Progetto fotografico

In questo spazio è possibile raccontare e pubblicare le storie di coloro che sono riusciti, anche attraverso il dolore e la sofferenza, a sconfiggere la malattia.
Rispondi
olomarco
Nuovo membro
Messaggi: 2
Iscritto il: mar 23 mag 2017, 11:42

Progetto fotografico

Messaggio da olomarco » mar 23 mag 2017, 12:21

Ciao a tutti,

mi presento brevemente: mi chiamo Marco e nel 2004 mi avevano diagnosticato un tumore al testicolo stadio II; due operazioni, tre cicli di chemioterapia e poi 5 anni di analisi, tac, radiografie. A distanza di tanti anni ancora ci penso quasi tutti i giorni, magari per un breve istante, ma ci penso.

E' stata l'esperienza più drammatica che abbia vissuto e al contempo la più formativa, sia in senso positivo che in senso negativo.
Non si può ritornare alla vita "normale" del "prima", per forza di cose, qualcosa cambia e nel mio caso se da un lato ho pian piano rifocalizzato la mia vita cercando di concentrarmi sulle cose veramente importanti, dall'altro ancora fatico a capire quali esse siano (le cose importanti) e soprattutto a reinserirmi nella società di persone che non hanno attraversato questa esperienza: molte delle cose per le quali si preoccupano i miei amici e colleghi, molti dei loro affanni e delle loro preoccupazioni, mi sembrano sciocchezze e se questo aiuta forse a indirizzarmi sulle cose importanti, dall'altro svuota di contenuto, significato e passione molte cose nelle quali prima trovavo un senso (il lavoro in primis).

Per questo forse nel tempo ho cercato di trovare nuovi stimoli, nuove attività che mi facessero sentire più "vivo" e ho cercato di uscire dalla mia comfort zone cercando nuovi slanci: le maratone, il triathlon, imparare a suonare uno strumento, viaggiare di più, e la fotografia (da sempre una mia passione).

Recentemente ho avuto l'occasione di fotografare una ragazza che sta attraversando il difficile periodo delle cure per una forma aggressiva di leucemia: mi ha contattato chiedendomi di farle qualche foto ed è stata un'esperienza bellissima per entrambi. Vedere la mamma con le lacrime agli occhi mentre la figlia si faceva truccare (anche se le foto più belle sono quelle che abbiamo scattato "senza trucco") è stato un momento che non dimenticherò.

Vorrei però fare qualcosa di diverso, non facilissimo sulla carta: un progetto a "quattro mani" (fotografo e "modello") per raccontare con le proprie parole (o meglio con una immagine) la propria esperienza perché, immagino, ad ognuno di noi il cancro ha lasciato un messaggio diverso. A me ad esempio (sarà brutto a dirsi forse) mi ha lasciato un gran senso di solitudine: nonostante fossi circondato dall'affetto dei miei familiari e dei miei amici, nei momenti più difficili (le notti, i picchi di nausea...) ero solo nel mio dolore fisico e ancor più solo nei miei pensieri. Non ricordo chi lo disse, ma nella morte siamo tutti soli, e forse questo vale anche per il pensiero della morte, quando si è svegli nel cuore della notte mentre tutti gli altri dormono e il pensiero va lì. Ed è questa solitudine che vorrei cercare di rappresentare con la mia foto (alla quale sto lavorando).

Mi scuso se sono stato un po' prolisso e spero di aver chiarito l'obiettivo del progetto che ovviamente non ha alcun fine "commerciale" o "pubblicitario". Il mio è un hobby e vorrei che l'esperienza più importante della mia vita ne facesse parte. Se qualcuno volesse partecipare, se avesse una storia da raccontare da "fermare" in un'immagine, sarei felicissimo di collaborare.

Grazie,
Marco

stellastella
Membro
Messaggi: 366
Iscritto il: dom 10 gen 2016, 22:43

Re: Progetto fotografico

Messaggio da stellastella » mar 23 mag 2017, 22:50

Ciao Marco ti ho letto ora in questo tuo obiettivo di farti un progetto fotografico....io ho perso mio fratello 11 mesi fa per un glioblastoma multiforme e tre mesi prima papa alla improvviso eravamo tutti presi con mio fratello ed ogni volta che andavamo alla radio...poi si andVa al ristorante e li facevamo tante foto...immortalavamo quei momenti..in cui io non ho mai pensato che potesse perdere la sua lotta...ho tanta solitudine ora

riley88
Membro
Messaggi: 5
Iscritto il: dom 22 gen 2017, 11:03

Re: Progetto fotografico

Messaggio da riley88 » mer 24 mag 2017, 18:24

Ciao Marco
di dove sei?
Io sto affrontando lo stadio finale della malattia della mia mamma, di lavoro faccio la fotografa e la cosa più assurda é che in questo momento così tragico e da quando un anno fa le è stata diagnosticata la malattia non riesco a fare più foto che non siano di lavoro.
Avrei voluto fare un progetto fotografico, ma forse per ora è troppo doloroso.
Ti auguro che la fotografia per te sia sempre fonte di vita e di ispirazione, certamente ha un forte potere terapeutico. Sarei felice di vedere le immagini che scatti se vorrai condividerle.

Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 3243
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Re: Progetto fotografico

Messaggio da Franco953 » gio 25 mag 2017, 11:31

Ciao
la fotografia può avere un effetto positivo e quasi terapeutico per i malati
Personalmente fotografo da circa 20 anni ma semplicemente per diletto personale. Per me è un hobby e non una professione
Alcune foto che ho scattato sulla città di Milano sono state pubblicate delle riviste.
La fotografia mi ha salvato da tre situazioni veramente critiche. Mi ha permesso di riprendermi dalla morte di mio padre per un tumore al midollo spinale e di affrontare il tumore di mia moglie e di mio nipote.
La fotografia può essere un mezzo eccellente per vedere la vita da un punto di vista del tutto particolare, più riflessivo e vero
La fotografia fa parte anche del "Progetto giovani" sviluppato dall'Istituto dei Tumori di Milano e dedicato al reparto pediatrico di oncologia.
Questa parte del progetto l'hanno chiamato "La ricerca della felicità" evidenziando che la progettualità è una potente cura.
negli anni 2015/2016 i ragazzi/ragazze ricoverati nell'Istituto si sono misurati con la fotografia
Riporto un commento significativo di una dottoressa dell'Istituto:
" La ricerca della felicità le ha aiutate a capire che la crescita umana che questa malattia ha prodotto si può trasformare in bellezza. I ritratti urlanti,malinconici, sfacciatamente seducenti nonostante tutto, sono ritratti che mostrano ragazze bellissime che non hanno paura di gettarci in faccia la loro fatica con immagini potentissime e di sconvolgente maturità, anche estetica"

Il mio consiglio quindi è di aiutare Marco in questo progetto che potrebbe diventare, per tutti coloro che parteciperanno, un esperienza importante
Un abbraccio

Franco
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”

olomarco
Nuovo membro
Messaggi: 2
Iscritto il: mar 23 mag 2017, 11:42

Re: Progetto fotografico

Messaggio da olomarco » gio 1 giu 2017, 12:20

riley88 ha scritto:
mer 24 mag 2017, 18:24
Ciao Marco
di dove sei?
Io sto affrontando lo stadio finale della malattia della mia mamma, di lavoro faccio la fotografa e la cosa più assurda é che in questo momento così tragico e da quando un anno fa le è stata diagnosticata la malattia non riesco a fare più foto che non siano di lavoro.
Avrei voluto fare un progetto fotografico, ma forse per ora è troppo doloroso.
Ti auguro che la fotografia per te sia sempre fonte di vita e di ispirazione, certamente ha un forte potere terapeutico. Sarei felice di vedere le immagini che scatti se vorrai condividerle.
Ciao,
so quanto sono dolorosi questi momenti. Io ho appena salutato mio suocero (che conoscevo da 20 anni) che ha perso una battaglia con un tumore ai polmoni, malattia che ha affrontato con grande dignità e forza fino all'ultimo, cosa che mi ha insegnato moltissimo (credo) sul nostro destino comune.
E' di questo ultimo mese la foto più bella che però non avrei mai scattato, e che conserverò tutta per me nei miei ricordi: vedere mia moglie, una "ragazza" di 39 anni, che gli teneva la mano e con l'altra gli accarezzava la testa mentre lui respirava a fatica con gli occhi chiusi.

Ercole
Nuovo membro
Messaggi: 1
Iscritto il: sab 16 nov 2019, 8:50

Re: Progetto fotografico

Messaggio da Ercole » dom 17 nov 2019, 18:41

Ciao Marco.
Volevo chiederti,oltre ai 3 cicli di chemioterapia hai parlato di due interventi;che tipo di interventi hai avuto grazie

Rispondi

Torna a “Il cancro e poi... la vita! (Le nostre storie)”