Ogni giorno.....

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
Rispondi
eli75
Membro
Messaggi: 635
Iscritto il: mer 24 lug 2013, 5:32

Messaggio da eli75 » lun 26 ago 2013, 6:42

Notte a tutti...La saggezza è il mio obiettivo di crescita.

Grande Giuseppe!!


GIUSEPPE
Membro
Messaggi: 734
Iscritto il: gio 14 ott 2010, 20:26

Messaggio da GIUSEPPE » lun 26 ago 2013, 12:11

Buongiorno,

Noi ci siamo!

Sono le 7.11, auguro a tutti di vivere questa giornata con lentezza...

Ciao!

Giuseppe


linetta
Membro
Messaggi: 1892
Iscritto il: mar 15 mag 2012, 23:41

Messaggio da linetta » lun 26 ago 2013, 12:17

Buon giorno a tutti e buon giorno Giuseppe!

Amici serena giornata, che ci sia un po' di pace nei nostri cuori...una piccola pace da indossare tutti i giorni..

Ciao Paolo..ti penso!

Un abbraccio a tutti...

Linetta


art
Membro
Messaggi: 520
Iscritto il: mer 15 mag 2013, 17:26
Località: oristano

Messaggio da art » lun 26 ago 2013, 12:35

Buon giorno Linetta ed a tutti voi del forum .Una serena giornata a tutti .Giuseppe opportune le tue considerazioni "sull'incomprensione".Un saluto caro e pieno di affetto a Paolo.Ciao caro Paolo.

Buona e serena giornata a tutti voi da Arturo.


MaraLi
Membro
Messaggi: 674
Iscritto il: mar 6 ago 2013, 4:30

Messaggio da MaraLi » lun 26 ago 2013, 14:03

Bellissime parole Giuseppe e molto, molto vere. Grazie.

Ciao a tutti e buon lunedì a tutti.


MaraLi
Membro
Messaggi: 674
Iscritto il: mar 6 ago 2013, 4:30

Messaggio da MaraLi » lun 26 ago 2013, 14:48

Ragazzi ieri ho riflettuto moltissimo sul problema che è emerso dalle nostre discussioni. Perdonare o non perdonare. Tema di difficile soluzione.

Voglio spiegarvi il perchè delle mie insistenze sul non perdono. Mi spiace che possiate pensare che io sia una persona crudele che non da una seconda possibilità alle persone. Non è così. La mia determinazione nasce proprio dal fatto che ho sempre lasciata la porta spalancata a chiunque mi abbia ferita. Non sono una che porta rancore. Ho perdonato cose che non anbdavano affatto perdonato in nome della famiglia, dell'amore e dell'amicizia. Con il risultato che le stesse persone ne hanno approfittato per tornare a colpire più forte di prima. Non voglio annoiarvi con i dettagli quindi ve li evito. Forse questo mi ha portato ad essere un pò drastica. Ma questa è la mia idea e tale deve rimanere. Se mi sono permessa di appoggiare Sara in questa decisione è perchè non vorrei vederla soffrire come ho sofferto io, o mia figlia e non certo per seminare odio o rancore. Se è emerso questo vi chiedo scusa. Ogni caso è a se, recitavo ieri e infatti è così, quindi niente vieta ai suoceri di Cime di capire col tempo e di farsi perdonare. Almeno questo è quanto mi auguro per lei. In ogni caso la scelta dipende solo da lei. Il mio, il nostro compito di amici e di famiglia è solo quello di ascoltarla quando ne ha bisogno e spero non ne abbia.

Nonb perdonare per me è un modo per mantenere la propria dignità, non farsi calpesater da persone senza scrupoli e invece, leggendo una piccola storia che ho letto su fb ho capito che la cosa importante è essere consapevoli del nostro valore e se lo siamo, nessuno può toglierci la dignita.

A tal proposito ve la voglio copiare. Sicuramente la conoscete già ma a me ha insegnato tanto e la voglio condividere con voi.
Un professore mostra un biglietto da 20 € e chieda ai suoi studenti: "Chi vuole questo biglietto? " Tutte le mani si alzano. Allora comincia a sgualcire il biglietto e poi chiede di nuovo: "Lo volete ancora?" Le mani si alzano di nuovo. Getta per terra il biglietto sgualcito, lo pesta con i piedi e chiede: "Lo volete sempre?" tutte le mani si rialzano. Quindi dice: "Avete appena avuto una dimostrazione pratica! Importa poco ciò che faccio con questo biglietto, lo volete sempre, perché il suo valore non è cambiato. Vale sempre 20 €”. Molte volte nella vostra vita, sarete sgualciti, rigettati dalle persone e dagli avvenimenti. Avrete l'impressione di non valere più niente, ma il vostro valore non sarà cambiato agli occhi delle persone che vi amano davvero. Anche nei giorni in cui sentiamo di valere meno di un centesimo il nostro vero valore è rimasto lo stesso.
Un abbraccio forte a tutti.


Erika76
Membro
Messaggi: 1209
Iscritto il: mar 9 lug 2013, 23:45

Messaggio da Erika76 » lun 26 ago 2013, 16:03

Buongiorno a tutti voi, Art, Linetta, Giuseppe.

Per Lilly, ognuno di noi sperimenta nella propria vita quello che racconti. Io non ho mai lasciato la porta spalancata. L'ho socchiusa. Ho fatto un primo passo socchiudendola in modo che l'"altro" facesse a sua volta un passo nello spingerla per aprirla.

Ho impiegato anni per convincere Daniele che dietro ogni porta chiusa ci sarà sempre qualcuno che bussa con violenza o qualcuno che potrebbe rinunciare per sempre a entrare.

Una porta socchiusa è un segnale di apertura che tuttavia richiede uno sforzo anche da parte di chi vuole entrare.

E' una via di mezzo, un compromesso.

Io credo, che occorra prestare attenzione, specie in un luogo come il forum, alle parole che si spendono e mi riferisco al caso di Sara che non è dissimile da tanti altri. Chi perde il suo punto di riferimento finisce inevitabilmente per cercarne altri e un consiglio, anche se detto con il cuore, può rappresentare una direttiva da seguire per chi vive un momento di fragilità e ricerca di riferimenti.

Io che con Sara ho parlato so che lei non vuole chiudere le sue porte, infatti soffre del fatto che nessuno bussi alla sua porta, ciò significa che lo desidera e ne ha paura al contempo.

Ascoltare è giusto e ove possibile, meglio consigliare e spingere a riflettere, prendersi tempo per valutare. Le decisioni che prende oggi sarebbero comunque segnate da una sofferenza e un dolore profondo e non da quella lucidità che richiede l'assunzione di decisioni tanto drastiche.

Detto questo, ognuno ha il suo vissuto e ognuno è un caso a sé.

Erika


MaraLi
Membro
Messaggi: 674
Iscritto il: mar 6 ago 2013, 4:30

Messaggio da MaraLi » lun 26 ago 2013, 16:32

Ciao Erika. Io non credo che esista un consiglio giusto ed un altro sbagliato. I consigli che diamo sono in base al nostro vissuto. Sta poi alla persona, in base al suo vissuto e al proprio modo di vedere le cose, decidere se ascoltarlo oppure no.

Ma se io nella mia vita ho preso determinate decisioni, non posso consigliare ad altri di fare diversamente da come reputo giusto io... Odorerebbe di ipocrisia e aimè, non è tra i miei tanti difetti. Questo non vuol dire che sia giusto il mio punto di vista ma non è detto nemmeno che sia sbagliato. Da quanto ho potuto appurare, parlando con lei, mi era parso di capire che non fosse predisposta al perdono, e non credo che una persona che ha subito un lutto non sia in grado di prendere decisioni di questo tipo. Io Sara l'ho vista come una persona molto fragile, si, ma molto lucida nel raccontarmi alcuni eventi e anche riguardo a ciò che vorrebbe fare. Posso sbagliare non dico di no ma non posso dirle di lasciare la porta socchiusa se io stessa non lo farei.

Convengo con te che magari può prendersi un pò di tempo per analizzare i fatti e i propri sentimenti... Questo solo posso riconoscere di aver sbagliato ma se ho detto determinate cose è perchè lei mi ha detto di essere convinta della sua scelta.

Ripeto, magari avete ragione voi ma non credo che dare la propria opinione possa essere deleterio per qualcuno. Non le ho imposto la mia idea ma difendevo la sua che, più di una volta mi ha confermato in privato.

MaraLì


MaraLi
Membro
Messaggi: 674
Iscritto il: mar 6 ago 2013, 4:30

Messaggio da MaraLi » lun 26 ago 2013, 16:37

Sara, se in qualche modo sono stata io a condizionarti ti chiedo scusa. Non era mia intenzione. Io volevo solo preservarti da altro dolore... Un abbraccio.


MaraLi
Membro
Messaggi: 674
Iscritto il: mar 6 ago 2013, 4:30

Messaggio da MaraLi » lun 26 ago 2013, 17:23

Aggiungo solo un'ultma cosa. Per me la polemica finisce qui. Ho preso la decisione di non esporre più le mie idee personali ma, su questo forum, di limitarmi a trattare il tema preposto e cioè, il cancro, le malattie, la sofferenza. insomma mi limiterò agli interventi di supporto nei momenti bui o di sconforto di chi ne avrà bisogno. Questo perchè, a torto o a ragione, io penso che si debbano rispettare tutti i punti di vista, anche di chi non la pensa come noi. Qui però sono stata attaccata perchè ho esposto un pensiero che non è condiviso dai più e volendo evitare in futuro incomprensioni e volendo evitare di rubare spazio ai post che ne hanno necessità, preferisco tacere.

Vi assicuro che non sono arrabiata con nessuno. E' una decisione a favore della pace e della tranquillità di tutti. Buon proseguimento e bacioni a tutti.


 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”