Domanda - Psicologo o no?

In questa sezione si possono pubblicare tutte quelle discussioni che non trovano collocazione nelle altre stanze.
thegoodguy
Membro
Messaggi: 84
Iscritto il: lun 22 apr 2019, 19:27

Domanda - Psicologo o no?

Messaggio da thegoodguy » mer 18 set 2019, 20:35

Ciao a tutti,

Dopo un lutto secondo voi è utile rivolgersi a uno psicologo? Ho perso mia Mamma pochi mesi fà, ma sento dentro di me solo sentimenti di rabbia, tristezza e mi sento depresso, forse sono le fasi del lutto e mi serve più tempo, ma mi farebbe bene secondo voi andare da uno psicologo che mi aiuti a incanalare tutti questi sentimenti?

Grazie in anticipo per la Vs attenzione e le eventuali risposte
-Andrea
Mamma ti amo, ti sento sempre vicina a me.

Faby76
Membro
Messaggi: 879
Iscritto il: sab 12 mar 2016, 17:04

Re: Domanda - Psicologo o no?

Messaggio da Faby76 » mer 18 set 2019, 21:36

Ciao. Se sei sempre triste e stai male puoi chiedere un consulto e lo specialista valuta. Gli psicoterapeuti ti aiutano pure, essendo medici, prescrivendoti dei farmaci. Consultati con il medico di famiglia, se ritiene sia il caso di farsi visitare da uno psicologo o psicoterapeuta. Tranquillo che questo brutto periodo passerà prima o poi. Buona notte
Papà ti voglio bene, sei la mia vita. Ti penso ogni momento della giornata. PROTEGGIMI

3persempre
Membro
Messaggi: 116
Iscritto il: dom 22 lug 2018, 2:21

Re: Domanda - Psicologo o no?

Messaggio da 3persempre » mer 18 set 2019, 22:03

Ciao Andrea,
sono una psicoterapeuta, oltre che una paziente, visto che purtroppo ho avuto numerosi lutti, tra cui il più grave la perdita di mio marito. Io ti consiglio assolutamente di rivolgerti ad un terapeuta, con un trauma di questo tipo (ricordo la tua storia, la velocità di come si è svolto il tutto, il legame che avevi con tua madre) è difficile farcela da soli. Dai tuoi post vedo che la ferita è ancora aperta e rivolgersi ad uno specialista può solo aiutarti in un percorso che stai intraprendendo da solo. E' una stampella nel momento di fatica, poi dipenderà da tanti fattori il tipo di percorso che farete, quanto durerà o che piega prenderà. Devi pensare che lo fai per te stesso e per tua mamma che voleva sicuramente il tuo bene.
Non c'è bisogno di rivolgersi al proprio medico per decidere se va fatto o meno un percorso terapeutico, purtroppo i medici di base non sempre sono formai adeguatamente in merito e a volte ritengono più facile e immediato dare degli psicofarmaci senza un adeguato supporto terapeutico. Se senti che stai facendo fatica, che la testa è appesantita, che il cuore soffre, che i nervi non reggono, allora puoi richiedere un colloquio di consulenza e lì sarà lo psicoterapeuta a determinare se hai o meno bisogno di un suo aiuto.
Può esserti utile rivolgerti al medico piuttosto per chiedere se ha qualche nominativo affidabile di psicoterapeuti.
Ti consiglio anche, come ho fatto altrove, di valutare un terapeuta che abbia una formazione in EMDR, secondo me ti potrebbe molto aiutare.
Ultima modifica di 3persempre il mer 18 set 2019, 22:17, modificato 1 volta in totale.

3persempre
Membro
Messaggi: 116
Iscritto il: dom 22 lug 2018, 2:21

Re: Domanda - Psicologo o no?

Messaggio da 3persempre » mer 18 set 2019, 22:10

Spero che Andrea non se la prenda se sfrutto questo contesto per mettere chiarezza su un paio di punti su cui purtroppo c'è in generale confusione e anche per colpa dei nostri ordini professionali e del nostro sistema sanitario che, pur avendoci eguagliati alle altre figure sanitarie, ancora ci considera di serie B:

- Lo psicoterapeuta non è per forza un medico. E' una persona che come minimo ha studiato 5 anni psicologia in università, poi ha fatto almeno 1 intero anno di tirocinio formativo, quindi ha affrontato un difficile esame di abilitazione alla professione, quindi ha approfondito la pratica della psicoterapia per altri 4 anni (prima era solo psicologo, poi diventa psicoterapeuta) frequentando una scuola di specializzazione (pari alla specializzazione in cardiologia/pediatria/ecc del medico). Anche questi 4 anni sono corredati da tirocini obbligatori, oltre al fatto che parallelamente si inizia comunque ad esercitare la professione, per un totale quindi di circa 11 anni di studi e pratica. A questa ultima fase, ovvero la specializzazione in psicoterapia, possono accedere anche medici, come ad esempio gli psichiatri. Ma lo psicoterapeuta non è per forza medico e lo psichiatra non è per forza psicoterapeuta , anche se può accadere che vi siano psichiatri che decidano di formarsi anche come psicoterapeuti. Scelta sacrosanta, tra l'altro, perché:

- i farmaci sono utilissimi, ma vanno affiancati da un adeguato percorso di tipo psicologico. Non un colloquio ogni sei mesi, ma un vero percorso con incontri ravvicinati, che possa essere complementare alla terapia farmacologica. Le goccine fanno bene, ma se non le affianchiamo a qualcuno che ci aiuti a togliere quel peso insostenibile dal petto, che ci rilegga certi nostri comportamenti con occhi diversi, che ci aiuti a superare i sensi di colpa e i ricordi traumatici ricorrenti, fanno il loro lavoro a metà. Ci sono fior fiore di studi che dimostrano questa cosa.
Si può scegliere di fare riferimento a due figure distinte, ovvero un medico e uno psicoterapeuta oppure ad uno psichiatra che sia formato in psicoterapia, è una scelta personale. Personalmente prediligerei due figure distinte, ma non è una regola
NB. lo psicoterapeuta NON PUO' PRESCRIVERE FARMACI se non è medico. Può lo psichiatra.

- da ciò si può dedurre che tutti i counselor, i life coach e le figure che gravitano intorno alla sfera della salute mentale, i quali sono formati solo con un diploma che prevede qualche mese di incontri, a cui può accedere qualsiasi figura professionale, anche l'elettricista (con tutto il rispetto per l'elettricista, ma a parti invertite vorrei vedere chi di voi farebbe mettere ad una psicologa le mani sul proprio impianto elettrico), sono figure che sicuramente in alcuni frangenti possono anche essere di sostegno, ma magari quando ci sono delle vulnerabilità come quelle che si affrontano quando si entra nel tunnel dell'oncologia o quando ci sono sintomi o malesseri gravi, sono da evitare. Informatevi sul percorso di formazione di chi state prendendo in considerazione.

Per qualsiasi dubbio scrivetemi pure.

thegoodguy
Membro
Messaggi: 84
Iscritto il: lun 22 apr 2019, 19:27

Re: Domanda - Psicologo o no?

Messaggio da thegoodguy » mer 18 set 2019, 22:39

cos’é la tecnica EMDR?
Mamma ti amo, ti sento sempre vicina a me.

3persempre
Membro
Messaggi: 116
Iscritto il: dom 22 lug 2018, 2:21

Re: Domanda - Psicologo o no?

Messaggio da 3persempre » mer 18 set 2019, 23:07

L'EMDR è un particolare approccio di psicoterapia, che affianca ad un percorso più "classico" un particolare lavoro sui traumi. Io non sono esperta, non l'ho studiato volutamente per potermi approcciare da paziente scevra da preconcetti e conoscenze troppo approfondite, ma so per certo che è molto efficace e interviene sui ricordi traumatici e sulle esperienze molto logoranti, lavorando sui movimenti oculari e sui ricordi nel tentativo di "scaricare" il ricordo da tutto il carico emotivo che lo rende doloroso e traumatico. Questo in parole poverissime, perché poi ovviamente si interviene, tramite delle tecniche di stimolazione particolari, sulle associazioni dei ricordi a livello di sistema nervoso, "spostando" il ricordo dai nuclei cerebrali più profondi a quelli più superficiali... ma non sono così preparata a riguardo da sapere i dettagli.
Anche io sto per affrontare questo tipo di intervento terapeutico, ho mandato da persone specializzate anche miei pazienti e addirittura conoscenti e tutti ne hanno tratto grande beneficio. Spero sia così anche per me.

Faby76
Membro
Messaggi: 879
Iscritto il: sab 12 mar 2016, 17:04

Re: Domanda - Psicologo o no?

Messaggio da Faby76 » mer 18 set 2019, 23:43

Grazie. Una lezione a tutti gli effetti. Io personalmente sono n cura da uno psichiatra_ psicoterapeuta. Prendo dei farmaci leggeri e vado a colloquio di tanto in tanto.
Papà ti voglio bene, sei la mia vita. Ti penso ogni momento della giornata. PROTEGGIMI

3persempre
Membro
Messaggi: 116
Iscritto il: dom 22 lug 2018, 2:21

Re: Domanda - Psicologo o no?

Messaggio da 3persempre » gio 19 set 2019, 0:35

Di certo l'obiettivo non era mettermi in cattedra, ma essere d'aiuto, visto che a volte quando non ci si sa muovere in questo campo si può incappare in errori che, se piccoli, aggiungono sale su ferite che già sono abbastanza dolorose, se grandi, possono rovinarcela irrimediabilmente. Ci sono ancora tanti preconcetti e tanti malintenzionati o anche solo incompetenti.
La salute mentale è una cosa trascurata e su cui ancora c'è tanta confusione, la chiarezza è l'unica arma che abbiamo noi che ci occupiamo di preservarla.
Spero di potere essere utile a qualcuno.

Un abbraccio a tutti

framila
Membro
Messaggi: 131
Iscritto il: lun 15 ago 2016, 20:50

Re: Domanda - Psicologo o no?

Messaggio da framila » gio 19 set 2019, 8:53

3persempre....fantastico approfondimento! In giro c'è tanta confusione e la gente fatica a capire. Io ahimè per vicissitudini familiari (oltre al mio cancro al seno dell'anno scorso a 39 anni) ho intrapreso un profondo percorso di psicoterapia a seguito di un gravissimo trauma e pq dottoressa che si è presa cura di me, seriamente, prima mi ha consigliato un approccio fitoterapico e poi la tecnica emdr che devo dire... è stata più che utile. Non che il dolore sia passato o che tutto ora sia perfetto ma grazie a questa tecnica ho elaborato il trauma che mi teneva avvinghiata nella morsa della paura e dei sensi di colpa e sono riuscita ad andare avanti. Sono tornata a dormire senza più svegliarmi immersa in quell'incubo che si è materializzato, ho imparato a gestire le mie difficoltà, a chiedere aiuto e a fermarmi quando sento che sto perdendo il filo. Ho lavorato tanto sull'ansia da continua ricerca di perfezione che aveva esaurito ogni mia fonte energetica!
Insieme abbiamo scelto di non utilizzare psicofarmaci dato che cmq ho tre bimbi da seguire e io non me la sentivo di usare medicine (con il patto però che se non fossimo giunte al traguardo sperato avremmo rivisto la situazione) . Per me la psicoterapia è stata fonte di salvezza, ho lavorato tanto, mi sono sentita accudita e accompagnata e pian piano ho imparato a farcela da sola. Continua il mio percorso ma ora, metabolizzato il trauma vissuto, ho potuto focalizzare l'attenzione sul resto e sento che posso farcela.
Personalmente ho scelto questa persona perché conoscevo la sua formazione e mi piaceva molto anche l'approccio olistico che lei ha...ovvio che ognuno deve trovare la propria persona!

framila
Membro
Messaggi: 131
Iscritto il: lun 15 ago 2016, 20:50

Re: Domanda - Psicologo o no?

Messaggio da framila » gio 19 set 2019, 8:55

Consiglio vivamente la tecnica emdr se fatta da persone competenti. Di fronte a grossi traumi bisogna chiedere aiuto...

 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Off topic: pensieri sparsi”