Come si puo andare avanti ??

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
Rispondi
risha
Membro
Messaggi: 47
Iscritto il: sab 16 feb 2013, 1:51

Messaggio da risha » lun 11 nov 2013, 17:01

Ciao paolo scrivo molto di rado su questo forum anche se conosco un pò le storie di tutti e naturalmente la tua. Ieri mi è preso un tuffo al cuore quando ho letto il tuo messaggio, ho pianto e pregato per te. Paolo sii forte come lo sei stato fino ad adesso, ti penso.


piccolina84
Membro
Messaggi: 137
Iscritto il: ven 28 giu 2013, 16:24

Messaggio da piccolina84 » lun 11 nov 2013, 22:29

Paolo ti dedico la nuova canzone di Giorgia ...."quando una stella muore fa male"...

quella stella sei tu....prego per te!


CuoreDiMela
Membro
Messaggi: 4
Iscritto il: mer 16 ott 2013, 21:23

Messaggio da CuoreDiMela » mar 12 nov 2013, 1:39

Paolo è da un po' di tempo che seguo silenziosa questo forum e la tua storia mi ha colpito sin dall'inizio. Malgrado io non ti conosca di persona, mi sono ritrovata spesso a pensare a te e a chiedermi con apprensione come stesse andando il tuo percorso.

Mi sono letteralmente sentita il cuore in gola quando ho letto il tuo ultimo messaggio. Purtroppo non possiamo fare niente contro un destino infausto, ma possiamo amare le persone che condividono questo percorso chiamato vita con noi. E di questo tu sei sicuramente un esempio. La forza con la quale tu hai combattuto per la tua famiglia fa di te un vero guerriero. Ti porterò sempre nei miei pensieri con tanto affetto.


rori
Membro
Messaggi: 33
Iscritto il: mer 23 gen 2013, 6:06

Messaggio da rori » mar 12 nov 2013, 16:48

Ciao Paolo, non mi conosci, sono una ragazza che ha da poco perso il papà. Ho letto il tuo post e mi colpisce tanto questa consapevolezza che hai e l'almeno apparente serenità che vive nel tuo cuore. Avrei voluto davvero tanto che mio padre mi dicesse addio, che mi dicesse qualcosa, qualche parola per vivere la vita senza di lui, che mi mostrasse questa accettazione, che mi dicesse di star tranquilla. Le circostanze erano diverse e non è andata così. E rimpiango quell'ultimo abbraccio che non c'è stato. Mi permetto allora di salutare te Paolo, anche se non ci conosciamo. Ciao Paolo e grazie.


chiarotta
Membro
Messaggi: 303
Iscritto il: gio 7 nov 2013, 21:41
Località: Firenze

Messaggio da chiarotta » mar 12 nov 2013, 23:18

Ciao a tutti e tutte. Voi non mi conoscete ma io conosco un po' molti di voi, perché è da un po' di tempo che partecipo, pur in silenzio, a questo forum. All'inizio piu' sporadicamente, ci capitavo per trovare qualche eventuale notizia che potesse interessare il nostro caso....poi è diventata un po' un'abitudine continuare a seguire le vostre storie, per cercarvi il coraggio di andare avanti e anche per avere ancora qualcuno per cui "fare il tifo". Nonostante siamo circondati da tante persone che ci amano e che ci sono state vicine durante e dopo, mi sono accorta che solo chi ci è passato puo' davvero capire cosa si prova; non credo sia questione né di scarsa sensibilità né di mancanza di rispetto, solo che non possono rendersi conto per loro fortuna..e che invidia...forse anche io prima ero così, quando pensavo che certe cose accadessero si tutti i giorni..ma agli altri. Poi tutto è cambiato, ed è stata questione di poche ore. L'8 gennaio 2012 io e mia mamma accompagniamo il babbo al pronto soccorso perché da poco prima di Natale accusa malessere, soprattutto al mattino, con nausea e urti di vomito. Era stata ipotizzata una forma influenzale..poi era stata data la colpa alla nuova pasticca del mattino (mio padre aveva da circa un anno il diabete)che poteva dare simili disturbi..Quando torniamo al pronto soccorso dopo un paio d ore la diagnosi è inimmaginabile: ci sono numerose metastasi cerebrali.

A parte dirvi che negli oltre venti giorni di ospedale con relativi analisi e accertamenti viene diagnosticato un adenocarcinoma polmonare IV stadio, con metastasi epatiche, surrenali e cerebrali il esto lo lascio immaginare..ha detto bene qualcuno qui nel forum, che è sempre lo stesso film, cambiano solo gli attori. Lo sgomento, l'incredulità di sapere che è un malato terminale una persona che reputavi sana; il terrore, l'impotenza..la ricerca spasmodica di informazioni su internet..la ricerca di un medico che ti dia opinione diversa da quella infausta che ti è stata prospettata..e via dicendo, con tutte le domande assillanti sui perchè e i "per come" proprio a lui, così giovane ancora,solo 57 anni. Nulla di diverso e nuovo da quanto già molti di voi sanno. Il mio babbo, inutile dire una persona eccezionale ed adorabile, ha combattuto come un leone, è stato un grande perché ha dato lui il coraggio a noi, tanto che abbiamo pensato contro ogni pronostico e statistica che potesse vincere lui. Ed è quello che continuo a pensare per voi e i vostri parenti quando leggo i vostri pensieri in questo forum, augurandovi tutto il bene e il coraggio possibili. Il coraggio del mio babbino caro, che a distanza di un anno ed un mese mi manca da morire, lui che non ha mollato mai, sempre con il sorriso anche nell'ultimo maledetto mese, quando la situazione è precipitata ed è peggiorato a grandi passi, di giorno in giorno..continuando a dire che stava bene.

Scrivo solo ora e proprio ora perché ho letto i post di Paolo e se ancora ha la forza e la voglia di leggere voglio dirgli che lo penso e lo abbraccio come fosse il mio babbo, un altro Paolo, come lui consapevole ma molto fiducioso in Dio e per questo sereno fino all'ultimo. Io non credo, non ho questo conforto e non l'ho trovato nei mesi di disperazione pur cercandolo, ma ho visto nel mio babbo la lucida serenità di chi sa dove sta andando e ci va senza paura, a testa alta. Perché chi ha amato tanto e ha dato tanto, chi è stato amato altrettanto non deve avere paura di niente. Quindi te lotta fino in fondo, fin quando puoi e vuoi, ma non aver paura mai,finirà il dolore e resterà un amore eterno che ci terrà sempre insieme. Io penso questo e il mio babbo lo vedo in ogni momento e lo sento vicino in ogni cosa, è dentro di me, alla faccia del cancro!!

Forza Paolo e forza tutti!!!!!


GIORNOPERGIORNO
Membro
Messaggi: 1152
Iscritto il: lun 18 ott 2010, 16:08

Messaggio da GIORNOPERGIORNO » mar 12 nov 2013, 23:36

Grazie Chiara, mi hai commossa .......


piccolina84
Membro
Messaggi: 137
Iscritto il: ven 28 giu 2013, 16:24

Messaggio da piccolina84 » mar 12 nov 2013, 23:56

Grazie mille chiarotta, hai commosso anche me e l'ultima frase mi ha fatto sorridere....

Avevamo tutti bisogno di questa ventata di speranza e di forza...6 una donna coraggiosa e in gamba...la rileggero' spesso, quando la tristezza e la sfiducia prenderanno il sopravvento... ti abbraccio forte... il tuo papi sarà orgoglioso di te!!!!


chiarotta
Membro
Messaggi: 303
Iscritto il: gio 7 nov 2013, 21:41
Località: Firenze

Messaggio da chiarotta » mer 13 nov 2013, 0:47

Grazie a voi. Contavo di trovare persone che parlano la mia stessa lingua. Quando si condividono paure, ansie, ma anche speranza e coraggio ci si capisce al volo! e comunque non credo di essere particolarmente brava o coraggiosa, ho avuto ed ho ancora momenti di desolante vuoto..vi sarà capitato di guardarvi intorno e di non vedere nulla che abbia un senso..? poi dentro di noi scatta qualcosa che non credo nemmeno dipenda dalla nostra volontà..ed è quella forza strana e inaudita che ci fa andare avanti, come il titolo di questa discussione. Come si fa? bo..e chi lo sa, si fa e basta e non lo si insegna e spiega a nessuno perché non si può..però avanti si va tutti, senza nemmeno saperlo come si fa, tanto è il dolore che alle volte ci schiaccia. Il fatto è che non si sceglie quasi niente di quello che ci succede,e sono cose cui non possiamo dare un senso. Ma si può scegliere come affrontarlo e io ho molto imparato nei mesi belli e terribili della malattia di mio padre. Terribili perché sapevo dentro di me, pur volendolo negare per sopravvivere, dove saremmo andati a finire. Belli perché mi sono goduta al massimo il mio babbo, siamo stati tanto insieme e abbiamo fatto un sacco di cose..mai tante quanto avremmo voluto certo..ma il tempo non mi sarebbe mai bastato e l'ultima sera che gli ho parlato, e forse non poteva più sentirmi, gli ho comunque dato il "permesso" di andare se era stufo...visto che qualche giorno prima quando stava male aveva detto "basta, non ne posso più". Poteva andare, era il mio babbo super eccezionale lo stesso e volevo solo stesse bene e non si preoccupasse. Il resto verrà da sé. Il mio babbo diceva che le cose non succedono mai per caso, e io mi fido molto del mio babbo..quindi anche se per adesso il motivo di quello che gli è successo mi sfugge, credo che sarà così e lo immagino tranquillo e beato da qualche parte, come era lui. Sono contenta di aver scritto qui, dopo tanto che non trovavo il coraggio. Sono tra amici. A presto


eli75
Membro
Messaggi: 635
Iscritto il: mer 24 lug 2013, 5:32

Messaggio da eli75 » mer 13 nov 2013, 1:50

Paolo... un pensiero per te!


GIORNOPERGIORNO
Membro
Messaggi: 1152
Iscritto il: lun 18 ott 2010, 16:08

Messaggio da GIORNOPERGIORNO » mer 13 nov 2013, 3:01

Carlotta, sei una ragazza molto equilibrata e, anche se posso solo immaginare il dolore, serena.

Credo a quello che scrivi. Papà è veramente in un luogo di pace e vicino a voi.

Spero tu voglia rimanere con noi nel nostro forum.

grazie


 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”