Noi e il cancro ... parliamone ...

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
Rispondi
Lucianna
Membro
Messaggi: 12
Iscritto il: mer 21 apr 2010, 4:08

Messaggio da Lucianna » mar 11 mag 2010, 4:34

Salve a tutti,sono una ragazza di 29 anni e da un anno combatto la malattia di mia mamma quasi in prima persona,al punto che con l'inizio della sua caduta dei capelli dovuta alla chemio ho cominciato a perderli anche io ma dovuta a una forte depressione collera e nervoso,...nervoso che ancora oggi mi porto dietro mentre mia mamma ogni 21 giorni continua la sua terapia.

Mia mamma si e accorta di un piccolo nodulo al seno nel 2008 ma che ha trascurato l'importanza visto che avevamo mio padre con gravi problemi cardiaci,ora sta bene per fortuna,ma sono stati mesi tragici,dopo l'intervento al cuore ha avuto una riabilitazione molto lenta,poi una depressione post operatoria che non augurerei a nessuno,ma per fortuna dopo mesi e mesi si e ristabilito,intanto siamo nel marzo del 2009 quando arrivano delle semplici analisi che mia mamma poi decise di fare per controllarsi quel noduletto invisibile......che negli otto mesi era cresciuto moltiplicandosi di volume con esito :47% di cellule neoplastiche nell organismo.

>Ecco un altro velo nero nella nostra famiglia,a cio e seguito intervento con asportazione del tumore alla mammella destra e asportazione di un altra neoplasia alla mammella sinistra riabilitazione,radio e chemio e ques'ultima continua ancora oggi e finira nel settembre del 2011.

Queste situazioni sono state accompagnate da panico tensione paura pianti e sfoghi che sono Voi potete capire e che non esistono parole per spiegare.

Dolori che vi trafiggevano il cuore,io parlo da figlia e quindi da pilastro di mia mamma perche in tutto cio c'ero io a sostenerla in tutto,l'ho seguita addirittura in sala operatoria,inoltre avevo mio padre a terra moralmente e psicologicamente mia sorella piu piccola incapace di accettare le situazioni...insomma combattiamo ancora ed e dura ma oggi a distanza di un anno mi sono resa conto che con un briciolo di fede si arriva ovunque,basta fare una preghiera e ci si sente liberi leggeri...e come se non fosse successo nulla.... il problema e la disperazione restavano e restano ancora oggi ma quella sensazione e una camomilla in una notte turbolenta ,la tempesta non passa ma l'animo si placa e si riceve la forza di dire e fare cio che un momento prima si pensava fosse impossibile.

Poi c'e la rabbia quando mi dice :non so se vedro il giorno che ti sposerai,se conoscero mai i tuoi figli....e tanto altro che mi fa piangere solo a pensarle queste cose.......

Vi chiedo scusa anticipatamente se non sono stata chiara con delle metafore,ma Vi ripeto dentro ho un vortice di emozioni che mi e difficilissimo riordinarle per poi esporle.Un saluto a tutti.Lucianna


Coriandolo
Membro
Messaggi: 9
Iscritto il: mer 12 mag 2010, 14:24

Messaggio da Coriandolo » mer 12 mag 2010, 14:46

Salve, sono appena entrata a far parte di questo forum, e mi presento: ho 53 anni e nel 2004 mi hanno diagnosticato un tumore al seno: mastectomia bilaterale con svuotamento ascellare ad entrambe le braccia. Non è stata una passeggiata, ma fortunatamente neanche una arrampicata difficile.

Ho avuto la fortuna di aver trovato Medici, infermieri, collaboratori, strutture sanitarie stupende, ho la fortuna di avere una famiglia stupenda, amici meravigliosi.

Sono passati sei anni e sto bene.

Ieri sera ho vista la trasmissione di Matrix (è per questo che mi sono iscritta) ed ho sentito storie tutte vicine tra loro: la forza di volontà, la voglia di superare questo malaccio, l'ottimismo, sono veramente dei soldati che possono sconfiggere il tumore.

Questa è la mia storia.


Lucianna
Membro
Messaggi: 12
Iscritto il: mer 21 apr 2010, 4:08

Messaggio da Lucianna » mer 12 mag 2010, 22:12

Ciao a tutti,ciao oriona,sono situazioni che solo a pensarle vengono i brividi.

Come dicevo nel precedente mio intervento in questo forum,bisogna avere tanta forza e fede,cio ci accompagna a stare accanto a nostri cari,come loro desiderano,senza essere troppo ossessivi protettivi....,i nostri cari non devono vivere con la sensazione di essere diversi.

Anche se avvertono molto la situazione di inferiorita'questo me lo spigava giorni fa l'oncologa di mia mamma,proprio perche non mi spiegavo e ancora oggi non ci riesco bene quando mi dice,anche nei momenti piu belli:pensaci tu....tu sai i codici del mio conto...sai che le coperte buone le ho messe in quel posto,e giusto che lo sappia....

Sono cose che vorrei diventare sorda per non sentirle.

Io da un po involontariamente sto facendo soffrire la mia mamma,che non ostante i suoi problemi sta rivivendo con me i suoi passi alla scoperta della sua malattia,anche a me e uscito un nodulo,nella stessa mammella e nello stesso preciso posto di mia mamma,per fortuna benigno,ma vista l'ereditarieta di questa malattia faccio controlli e accertamenti molto spesso,quindi ogni mia seduta e un rievocare di ricordi negativi per mia mamma,che e comunque ancora sotto trattamento chemioterapico da piu di un anno.

Ora mia mamma e partite stamattina per Lourdes le diro di fare una preghiera anche per tutti voi..Abbi fede.

Vi abbraccio tutti.


Lucianna
Membro
Messaggi: 12
Iscritto il: mer 21 apr 2010, 4:08

Messaggio da Lucianna » gio 13 mag 2010, 3:21

Si,Oriona,capisco,si tratterà sicuro di una sensazione orrenda per tua mamma e avvolte e anche il carattere di una persona che influisce sul modo di reaggire,mi auguro che quando le cominceranno a crescere i capelli si sentira un po meglio da rendersene lei stessa conto che la vita continua.

Ti faccio tanti auguri di vero cuore.

PS.ora che comincia la radio non so dove la farà,ma in genere in qualunque posto sia tende a seccare,screpolare e bruciare quella parte,falle usare le creme e le pomate gia dalla prima seduta.

Ciao Lucianna


Lucianna
Membro
Messaggi: 12
Iscritto il: mer 21 apr 2010, 4:08

Messaggio da Lucianna » gio 13 mag 2010, 4:43

Oriona ti dico cio solo perche mamma c'e gia passata,per 2 mesi,dal lunedi al venerdi tutti i giorni escluso sabato e domenica.

In genere non la trascrivono perche non tutti sono daccordo sull'utilizzo,ma considera che la RT è una terapia “locale” e pertanto i disturbi ad essa correlati sono locali, cioè attribuibili alla zona irradiata,infatti sono determinati dall’effetto infiammatorio delle radiazioni sui tessuti sani coinvolti.

I sintomi sui tessuti molli,quindi nel caso delle nostre mamme sono rossore,senso di calore,inscurimento cutaneo cioe la pelle diventa piu scura,prurito da eritema,e a cio sono prescrivibili dal radioterapista/oncologo, che segue il paziente, una serie di interventi farmacologici più o meno specifici come antinfiammatori,antispastici, antidolorifici, ecc), in grado di tamponare l’evoluzione del danno da raggi e minimizzarne i sintomi correlati,mia madre ha usato anche l'olio di mandorla senza profumazioni e crema a base di aloe oltre che al cortisone.

Ma ti ripeto e meglio chiedere sempre al medico,io l'unico consiglio visto che dici che tua mamma ha gia la pelle delicata insisti affiche il medico ti prescriva prima queste momate in modo tale che appena tua mamma torna a casa gia dalla prima radio le fai mettere la pomata,anche se non ha fastidi(e mi auguro che non ne abbia)in modo tale che la pelle e pronta per la prossima radiazione.

Un abbraccio e una buona notte serena.Lucianna


 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 13 ospiti