Ogni giorno.....

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
Rispondi
linetta
Membro
Messaggi: 1892
Iscritto il: mar 15 mag 2012, 23:41

Messaggio da linetta » ven 29 mar 2013, 19:01

Rita ecco cosa c'era nell'uovo di Pasqua!!!!

Sono felice per te, sei tanto cara..

Un mega abbraccio stritoloso

Linetta


GIUSEPPE
Membro
Messaggi: 734
Iscritto il: gio 14 ott 2010, 20:26

Messaggio da GIUSEPPE » dom 31 mar 2013, 13:34

Oggi il sole è con noi! Guardare la scrivania illuminata dal sole è una piacevole sensazione.

Porgo a tutti(in particolare ad Ambra, Linetta, Monik, Beatrice, Paolo, Angelo, Paola85,Rita,Giornopergiorno, Rossella, Luciano)l'augurio di vivere questa giornata con momenti di serenità.

Ciao!

Giuseppe


linetta
Membro
Messaggi: 1892
Iscritto il: mar 15 mag 2012, 23:41

Messaggio da linetta » lun 1 apr 2013, 0:05

Giuseppe, mi piace pensare alla tua scrivania occupata dagli oggetti che sei solito usare, che ti piacciono e che fanno parte della tua quotidianità

Tu ci regali quest'immagine ed io la conservo pensandoti, spesso, con affetto e gratitudine.

Buona Pasqua Amico Giuseppe!


GIUSEPPE
Membro
Messaggi: 734
Iscritto il: gio 14 ott 2010, 20:26

Messaggio da GIUSEPPE » lun 1 apr 2013, 3:05

Grazie Linetta,

apprezzo molto le tue parole.

Siamo rientrati da poco, una giornata serena....A volte penso a come cambia la vita dopo una grave malattia qual'è il cancro. Un pranzo al ristorante, una bella giornata di sole, il mare, il rumore delle onde che si infrangono sugli scogli,.....oggi sono frammenti di vita bella percepita e apprezzata. In passato, prima del cancro........"una banale abitudine".

Scrivo in questa rubrica da parecchio tempo, ad oggi non mi è stato possibile condividere la mia esperienza da "lungo vivente" al cancro con altre persone sopravvissute al cancro. Una condivisione di cui sento la mancanza...

In questo momento(sono le 21.57), la giornata pasquale volge al termine, mi sento vicino a quanti stanno praticando le cure chemio/radioterapiche in ospedale o a casa, a quanti sono in gravi condizioni, a quanti soffrono silenziosamente per la perdita del loro caro a causa del cancro. A tutti un mio affettuoso pensiero di solidarietà.

Ciao!

Giuseppe


linetta
Membro
Messaggi: 1892
Iscritto il: mar 15 mag 2012, 23:41

Messaggio da linetta » lun 1 apr 2013, 18:40

Giuseppe, il cancro ha cambiato anche me, profondamente.

Nulla e' più banale, ne' tantomeno scontato.

Il mio collega oggi riprende a fare la chemio, in realtà e' un tentativo che i medici reputano disperato, per curare un male molto avanzato.

Lui ha molta paura, capisce che la situazione e' grave.

Auguro a lui e a quanti oggi trascorreranno la festa in un reparto di oncologia, di avere una giornata leggera.

Giuseppe, hai ragione, qui sei l'unico testimone della lunga sopravvivenza ma credo perché, in genere, chi e' guarito vuole lasciarsi alle spalle il dolore dei giorni di malattia.

Per questo ti ringrazio, per la tua Umanità e generosità.

Sarebbe bello, pero', se anche altri scrivessero... Diciamo che questo e' un invito a farlo..

Un abbraccio,

Lunetta


GIUSEPPE
Membro
Messaggi: 734
Iscritto il: gio 14 ott 2010, 20:26

Messaggio da GIUSEPPE » mar 2 apr 2013, 3:07

Grazie Linetta,

mi dispiace per il tuo collega. Momenti bruttissimi.

Mi piacciono le tue riflessioni. Ecco perchè ti faccio la seguente domanda.

Quando una persona lungovivente al cancro "vuole lasciarsi alle spalle il dolore dei giorni di malattia" è possibile che riesca a dimenticare, e dimenticando riesca a superare il trauma psichico della diagnosi, delle cure chemioradio/terapiche, delle incertezze diagnostiche, ecc?

Gradirei leggere il tuo pensiero. Ti ringrazio.

Ciao!

Giuseppe


linetta
Membro
Messaggi: 1892
Iscritto il: mar 15 mag 2012, 23:41

Messaggio da linetta » mar 2 apr 2013, 5:07

Caro Giuseppe,

mi sembra difficile si possa dimenticare qualcosa che ha inchiodato il tempo di se' stessi e dei propri cari.

Eppure, forse alcuni mettono in atto la rimozione, che non e' dimenticare, ma difendersi da un dolore, dalla paura.

Penso, o meglio immagino, che anche quando si tenta di rimuovere, alla fine non si riesca del tutto a far come se nulla fosse accaduto, come se quel capitolo della propria vita fosse stato chiuso definitivamente.

E poi, in fondo, sarebbe utile invece portarselo dentro come momento di svolta, cambiamento e ricostruzione.

A dir la verità, io conosco solo la tua esperienza, cosi bene espressa e generosa.

Conosco un'altra persona che 6 anni fa venne sottoposto ad intervento e terapia per un cancro del colon, ma non ne parla mai, come se non lo si dovesse nominare e tutti si comportano di conseguenza.

Non so io come mi comporterei, a volte ci penso ma bisogna vivere le situazioni per capirle veramente.

Caro Giuseppe, ti abbraccio forte e ti auguro la buona notte.

Linetta


GIUSEPPE
Membro
Messaggi: 734
Iscritto il: gio 14 ott 2010, 20:26

Messaggio da GIUSEPPE » mar 2 apr 2013, 12:27

Grazie Linetta, apprezzo il tuo pensiero.

Sono le 7.25, ti auguro di vivere questa giornata positivamente.

Un caro saluto a tutti.

Ciao!

Giuseppe


linetta
Membro
Messaggi: 1892
Iscritto il: mar 15 mag 2012, 23:41

Messaggio da linetta » mar 2 apr 2013, 13:50

Un abbraccio Giuseppe, porto sempre i tuoi cari pensieri nel cuore

Buona giornata a tutti

Linetta


GIORNOPERGIORNO
Membro
Messaggi: 1152
Iscritto il: lun 18 ott 2010, 16:08

Messaggio da GIORNOPERGIORNO » mer 3 apr 2013, 3:43

Cari Linetta e Giuseppe,

aprite una discussione molto interessante ...

NOn credo che chi sia passato da una grave malattia che abbia o meno lasciato tracce del suo passato possa dimenticare le emozioni, la paura, l'angoscia di quei giorni ....

perchè si può non parlarne .. pensare ad altro, vivere al massimo ... ma sono dentro di noi ... e non ci lasciano mai.

Basta una frase, una lettura, una notizia, a volte un odore o un suono ... che tutto ricompare presente più che mai ...

anche perchè è li.... e potrebbe tornare.

Personalmente non parlo di cancro, ma della malattia agli occhi che mi ha colpito anni fa e che ancora pende come una spada di damocle sulla mia vita.

Posso solo sforzarmi di immaginare cosa possa voler dire sopravvivere al cancro ....


 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”