Racconto di vita: la mia depressione

In questa sezione si possono pubblicare tutte quelle discussioni che non trovano collocazione nelle altre stanze.
Rispondi
Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 3217
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Racconto di vita: la mia depressione

Messaggio da Franco953 » lun 7 gen 2019, 13:31

Molti pazienti malati di cancro così come molti famigliari di pazienti vengono colpiti , nel corso della loro esperienza, da un' altra bestia terribile : la depressione che complica ulteriormente
la situazione che stanno vivendo.
Pubblico una bellissimo racconto frutto dell' esperienza, vissuta da una persona , e che potrebbe aiutare molte persone.
Franco

Racconto di vita
Avrei voluto che fosse una fase, che si trattasse di pigrizia e che la volontà fosse sufficiente per cambiare tutto.
Quello che nessuno capiva era invece la perdita dell’autostima, il disincanto che vivevo.
Ne ho sentite dire tante sulla depressione, me ne hanno dette tante.
Già.. la chiamavano “freschezza”, come ad intendere che non avessi nulla di meglio da fare, mi hanno detto di smettere di pensare cose senza senso, di lavorare di più, di studiare di più, di smettere di pensare a tutta quella follia.
Mi hanno definito lamentosa, che hanno detto che usavo il termine depressione quasi per gioco, per suscitare compassione negli altri.
Alcuni invece, infastidito dal mio pianto, mi suggerirono uno psichiatra.
Quello che nessuno capiva, era la paura che sentivo, paura di parlare delle mie pene, del peso dell’angoscia che mi teneva sveglio, il perché cercassi rifugio nel sonno: per dimenticare il dolore e far passare il tempo più velocemente.

Era la lotta quotidiana di dover affrontare il mio “Io” a pezzi e poi tentare di riunirlo di nuovo.

Nessuno capiva quanto volessi uscirne: era una prigione. Ero prigioniera di paure, fallimenti, dolori e angosce. Nessuno capiva che non vedevo la grazia in nulla e non aveva nulla a che fare con l’antipatia.

Non capivano che la forza che mi trascinava a letto era molto più grande di quella che mi incoraggiava a uscire da esso e ad andare nel mondo per vedere e incontrare persone.
Non avevo la forza di parlare, salutare o persino vestirmi. Mi guardavo nello specchio, il mio vecchio pigiama strappato e i miei capelli in disordine…. Non importava, le lacrime erano molto più grandi dentro di me.
Oh quanto avrei voluto che fosse “freschezza” come dicevano gli altri, che fosse noia. Nessuno capiva che avevo perso l’autostima e vivevo il disincanto.
Non vedevano la mia lotta quotidiana per cercare di voltare pagina. Ma non riuscivo, sentivo troppo impotente di fronte a così tanto dolore .
Non pensiate che sia una mancanza di fede o mancanza di Dio. La depressione non riguarda la mancanza di religiosità. La depressione ha a che fare con i conflitti, con situazioni che spesso ci gettano nel baratro. La depressione non è debolezza ed è tutt’altro .
È come essere tra la marea che vuole ingoiarti: tu ci provi a salvarti, con tutte le tue forze, ma dopo poco sei stanco…
Non pensate che basti poco per uscirne, non pensate che “tanto passerà.”
Alle persone piace essere ascoltate e comprese per i loro malesseri, ma se tutto quello che avevano da dirmi erano i loro giudizi sbagliati, potevano stare zitti.
Nessuno si è fermato a vedere la tempesta in me. Nessuno capiva quanto faticassi a non piangere quando ero circondata da persone e stanca di lottare contro quei sentimenti che mi soffocavano, il più delle volte preferivo rifugiarmi nella mia stanza.
Ma per fortuna una via di uscita c’è, l’aiuto di persone valide, che sappiano cos’è la depressione è come si combatte, può aiutarci sul serio.
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”

Valentina&Sofia
Membro
Messaggi: 281
Iscritto il: mer 6 giu 2018, 14:49

Re: Racconto di vita: la mia depressione

Messaggio da Valentina&Sofia » mar 8 gen 2019, 22:14

Grazie Franco! È ciò che provo in questo momento...mia figlia mi sta molto aiutando, ma è proprio così che mi sento! Vorrei urlarlo al mondo, ma poi penso sia inutile...pochi ascoltano veramente, molti provano compassione, altri si scocciano. Ce la sto mettendo tutta, da sola, ci provo.

Mimì
Nuovo membro
Messaggi: 1
Iscritto il: mer 9 gen 2019, 9:46

Re: Racconto di vita: la mia depressione

Messaggio da Mimì » mer 9 gen 2019, 10:22

Buongiorno, vi seguo da tanto, da quando una malattia banale che comunque si chiamava K è entrata nella mia vita.( non sapevo che ci fossero k banali un basalioma), che poi in seguito ci sono state situazioni ben peggiori è un’altra storia, mia cognata si sta curando per un astrocitoma al Bellaria a Bologna.iComunque volevo parlare della “mia depressione” che puntualmente si ripresenta a ogni difficoltà. Ne ho sofferto la prima volta 18 anni fa,non sapevo cos’era , non chiesi aiuto, ero arrivata a uno stato “ larvale”. Non mi alzavo dal letto non mi curavo, non mangiavo, piangevo, temevo che cominciasse una nuova giornata. Il marito non mi sopportava più, non credevo di uscirne...poi non so come sono riuscita ad andare da uno psichiatra e ...con le medicine che per fortuna hanno funzionato.. dopo circa 4 mesi ho ricominciato a vivere..continuata la terapia per circa un’anno..e sono stata bene...ora riconosco i sintomi...e....la paroxetina ė la mia salvezza. Mai andata da uno psicologo....mi sarebbe costata troppa fatica ..la volonta mancava..Riprendere in mano la propria vita con la forza di volontà?...in quelle situazioni impossibilie...in bocca al lupo a tutti

Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 3217
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Re: Racconto di vita: la mia depressione

Messaggio da Franco953 » mer 9 gen 2019, 15:01

Grazie Valentina e Mimì per avere condiviso con noi la vostra esperienza.
Lo so non è assolutamente facile
Come ho raccontato in altri post, anch' io ci sono caduto e ho sofferto l' inferno
È già abbastanza positivo il fatto che sai riconoscere i segni premonitori del ritorno della depressione.
Alcuno ci riescono parzialmente mentre altri ci passano l' intera vita.
Anche la depressione è una malattia : una malattia della psiche che attraverso l' anima si impossessa del corpo e della mente
Ma se ne può uscire. Te lo dice chi ci è riuscito. Con tanto impegno , tanta determinazione e tanta umiltà.E chi non ci riesce non deve subire con rassegnazione perché diventa una vita triste e d' inferno, ma deve farsi aiutare.
Un abbraccio
Franco
Ultima modifica di Franco953 il mer 9 gen 2019, 17:13, modificato 2 volte in totale.
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”

Filomena
Membro
Messaggi: 1142
Iscritto il: gio 30 ago 2018, 17:10

Re: Racconto di vita: la mia depressione

Messaggio da Filomena » mer 9 gen 2019, 15:41

Grazie Mimí
E che Franco non ci è mancato nulla nella nostra vita..
Chi ha letto i miei post avrà letto che ho avuto problemi di ansia e attacchi di panico
In terapia da psichiatra e psicoterapeuta
Un calvario un tunnel senza fine..
Nessun farmaco funzionava avevo peggioramento
In tutto.. Quindi rinchiusi i farmaci
Omeopatia Fitoterapici.
Agopuntura.. E psicoterapia..
Sembra che tutto andasse bene o almeno c'era una stabilità arriva il cancro..
E non mi tocca minimamente
Convinta che una volta fatto l'intervento avrei risolto con i soliti controlli
Invece alla notizia che il mio era un recidivo e che presto si sarebbe ripresentato beh che dire
Ansia paura sono diventati una seconda pelle
Cerco di evitarla ma quando arriva..
X non parlare dei controlli
Una catastrofe totale
Sono in terapia con la psichiatra del regina elena
Ma mi sento dire che ha le mani legate..
Oltre gli ansiolitici non c'è altro
E vivo così
Vivere con un cancro e come vivere con un organo in più

Rispondi

Torna a “Off topic: pensieri sparsi”