Le due "C": cancro/cambiamento

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
Rispondi
anac66
Membro
Messaggi: 24
Iscritto il: mer 5 dic 2012, 17:35

Messaggio da anac66 » lun 10 dic 2012, 3:04

Le due C????? Potrebberò avere decine di significati,ma la più appropriata è la parola CREDERE, per le persone ( odio il termine malato o ex malato) coinvolte o ex coinvolte come nel mio caso il CREDERE di guarire è fondamentale o e' stato fondamentale.

Poco fa ho scritto ad una persona che stimo molto: se il sole si alza ogni giorno perchè non potrei farlo pure io......... solo il destino potrebbe negarmelo non di certo il Cancro.
Paolo


GIUSEPPE
Membro
Messaggi: 734
Iscritto il: gio 14 ott 2010, 20:26

Messaggio da GIUSEPPE » lun 10 dic 2012, 3:06

Ringrazio Linetta, Ambra, Giorpergiorno per avere commentato il mio post.
Buona l'idea di Giorpergiorno: "dal mondo virtuale a quello reale, incontrandoci".

Certo sul piano operativo, alcune difficoltà sono dovute alle distanze. In primavera saremo in Piemonte....oppure a Roma....Proviamo a programmare!!
Linetta, hai sintetizzato benissimo il mio post. Sei proprio brava.
Ambra, apprezzo la tua spontaneità
In chiusura saluto tutti con l'augurio di un sereno riposo.

Ciao!

Giuseppe


angiame
Membro
Messaggi: 2785
Iscritto il: lun 11 giu 2012, 21:21

Messaggio da angiame » lun 10 dic 2012, 3:47

Giuseppe conoscere te è come conoscere il mio guru... quando vuoi... dimmi quando e io porto la carovana...
anche con Linetta... mi faccio la patente per lo squarna e vado a farmi un giro in Val padana.... eheheh
Giornopergiorno... io non vedo l'ora.... finalmente l'abbraccio che ho sempre voluto....


rosapinanicolettaanna
Membro
Messaggi: 372
Iscritto il: mar 25 set 2012, 17:53

Messaggio da rosapinanicolettaanna » lun 10 dic 2012, 4:09

Beh a me fa piacere confrontarmi con voi,domani mi attende una giornata da maratoneta meglio che cerco di riposarmi è di augurarvi una dolce notte piena di sogni belli visto che la vita x me è un incubo la notte è meglio vado notte


rosapinanicolettaanna
Membro
Messaggi: 372
Iscritto il: mar 25 set 2012, 17:53

Messaggio da rosapinanicolettaanna » lun 10 dic 2012, 15:42

Oggi vado a fare la quinta radioterapie tra poco poi fisioterapia poi colloqui a scuola di lucia in poche parole 3 andate e ritorno marsciano perugia 40kilometri ad ogni andata so tanti oggi divento un piccione viaggiatore ahahah a piu


Avatar utente
Monik
Membro
Messaggi: 720
Iscritto il: ven 2 dic 2011, 17:48
Località: Lignano Sabbiadoro (Ud) Friuli Venezia Giulia
Contatta:

Messaggio da Monik » sab 26 gen 2013, 23:19

Le due C:

motivo di riflessione comune..a quanto pare.

Buon proseguimento e a presto


Monik

linetta
Membro
Messaggi: 1892
Iscritto il: mar 15 mag 2012, 23:41

Messaggio da linetta » ven 1 feb 2013, 19:56

Nicky come stai? Non scrivi da un po'...

Aspettiamo....

Un abbraccio,

Linetta


ritalorenza
Membro
Messaggi: 145
Iscritto il: mer 30 gen 2013, 16:21

Messaggio da ritalorenza » mar 12 feb 2013, 15:09

Buongiorno,ciao a tutti.

Ieri neve e vento,oggi sole.

Saluto tutti quanti.

Appena riesco vi leggo,e mi calmo.

Questo forum.......è importante!

Ciao buona giornata a tutti.

Rita.


GIUSEPPE
Membro
Messaggi: 734
Iscritto il: gio 14 ott 2010, 20:26

Messaggio da GIUSEPPE » sab 9 mar 2013, 3:44

Qualche anno addietro, una nota oncologa così commentava un mio post:
"Al festival di letteratura di Mantova ascoltavo uno scrittore molto famoso parlare di dolore. Diceva che, secondo lui, il dolore dovrebbe restare quello che è, cioè dolore. La tendenza della nostra società è trasformare il dolore in altro, cioè in esperienza positiva, e non sempre è possibile o giusto farlo. Mi ha molto colpito sentire il pensiero di quello scrittore, mi ha fatto pensare ad alcune donne che seguo(non amo la parola "pazienti") che dicono, e scrivono(in pezzi bellissimi che mi mandano via e-mail), di non avere la minima intenzione di trasformare il positività ciò che è loro accaduto con la malattia. Ascolto e rifletto, mi chiedo quale sia la mia idea del dolore. Come tutti, ho avuto la mia parte di dolore, ma della vita non si impara uno dose sufficiente per prendere una posizione definitiva sul dramma, sulla tragedia.

Credo che, se dovessi giudicare dal numero di donne che mi parlano della loro esperienza, potrei concludere che la maggioranza riesce ad affrontare la malattia, il trauma, il dolore, trovando aspetti di rinnovamento, di positività, di rinascita. Il confronto con il "lutto" del tumore spinge a guardare la vita diversamente, e insieme alla vita si guardano diversamente le persone, i sentimenti,le priorità. O almeno questo è quello che traggo dalle chiacchierate con le "mie" donne."
Reputo molto ineressante le parole dell'oncologa, inducono ad una profonda riflessione.

Porgo a tutti un caro saluto.

Giuseppe


linetta
Membro
Messaggi: 1892
Iscritto il: mar 15 mag 2012, 23:41

Messaggio da linetta » sab 9 mar 2013, 5:16

Grazie Giuseppe.

Serena notte a te, a tutti coloro che scrivono qui.

Linetta


 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”