Aeroporto di Stansted! Come fare del male ad un malato terminale...

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
Rispondi
Cixi
Nuovo membro
Messaggi: 1
Iscritto il: mer 30 mar 2011, 18:33

Messaggio da Cixi » mer 30 mar 2011, 18:54

Ciao a tutti.

Mia madre è dovuta andare a Londra qualche giorno fa ed ha preso 4 voli.

Partita da Perugia arrivata a Stansted. Partita da Gatwick per altra destinazione poi tornata a Gatwick e ripartita da Stanted per Perugia.
Mia madre è malata terminale di tumore al polmone ed ha necessità di portare con se alcuni farmaci salvavita non c'è alcune lozioni idratanti prescritte dal medico e degli altri liquidi speciali sempre prescritti dal medico per combattere effetti che i farmaci che prende hanno sulla sua pelle.
I viaggi da Perugia e da Gatwick sono andati tutti bene perchè lei aveva con se nel suo bagaglio a mano una busta con questi farmaci salvavita e con tanto di dichiarazione dell'oncologo scritta in due lingue ITA-ENG dove si faceva la lista dei medicinali da portare con se SEMPRE! Firmato e timbrato dall'oncologo dell'ospedale.

Peccato che a Stansted quando l'hanno accompagnata in carrozzella al gate gli agenti della sicurezza e quelli che la accompagnavano che lavorano in aeroporto gli hanno fatto buttare via tutto. Mia madre ha volato senza alcuni farmaci che le erano stati prescritti e con questo mettendo a rischio non solo la sua incolumità personale ma anche il volo. Vorrei chiedere come fare far arrivare una denuncia effettiva formale agli organi competenti inglesi e semmai a chi dall'Italia può segnalare questo fatto che reputo increscioso e contro ogni regolamento. Sono davvero sconcertato per quanto accaduto e per come un malato viene trattato da questi vili personaggi che si approfittano della malattia di una persona per buggerarla e deriderla facendogli risatine in faccia e fregandosene del suo male! Vi ringrazio e se potete aiutarmi a mettermi in contatto con qualche associazione inglese che possa occuparsi del caso in modo che questo non succeda mai più a nessuno ve ne sarei grato.


Avatar utente
Staff AIMaC
Moderatore
Messaggi: 244
Iscritto il: ven 9 apr 2010, 20:02
Contatta:

Messaggio da Staff AIMaC » gio 31 mar 2011, 20:22

Caro Cixi,

comprendiamo chiaramente, dalle tue parole, il disappunto e la rabbia provati nell'apprendere quanto capitato a tua mamma.

In merito alla tua domanda ti invitiamo, quindi, a contattare la nostra help-line al numero verde 840 503579 o all'indirizzo e-mail info@aimac.it allo scopo di poter ricevere maggiori informazioni sui diritti che spettano ai pazienti oncologici e le associazioni alle quali rivolgersi per una consulenza.
Un caro saluto,
Lo Staff di AIMaC.

Per maggiori informazioni e orientamento gratuito, contatta l'help-line di AIMaC:
- numero verde 840 503579
- numero fisso 06 4825107
- e-mail info@aimac.it
- sito www.aimac.it

Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 8 ospiti