Papà

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
Rispondi
Alessia18
Membro
Messaggi: 40
Iscritto il: mar 29 gen 2013, 21:50

Messaggio da Alessia18 » mar 29 gen 2013, 21:59

Ciao a tutti.

Dal 23 gennaio papà si trova in un centro di cure palliative e purtroppo stiamo aspettando che accada l'inevitabile...

il calvario inizia nel 2010 tumore al colon ascendente dx, nel 2011 protesi per laparocele e ora inizio di chemioterapia 2 occlusioni intestinale e poi niente da fare.

Ora lo vedi in un letto con il pannolone, flebo, morfina...Che dire? Non ci sono parole.

Oltretutto ha anche l'alzhaimer e quindi lascio immaginare le condizioni...

Vede uccelli, morti che però non sono parenti, insetti, serpenti...

Ogni giorno mi chiedo Domani? Ci sarà? Spero che finisca ma poi spero di averlo ancora un po' con me.

E' una sofferenza assurda.Un dolore che non cancelli che ti uccide dentro e vedere tanto strazio ti uccide. Sto per andare via dal lavoro... corro, volo per andare da lui dal questo angelo mio che adoro e che non so quando volerà. Alessia


sgrausina
Membro
Messaggi: 1057
Iscritto il: lun 1 ott 2012, 22:31
Località: CAGLIARI

Messaggio da sgrausina » mar 29 gen 2013, 22:41

ciao alessia..

non sai quanto ti sono vicina..

cerca di stare vicina il più possibile al tuo papà...i ginotori sono la nostra vita come del resto siamo noi per loro..
qui troverai tantissime persone che ti conforteranno.. siamo tutti qui per te e siamo pronti a sorreggerti..
un bacio
Roberta

Gruppo Abbracciamo Un Sogno ... PERCHE' DI CANCRO SI VIVE!!!!

angiame
Membro
Messaggi: 2785
Iscritto il: lun 11 giu 2012, 21:21

Messaggio da angiame » mer 30 gen 2013, 1:10

cara Alessia... io ho vissuto il tuo stesso periodo con la mia mamma

non era ricoverata ma a casa con me...

l'ho desiderata tanto la sua fine... una vita non vita... non ci sono parole...

occlusione intestinale... con tanto vomito... versamento pleurico.... il periodo più brutto ma anche il più pieno...

ti sono vicina TANTO

e se hai bisogno sono qui

ti stritolo forte forte

Ambra


Alessia18
Membro
Messaggi: 40
Iscritto il: mar 29 gen 2013, 21:50

Messaggio da Alessia18 » mer 30 gen 2013, 5:05

Grazie a tutti voi. Sono tornata ora a casa. E' con mamma. speriamo di vederlo domani i dottori dicono che sono giorni... non lo so... Stasera aveva tanti dolori all'addome hanno fatto l'antidolorifico e come sempre sono molto triste. buonanotte a tutti


Alessia18
Membro
Messaggi: 40
Iscritto il: mar 29 gen 2013, 21:50

Messaggio da Alessia18 » mer 30 gen 2013, 5:08

Mamma dorme sempre insieme a lui nella casa di cure palliative. Vorrei poter fare di più


linetta
Membro
Messaggi: 1892
Iscritto il: mar 15 mag 2012, 23:41

Messaggio da linetta » mer 30 gen 2013, 5:28

ciao Alessia, cerca di riposare, se puoi..

Mi spiace tanto, davvero.

Linetta


angiame
Membro
Messaggi: 2785
Iscritto il: lun 11 giu 2012, 21:21

Messaggio da angiame » mer 30 gen 2013, 5:29

E cosa vorresti fare Ale?

Questo è il periodo più duro... il lasciarlo andare è l'unica consolazione perché vederli star male... è la cosa più dolorosa...

ma è solo una magra consolazione...

Anche per la mia mamma l'oncologa aveva detto, era giovedì, neanche 2 giorni... è andata via il sabato della settimana dopo...

nessuno a una scadenza può succedere in qualunque istante...

se hai bisogno mia cara Ale io sono qui

ti stritolo...

Ambra


Alessia18
Membro
Messaggi: 40
Iscritto il: mar 29 gen 2013, 21:50

Messaggio da Alessia18 » mer 30 gen 2013, 16:27

Grazie infinitamente per la vicinanza.

Ha la febbre alta da stanotte... Sono al lavoro ma penso di andarmene presto perchè voglio andare da lui.

Stanotte ho sognato il mio gatto bianco ferito da la zampa di un orso era pieno di sangue... poi è morto...

La mente sta elaborando... non lo so... non mi sembra reale è una situazione così assurda. la consapevolezza della morte. Aspettare questa che arrivi in qualsiasi istante.

Accettare che non lo vedrò più ma come si fa. Nessuno insegna questo. Sapete io adoro mio padre è sempre stato un rapporto speciale. Nessuno dei due poteva stare senza l'altro siamo uguali. E' un tipo così simpatico e ironico. Anche di fronte alla malattia ha sempre scherzato dicendo "ma chi se ne frega sarà quel che sarà che devo fare basta che faccio gli asparagi" Lui un uomo così buono, così speciale. Sarà insostituibile non potrà mai essere colmato questo vuoto immenso. Purtroppo si rimane così appesi e tutto sfugge. Ti rendi conto di tante cose e vorresti poter tornare indietro per aver dato di più ma non si può fare. Una figlia che deve fare. Avevamo ancora tante cose da fare insieme, qualcosa da finire insieme. Avrei voluto vederlo diventare nonno sarebbe stato stupendo come lo è stato per me. Che tristezza in questo cuore pieno di lacrime che non escono più. E' tutto dentro di me un folle dolore dentro di me. Baci a tutti


Avatar utente
Monik
Membro
Messaggi: 720
Iscritto il: ven 2 dic 2011, 17:48
Località: Lignano Sabbiadoro (Ud) Friuli Venezia Giulia
Contatta:

Messaggio da Monik » mer 30 gen 2013, 16:46

Che belle cose scrivi del tuo papà Alessia18.

Che "fortunato" è, ad avere una figlia amorevole come te.

T'invio un grosso: in bocca al lupo!

..anche se conta poco..


Monik

angiame
Membro
Messaggi: 2785
Iscritto il: lun 11 giu 2012, 21:21

Messaggio da angiame » mer 30 gen 2013, 19:06

Alessia cara... voglio raccontarti la mia esperienza... gli ultimi giorni della mia mamma cioè giovedì venerdì e poi sabato sono stati quei giorni di vita non vita... tanta sofferenza... non c'era niente che la facesse stare tranquilla solo la morfina gli ha dato un pò di pace e finalmente un pò di riposo... sabato mattina la mamma aveva rantoli e faceva fatica a respirare ma con occlusione che aveva si vomitava spesso addosso e dovevo cambiarla e così l'ho cambiata velocemente lavandola perché l'odore non era dei migliori... fatta subito la morfina al braccio però perché sulla gamba era troppo il tempo di attesa... quella è stata l'ultima volta che ho visto mia mamma viva.... alle 17 esco per andare in farmacia alle 1730 mi chiama mia sorella piangendo dicendo che la mamma se n'era andata... sono corsa a casa... tutti piangevano... io non ci sono riuscita forse perché ho vissuto con lei la parte più dolorosa della malattia... ogni secondo sono stata con lei e ho visto la sofferenza quella vera... quella che ti rende la vita non vita... quando sono tornata a casa mi avevano lasciato la mamma beh questo meglio che non te lo dico perché mi ha ferito forse è stata la cosa più brutta... cmq tutti piangevano e quello che dicevo era ora la mamma non soffre più e finalmente ha la sua pace... dopo la settimana dopo è venuto fuori tutto... il dolore da perdita... la realtà che lei non c'era più... si soffre da morire ma si vive ancora... la mia vita continua ma con una voragine di ricordi... sono 2 mesi che la mamma se né andata ma ancora si soffre ancora si piange ... MA SI VA AVANTI...

Ale sono qui se hai bisogno...

Ambra


 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”