere la 104 e occuparti di tua mamma tre volte al mese. Puoi usare questi permessi per le terapie..visite..ma anche semplicemente per andare a trovarla e stare con lei piuttosto che fare commissioni per lei (o la spesa)
Non so quanti anni abbia il papà...di solito li concedono se il papà è superiore a una soglia di età che ora non ricordo. Nel mio caso mia mamma era vedova e quindi me li avevano dati. Io li usavo i due giorni delle chemio e il terzo per portarla dal parrucchiere o estestista oppure a vedere qualche negozio che le piaceva
Quando si è aggravata non mi sono bastati e mi sono usata parecchie ferie
Vivi ogni giorno come se fosse ogni giorno
Ne' il primo ne' l'ultimo
L'unico

 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”