IL DOLORE CHE RESTA

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
ritalorenza
Membro
Messaggi: 145
Iscritto il: mer 30 gen 2013, 16:21

Messaggio da ritalorenza » dom 2 giu 2013, 18:47

Ciao a tutti(Antonella,isab,monik,Angiame,Giornoxgiorno,Sgrausina,Luglio 64,Linetta.


ritalorenza
Membro
Messaggi: 145
Iscritto il: mer 30 gen 2013, 16:21

Messaggio da ritalorenza » mar 21 gen 2014, 18:41

Antonella 90 com'é?

Luglio 64 ciao anche te ?

Saluto tutti.


iside26
Membro
Messaggi: 118
Iscritto il: mer 17 lug 2013, 7:48

Messaggio da iside26 » mar 21 gen 2014, 20:16

cara Antonella,fatico davvero a trovare le parole da scriverti!

Butta fuori tutta la tua rabbia,il tuo dolore!!!Urlali se ti va.... la vita è ingiusta,lo so!

Ma non lasciare che il tuo cuore si lasci anestetizzare dal dolore,fallo per te e per il tuo Danilo che soffrirebbe nel vederti così. Io sono convinta del fatto che la tua speranza e il tuo amore lo abbiano,se non altro,salvato dal senso di vuoto che la bestia porta a chi ne è affetto !!!!

Sfogati finché vuoi,ma poi torna a vivere!

Ti abbraccio forte!


Erika76
Membro
Messaggi: 1209
Iscritto il: mar 9 lug 2013, 23:45

Messaggio da Erika76 » mar 21 gen 2014, 22:30

E' vero, il dolore che resta è in grado di annientare l'anima, ma possiamo fare in modo che non accada, possiamo resistere e sopravvivere al dolore fino a quando la sopravvivenza non si trasforma in vita, vita vera.

Quante di noi hanno perso il proprio compagno di vita e quanti la compagna, sembra di aver iniziato un viaggio e di averlo interrotto a metà. Ma il viaggio continua, da soli, per un tratto e forse un domani non più soli.

La vita riserva il bello e il brutto senza annunciarsi.

Sono passati sei mesi e mezzo. Il primo mese non ero nemmeno io, un automa apatico e senza un briciolo di volontà. Poi ho pensato a Dani, alla sua forza e mi sono sentita dentro quella stessa forza e quello stesso coraggio. Non ho smesso di piangere, ma ora, quando accade, so che lui è lì al mio fianco e sorride perché sa che ce la farò, lo sapeva già da prima, quando quel 10 luglio io lo guardavo piangendo pronta all'addio e lui mi sorrideva.


 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”