Oncologia: le 5 priorità della ricerca sul cancro

In questa sezione si possono pubblicare tutte quelle discussioni che non trovano collocazione nelle altre stanze.
Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 3189
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Oncologia: le 5 priorità della ricerca sul cancro

Messaggio da Franco953 » sab 22 dic 2018, 13:05

Interessante il programma dello IEO per la ricerca
Franco

Oncologia: le 5 priorità della ricerca sul cancro

L’ Istituto Europeo di Oncologia compie 25 anni. Nell’occasione ha organizzato il primo IEO Alumni Meeting, cui hanno partecipato 40 scienziati formati in IEO e oggi dirigenti di gruppi o istituti di ricerca in tutto il mondo, dagli USA a Singapore. Obiettivo: discutere le priorità della ricerca contro il cancro nel mondo nel prossimo decennio, e confrontarle con le strategie di Ieo. «Ieo è uno dei pochi centri in Italia a poter contare su una rete internazionale di talenti formati a un’unica scuola — ha spiegato Bruno Amati, Direttore del dottorato di ricerca e di una Unità di Ricerca IEO — Sono circa 200 gli studenti che hanno ottenuto un PHD in Ieo, italiani e non-italiani, e in 80 hanno lasciato l’Italia. Di questi, i 40 che sono qui oggi hanno raggiunto posizioni di leadership, che permettendo loro di incidere sulle strategie di ricerca internazionali. Non si tratta quindi di cervelli in fuga, ma di menti che hanno popolato il mondo, hanno fatto germogliare le loro idee e quelle degli istituti dove operano, e stanno a loro volta formando la nuova classe dirigente scientifica. Oltre a rappresentare una parte significativa dell’ eccellenza italiana nel mondo. Riteniamo quindi che la disseminazione e lo sviluppo delle nostre idee, attraverso la rete di Alumni, sia da considerare uno dei risultati importanti dei primi 25 anni di vita dello Ieo».


Medicina di precisione
«Abbiamo definito un obiettivo strategico e cinque priorità per raggiungerlo – spiega Piergiuseppe Pelicci, direttore della Ricerca IEO, e coordinatore del dottorato di ricerca — Siamo convinti che i prossimi progressi della lotta al cancro deriveranno dalla medicina di precisione, quindi i Cancer Center come Ieo devono trasformarsi in Istituti di Precision Medicine. Come? Dando priorità a cinque aree. Lo sviluppo della ricerca di base, cioè lo studio dei meccanismi molecolari e cellulari della malattia; l’approfondimento dei meccanismi di resistenza ai farmaci, sia delle terapie molecolari che dell’ immunoterapia, oltre che della chemioterapia; il potenziamento della genomica: biopsie liquide e integrazione di diverse tecnologie “omiche” (genomica, proteomica, metabolomica, radiomica) per una visione d’insieme dei meccanismi alla base dei tessuti sani e di quelli tumorali, che permetta di identificare quelli su cui si puo’ intervenire; l’accelerazione del processo di scoperta di nuovi farmaci; la medicina personalizzata , cioè uso delle caratteristiche di ogni paziente e/o del suo tumore per valutare individualmente il rischio di malattia, il percorso di prevenzione, l’accesso a terapie mirate».


Ricerca molecolare
Dunque l’enfasi sulla ricerca molecolare, che è la missione originaria del Dipartimento di Ricerca Ieo, resta la priorità numero uno. Oggi, spiegano i ricercatori, stiamo assistendo ad un boom di applicazioni cliniche di tecnologie e concetti un tempo riservati alla ricerca di base: il sequenziamento di ampie porzioni di DNA, le scienze omiche, l’epigenetica, la citometria multiparametrica, concetti di immunologia e soprattutto la bioinformatica. Ma senza la conoscenza dei meccanismi di base, la clinica è meno efficace. Inoltre, la ricerca puramente clinica, vale a dire i grossi trial randomizzati degli anni ‘90 e 2000, è chiaramente entrata in crisi, perché si avverte sempre di più la necessita’ di utilizzare informazioni biologiche e molecolari, come i biomarcatori, per adeguare il trattamento. Pertanto, mantenere una forte enfasi sulla ricerca di base, oggi si può tradurre di fatto in un maggior beneficio clinico. Inoltre è in particolare la comprensione dei meccanismi di malattia che consente di individuare farmaci mirati. Ormai gli esempi sono molti e la strada è segnata. Infine alcune modalità terapeutiche innovative, come le CAR-T cells in programma allo Ieo, necessitano di un livello di sofisticazione biologica molto alto. Queste terapie sono proponibili solo in ambienti in cui tali livelli sono raggiungibili».

I bisogni dei pazienti
«Non bisogna lasciare che la tecnologia sorpassi la scienza — precisa Pelicci — medicina di precisione non significa medicina “tecnologica”, ma “mirata” sui meccanismi che, per cause interne o esterne, si inceppano in una persona, quando si instaura e si manifesta quella malattia multiforme che per semplicità chiamiamo cancro». «La Medicina di precisione presuppone la capacità di capire l’impatto di tutte le componenti che influenzano la malattia, oltre a quelle molecolari — ha specificato Roberto Orecchia, Direttore Scientifico Ieo – Per questo il fil rouge del calendario di eventi per i nostri venticinque anni sarà l’ascolto e la condivisione dei bisogni e le aspettative dei nostri pazienti. Come facciamo da oltre dieci anni per le donne operate al seno in Istituto, organizzeremo incontri in cui i pazienti raccontano il loro vissuto della malattia e svelano quegli aspetti che non c’è mai tempo di approfondire nel rapporto medico-paziente, e che sono invece fondamentali per affrontare e superare la “rivoluzione” che un tumore crea in ogni vita. Possiamo imparare molto dai nostri pazienti. Il gruppo degli italiani trattati in Ieo è significativo: in 25 anni abbiamo accolto circa 850.000 pazienti da tutto il Paese e abbiamo effettuato, per fare un esempio, oltre 200.000 interventi chirurgici. Nei prossimi 25 anni, come Istituto di medicina di precisione, ci prepariamo a prendere in carico le persone che si rivolgono a noi in modo completo e soprattutto continuativo nel tempo. Se ancora non possiamo restituire a tutti una vita senza cancro, possiamo però impegnarci a restituire al maggior numero possibile di pazienti una vita di qualità anche durante la malattia».

Lavorare in team
«Non è usuale che un non americano ricopra posizioni del genere. Sicuramente gli italiani sono pochi a livello internazionale — ha sottolineato Giulio Draetta, oggi direttore scientifico del MD Anderson, un italiano a guida di un’ istituzione storica americana. Al MD anderson c’è un Presidente che crede nel valore degli intenti cioè gli obiettivi e il modo per raggiungerli. Ciò che ho esportato dallo Ieo negli Usa è prima di tutto la capacità di lavorare in team, al di là dei confini del proprio laboratorio. Non succede così nel resto del mondo Qui in Ieo non c’era il “laboratorio Draetta” ma gruppi che si formavano sulla base degli interessi comuni . Al MD anderson sto cercando di aprire le porte dei laboratori e realizzare lo stesso modello: Circa la priorità alla ricerca di base va detto che mai come oggi la ricerca ha contaminato la clinica. Pensiamo ai 2 atti principali dell’ atto medico: la diagnosi e la cura . Oggi il patologo usa i dati del Dna e il medico decide la cura sulla base dei meccanismi molecolari. Nascono nuove figure che devono fare da traduttore dell’ enorme mole di dati che derivano dalla ricerca. Per esempio il Bioninfornatico. Quindi oggi la ricerca di base è nell’ atto medico e la sfida del futuro è potenziarla ancora di più».
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”

stalker
Membro
Messaggi: 334
Iscritto il: gio 13 dic 2018, 13:15

Re: Oncologia: le 5 priorità della ricerca sul cancro

Messaggio da stalker » sab 22 dic 2018, 20:46

propaganda per raccogliere soldi (per l'ennesima volta): e molti fessi ci cascheranno, non ho dubbi.
Invece di spiegare alla gente che non deve bere latte, nè mangiare tutto quello fatto con le farine, invece di bloccare quella follia criminale che è il 5 g (60 Volt a metro, 10 volte il limite del 4G), invece di abbattere quei fottuti aerei che ogni giorno vi buttano in testa tonnellate di polveri di metallo.... mi fermo qui perchè mi si annebbia la vista dalla rabbia!

Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 3189
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Re: Oncologia: le 5 priorità della ricerca sul cancro

Messaggio da Franco953 » sab 22 dic 2018, 20:50

Staller
calma. Ma ti devi sempre incassare ?
C'è qualche argomento che puoi affrontare senza incazzarti?
Anche perché non fa bene alla salute.
Un abbraccio
Franco
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”

stalker
Membro
Messaggi: 334
Iscritto il: gio 13 dic 2018, 13:15

Re: Oncologia: le 5 priorità della ricerca sul cancro

Messaggio da stalker » sab 22 dic 2018, 20:58

Staller chi? Ilona staller alias cicciolina?? :D caro Franco, io vivo all'estero ma anche qui la situazione è grave. Aziende chiudono, negri ovunque (sopratutto nelle culle e nei passeggini, purtroppo); viviamo in una dittatura mascherata da democrazia chiamata "unione europea": e il tempo grigio del nord europa in cui vivo non aiuta, non vedo il sole da diverse settimane.

Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 3189
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Re: Oncologia: le 5 priorità della ricerca sul cancro

Messaggio da Franco953 » sab 22 dic 2018, 22:04

Chiedo scusa ma è il " maledetto correttore" che cambia da Stalker a Staller
Franco
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”

stalker
Membro
Messaggi: 334
Iscritto il: gio 13 dic 2018, 13:15

Re: Oncologia: le 5 priorità della ricerca sul cancro

Messaggio da stalker » sab 22 dic 2018, 22:33

Stalker è il titolo di un bellissimo film di Andrej Tarkovsky e il significato originario è "colui che si muove con circospezione"; il verbo inglese "to Stalk" indica l'atto tipico dei cacciatori che si muovono cautamente nel bosco alla ricerca della preda, o il lento procedere di un cecchino che cerca il punto migliore da cui sparare all'obiettivo.
Poi non ho mai capito perchè è diventato colui che perseguita vip o ex fidanzate: boh..misteri...
Io mi rifaccio al significato originale ovviamente.

Alex.cr
Membro
Messaggi: 289
Iscritto il: dom 4 mar 2018, 21:01

Re: Oncologia: le 5 priorità della ricerca sul cancro

Messaggio da Alex.cr » dom 23 dic 2018, 8:54

È importante che la ricerca vada avanti, ci sono tante persone che nel mondo passano la propria vita a sperimentare e studiare, meritano rispetto e non insulti e sospetti. Chi affronta tutto in maniera semplicistica e complottistica butta lì frasi fatte ma non affronta la realtà e non propone mai soluzioni, soprattutto nulla che abbia evidenza scientifica. Avanti con la ricerca

stalker
Membro
Messaggi: 334
Iscritto il: gio 13 dic 2018, 13:15

Re: Oncologia: le 5 priorità della ricerca sul cancro

Messaggio da stalker » dom 23 dic 2018, 10:51

La ricerca è importante...per chi? no perchè a leggere quello che si scrive in questo forum, anche oggi nel 2018, praticamente tutti quelli che si ammalano di tumore muoiono: e quindi? questi decenni di ricerca che risultati hanno portato? nada, zero, nessuna; in compenso big pharma ci ha fatto tanti soldi, gli oncologi (tipo quel criminale di veronesi, che per fortuna non è più in circolazione, colui che diceva che "da un inceneritore esce ZERO") si sono fatti una posizione sociale, e la ricerca si magna i soldi.
alex non sarà mica che anche tu fai parte di questo meccanismo schifoso e quindi hai interesse che continui? perchè diversamente non so come potresti campare, forse solo zappando la terra o raccogliendo pomodori? sai com'è. a pensar male tante volte uno ci prende...come diceva un altro che aveva capito tante cose.

Alex.cr
Membro
Messaggi: 289
Iscritto il: dom 4 mar 2018, 21:01

Re: Oncologia: le 5 priorità della ricerca sul cancro

Messaggio da Alex.cr » dom 23 dic 2018, 19:11

stalker ha scritto:
dom 23 dic 2018, 10:51
La ricerca è importante...per chi? no perchè a leggere quello che si scrive in questo forum, anche oggi nel 2018, praticamente tutti quelli che si ammalano di tumore muoiono: e quindi? questi decenni di ricerca che risultati hanno portato? nada, zero, nessuna; in compenso big pharma ci ha fatto tanti soldi, gli oncologi (tipo quel criminale di veronesi, che per fortuna non è più in circolazione, colui che diceva che "da un inceneritore esce ZERO") si sono fatti una posizione sociale, e la ricerca si magna i soldi.
alex non sarà mica che anche tu fai parte di questo meccanismo schifoso e quindi hai interesse che continui? perchè diversamente non so come potresti campare, forse solo zappando la terra o raccogliendo pomodori? sai com'è. a pensar male tante volte uno ci prende...come diceva un altro che aveva capito tante cose.
Io ci faccio parte? Vedi, ti manderei a quel paese in tempo zero visto che ho perso mio padre pochi mesi fa per questa bestia, ma siccome ho pietà del tuo vuoto passo oltre. Tu pensi male perché hai il paraocchi e vedi solo i tuoi complotti sputando sentenze su chi nemmeno conosci. Vergognati e basta, non c'è altro da dire.

stalker
Membro
Messaggi: 334
Iscritto il: gio 13 dic 2018, 13:15

Re: Oncologia: le 5 priorità della ricerca sul cancro

Messaggio da stalker » dom 23 dic 2018, 19:28

senti alex...permetti che io la pensi in modo diverso da te? permetti? ecco grazie mille!
Sei sicuro di stare bene con la testa? no perchè vedi complotti ovunque, scrivo cose che tu probabilmente neanche capisci e tiri in ballo i complotti: ma quali complotti? il commercio di farmaci adesso è un complotto? cercare di tirar su soldi tirando in ballo l'assolutamente inconcludente ricerca sul cancro sarebbe un complotto? no, è una strategia per tirare su due soldi, come quelli di amnesty international che perculano la gente con foto di 50 anni fa che mostrano negretti denutriti o le ONG che trasbordano africani con la scusa che sono rifugiati.
dopo le feste vai a farti vedere da uno bravo perché hai qualcosa montato male nella testa, fidati!

Rispondi

Torna a “Off topic: pensieri sparsi”