Disperazione più totale

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
vivi1972
Membro
Messaggi: 105
Iscritto il: ven 1 nov 2013, 22:37

Messaggio da vivi1972 » lun 2 dic 2013, 22:21

ciao Cricri tuo padre ha lo stesso tumore del mio, quanti anni ha?

non gli hanno detto di fare le chemio?


cricri6767
Membro
Messaggi: 102
Iscritto il: ven 29 nov 2013, 6:04

Messaggio da cricri6767 » lun 2 dic 2013, 22:44

Ciao Vivi,mio padre ha 84 anni,ma ha sempre avuto una salute di ferro,fino a poco tempo fa si faceva 30 km in bici tutti i giorni. Tutto questo per rendere l'idea,fisicamente era come ne avesse 15 di meno. Mi rendo conto che purtroppo non si può vivere in eterno ma mai avrei immaginato in questo modo...poi c'é che chi dice come una dottoressa dell'ospedale dove ora è ricoverato" é arrivato fin quà,ad 84 anni pazienza". Ed io dico:pazienza???é mio padre,ne avesse anche 100 di anni!!! La chemio me l'hanno sconsigliata perché ormai è diffuso,a detta loro sarebbero più gli effetti collaterali che i benefici....non so più cosa pensare,oggi gli hanno fatto una TAC per vedere cervello e polmoni...aspettiamo gli esiti. Vivi tu invece ? Tuo papà? Come sta procedendo?


chiarotta
Membro
Messaggi: 303
Iscritto il: gio 7 nov 2013, 21:41

Messaggio da chiarotta » mar 3 dic 2013, 0:33

Le sensazioni ed i sentimenti che proviamo o che abbiamo provato sono gli stessi. Nonostante siamo persone diverse e diverse siano le nostre storie, il dolore ci rende davvero identici. La rabbia, la frustazione, l 'impotenza..l'andare avanti per inerzia, perché si deve e non si può fare a meno. Tutto che cambia in un attimo e la vita di prima..andata..proprio quando ci rendiamo conto che era perfetta e non l abbiamo apprezzata perché data per scontata. Di cose terribili è pieno il mondo, ma succedono agli altri.. no, invece succedono anche a noi e a chi amiamo. Il tempo non basta mai, non è più nostro..è poco perché non vorremmo mai lasciare, è troppo perché non vorremmo veder soffrire..e ad un certo punto non si sa che augurarsi quando tutto è perduto.

Te Renata goditi fino all'ultimo la tua mamma come io ho fatto con il mio babbo e quando sarà il momento fate solo in modo che soffra il meno possibile..che sarà sempre tanto perché solo il dolore psicologico di sapere..non è cosa umana. Egoisticamnete avrei dato qualsiasi cosa solo per un' altra ora con il mio babbino caro, ma se penso come l'h visto stare dico che no, a quelle condizioni no. non lo vorrei per me e non lo voglio per nessuno.Tanto pronti non saremo mai, non è nella nostra natura credo e di accettare che una persona di 57 anni muoia così non se ne parla. Il dolore per una perdita è sempre uguale, per qualsiasi motivo e per qualsiasi età..se il mio babbo fosse stato vecchio mi sarei comunque disperata nel perderlo in questo modo, o anche in un altro. magari cambia per il dopo..ci se ne può fare una ragione penso..cosa che io non posso farmi, nemmeno a distanza di tempo. Un abbraccio a tutte.

Chiara


vivi1972
Membro
Messaggi: 105
Iscritto il: ven 1 nov 2013, 22:37

Messaggio da vivi1972 » mar 3 dic 2013, 0:36

Mio padre procede abbastanza bene, certo le chemio lo fanno stare male un po' di giorni. In lui c'e' sempre un velo di tristezza, anche in noi, il fatto e' che quando stai con lui non sai come comportarti, cosa dire, forse sbaglio ma io spero sempre che lui non affronti il discorso della sua malattia perche' e' cosi' difficile mentire e poi so che in fondo lui conosce la verita'. Come e' successo a tanti di voi non vuole parlare con i medici e questo mi conferma che conosce tutto.

Noi, anche se i medici non ci hanno dato speranze, continuamo a sperare perche' e' l'unico modo per andare avanti. Per ora sta bene, dobbiamo pensare solo ad oggi e vivere giorno per giorno.... e' difficile me e' cosi'


cricri6767
Membro
Messaggi: 102
Iscritto il: ven 29 nov 2013, 6:04

Messaggio da cricri6767 » mar 3 dic 2013, 3:08

Vivi,hai detto giusto,tuo papà ora sta bene e questo importante. Dobbiamo vivere giorno per giorno,cosa molto difficile per me che ero abituata ad organizzare tutto. Chissà...quando lo vedo come stasera in ospedale a giocare a carte col suo vicino di letto,mi dico,e se si fossero sbagliati????poi ripiombo nella realtà quando mi dice che la notte non ha dormito per il mal di pancia....mi sembra di vivere una vita non mia. Dobbiamo andare avanti e sperare nonostante tutto.
Un immenso abbraccio


Renata75
Membro
Messaggi: 95
Iscritto il: mer 27 nov 2013, 21:37

Messaggio da Renata75 » gio 5 dic 2013, 4:19

Un caro saluto a tutti voi. Queste sono giornate nere, la vista di mamma peggiora e lei sta andando alla deriva....non riesce a fare le cose di sempre è non ne ha neanche voglia, se le parli lei neanche risponde persa com'è nelle sue paure, non vuole uscire di casa, si sta arrendendo... Lei come già detto non sa della gravità della sua malattia ma questo problema di vista la sta facendo impazzire...non è più lei, passa le giornate cercando di mettere a fuoco gli oggetti mentre vaga per la casa. Mi fa così tenerezza vorrei avere la capacità di darle un minimo di sollievo ma nulla la smuove....neanche mio figlio..anzi quando ne parlo piange e non vorrebbe vederlo. Si sente frustrata e detesta dover aver bisogno di aiuto...questo la sta mandando sempre più a fondo. Io faccio avanti e indietro da casa dei miei (faccio 150 km) al giorno e quando la sera torno a casa mia sento sempre di non aver fatto nulla per aiutare mamma...impotenza, dolore, disperazione sono ormai i miei compagni quotidiani....


cricri6767
Membro
Messaggi: 102
Iscritto il: ven 29 nov 2013, 6:04

Messaggio da cricri6767 » gio 5 dic 2013, 5:13

Cara Renata,anche se non ci conosciamo volevo dirti che hai tutta la mia solidarietà in questo incubo che stiamo vivendo. Diventa ogni giorno sempre più difficile andare avanti tra bugie e disperazione.
Ti mando un abbraccio immenso


Renata75
Membro
Messaggi: 95
Iscritto il: mer 27 nov 2013, 21:37

Messaggio da Renata75 » ven 6 dic 2013, 19:44

Oggi ho paura, tanta paura e tanta angoscia....mamma è molto agitata, ieri ha fatto la visita con il dottore per iniziare radioterapia all'encefalo...crede ancora che sia preventiva e che i suoi problemi di diplopia siano effetti collaterali della chemio...mi fa tenerezza questo suo non voler capire, non voler chiedere, non voler sapere....E' diventata un'altra persona, è insicura, impaurita, vorrebbe spaccare il mondo ma non ci riesce, è come paralizzata dentro....mi fa male vederla così e io non riesco a fare niente per lei...neanche un mio abbraccio le dà sollievo, sembra quasi non volermi vicino a lei. Non so cosa ci aspetta, prego Dio ogni istante affinchè non la faccia soffrire e a voltre mi sento un mostro perchè penso che vorrei che tutto questo fosse già finito...Ho paura di cedere.....


chiarotta
Membro
Messaggi: 303
Iscritto il: gio 7 nov 2013, 21:41

Messaggio da chiarotta » ven 6 dic 2013, 20:48

Coraggio Renata, non vedersi,troverai la forza per te e per lei.ti abbraccio..te abbraccia la tua mamma.


Renata75
Membro
Messaggi: 95
Iscritto il: mer 27 nov 2013, 21:37

Messaggio da Renata75 » mer 11 dic 2013, 0:58

Grazie amici per la vostra vicinanza...sapere che il

Dolore che si priva sia capito da voi che lo vivete o lo avete vissuto mi fa sentire meno sola. Mamma ormai si è lasciata andare, passa la maggiorparte della giornata sul divano, fa qualcosa per casa, non vuole uscire, boccia ogni nostra proposta x farla reagire...io e papà non sappiamo più cosa fare. Chiedo un vostro aiuto....non so se forzare la mano per spronarla o assecondarla....


 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”