PER CHI PIANGE LA SERA PRIMA DI DORMIRE....

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
Monny
Membro
Messaggi: 161
Iscritto il: gio 12 lug 2012, 2:07

Messaggio da Monny » gio 20 set 2012, 2:08

Mi dispiace piccola Scru per quello che stai passando,ti capisco e' dura e non c'è un modo giusto per affrontare queste situazioni,fai bene a farti aiutare se e' quello di cui senti il bisogno,se ti posso dare un consiglio che mi viene dal cuore e' quello di non rinchiuderti in te stessa,sarebbe la cosa peggiore che potresti fare,lo so che non e' facile!!!Io ti sono molto vicina e ti abbraccio forte forte!Monny


linetta
Membro
Messaggi: 1892
Iscritto il: mar 15 mag 2012, 23:41

Messaggio da linetta » gio 20 set 2012, 5:03

Ciao mia cara Scru, non so se leggerai il mio scritto. Spero di si.

Ho aspettato il tuo racconto e mi fa piacere tu abbia trovato queste persone con le quali hai ed avrai sempre un legame forte.

Capisco che ora tu sia molto provata, si e' un po' sciolto il nodo del dolore dentro di te ed ora lo stai attraversando, giustamente non vuoi farlo da sola ma chiedi aiuto. Non so come sia questa comunità, spero si riveli una situazione di passaggio verso la tua nuova dimensione di persona con una grande ferita, con l'accesso ad una nuova famiglia, con un tesoro-Erol- da custodire nel cuore.

Come dice Monny, cerca di non chiuderti al mondo, abbi cura della tua anima e di tutta la tua persona.

Non ci sarà giorno in cui non ti penserò .

Aspetterò il tuo ritorno, quando lo vorrai.

Ti abbraccio fortissimo, mia piccola Scru.

Linetta


hope1979
Membro
Messaggi: 12
Iscritto il: ven 14 set 2012, 22:12

Messaggio da hope1979 » gio 20 set 2012, 5:39

Leggo solo ora . Scru ti prego aggrappati alla vita con tutta la forza che hai.

Ti abbraccio


saretta271079
Membro
Messaggi: 103
Iscritto il: gio 5 mag 2011, 2:55

Messaggio da saretta271079 » gio 20 set 2012, 14:16

Scru credo che un pò di aiuto in questa comunità possa servirti...ma non capisco che tipo di comunità possa essere..

Ti sono come tutti qui vicina !!

Come scrive Hope1979 aggrappati alla vita!!

un abbraccio


GIORNOPERGIORNO
Membro
Messaggi: 1155
Iscritto il: lun 18 ott 2010, 16:08

Messaggio da GIORNOPERGIORNO » ven 21 set 2012, 3:59

Ciao Scru,

anch'io ho difficoltà a capire di che comunità si tratta ...

Mi viene in mente che magari un primo tentativo di aiuto lo potresti chiedere ad un terapista, rimanendo comunque a vivere vicino alla tua famiglia.

Non conoscendoti però, non so quale sia il tuo ambiente... forse la cosa migliore è l'allontanamento.
Ti abbraccio e ti faccio tanti auguri.
La ferita da curare è profonda. Il dolore con cui convivere enorme. Ma sei giovane e hai tutte le risorse e le energie dentro di te per farcela.


frollina
Membro
Messaggi: 75
Iscritto il: sab 14 lug 2012, 18:02
Contatta:

Messaggio da frollina » sab 22 set 2012, 21:26

Per me si sono accumulate tante di quelle cose negative che alla fine non ho retto più e ora ho chiesto aiuto ad una terapista.
http://lamiavitadopote.blogspot.it


scru
Membro
Messaggi: 31
Iscritto il: lun 27 ago 2012, 0:50

Messaggio da scru » sab 22 set 2012, 21:39

ciao... ho sempre letto i vostri scritti, ma non ho mai avuto la voglia, la forza, la motivazione che mi spingesse a rispondere perchè quando leggo le vostre parole mi commuovo sempre sempre sempre. Sono già seguita da una psicologa al quale sono legatissima (è da anni che ho incontri con lei) e lei mi vuole molto bene, non è privata, fa parte del Centro Salute Mentale. Beh innazitutto voglio dirvi che sono a casa, mi sembravate tutti dubbiosi sulla comunità. Beh intanto vi spiego che è una comunità di cura, non come il reparto psichiatrico in ospedale (ricovero obbligatorio). Lì puoi stare quando e quanto vuoi, sei libero, certo però che sei in un'ambiente cmq istituzionale dove ci sono dottori, psichiatri e psicologi. Si fanno varie attività e hai a disposizione sempre psicologi per parlare e sfogarti. Alla fine ho optato cmq per provare a rimanere a casa, in un ambiente che mi sta stretto e mi fa soffrire molto ma che però è sempre meglio di vivere in staze con altri pazienti psichiatrici molto più "malati" di me. Nel senso che io sto soffrendo, loro invece hanno un disturbo psichiatrico riconosciuto. La mia psicologa non vuole che io vada là, dice che ricoveri e permaneze in comunità segnano per sempre la vita di una persona, e che io ho bisogno di "vivere un lutto" e non di "essere curata" a gocce di ansiolitici e calmanti. L'ho ascoltata, e ora sono qui in camera mia come sempre. Però è dura, durissima... come si fà a non piangere, o meglio come posso fare a reggere il dolore del mio pianto? Come faccio a continuare a vivere? Ho 21 anni, non vado a scuola, non ho un lavoro, non ho progetti per il futuro, non sò come trascorrere le miei giornate e ho perso il mio fidanzato. Non sò dove sbattere la testa, da che parte ricominciare! Dovrei rinascere per ricominciare tutto da capo, fare un viaggio all'estero o cose così...ma mi sento debolissima, sento che non posso e non voglio e non riuscirei a dimenticare il mio passato, questo continuerebbe a influenzare quello che faccio, e i brutti ricordi mi tornerebbero sempre alla mente. Questo mi impedisce di iniziare a fare qualsiasi cosa. Datti tempo mi dicono tutti, ma io sento che il tempo mi sta volando via alle mani. Come hai detto tu linetta, mi si sta sciogliendo il nodo del dolore, cioè i giorni seguenti la morte del mio scru ero più attiva di ora, mi sembra che più il tempo passa e più sto male, mi rendo conto di quello che è realmente successo, mi rendo conto che veramente erol non c'è più, piango di più ora che prima, forse sono pazza! Erol spesso mi appare in sogno dicendomi che lui è vivo, e si meraviglia che io dica il contrario. Cosa significa questo sogno? Forse lui non accetta di non esserci più? questo mi fa soffrire molto perchè so che erol voleva con tutto se stesso vivere. Lunedì tornerò a far visita alla sua famiglia, come per magia da odiarmi ora mi cercano. Forse ora hanno capito che loro figlio non era assieme al "mostro diabolico" che pensavano. E forse per rispetto verso di lui, ora cercano di rimediare all'errore che hanno fatto. Non lo sò, sò però che io non li odio,nonostante tutto il male che mi hanno fatto, anzi anch'io sento il bisogno di loro, delle chiamate della sorella di erol, degli abbracci della madre e dei sorrisi che mi fa la nipotina. Loro stanno soffrendo assieme a me, come me, o forse di più: io non ho mai fatto del male a erol in nessun modo, loro gli hanno impedito di vivere il suo amore.

Cerco sì di aggrapparmi alla vita come mi suggerite, ma questa non mi lancia corde o appigli su cui aggrapparmi. Vedo solo il sole che alla sera tramonta come sempre, il paesaggio che è lì, sempre lo stesso, in camera mia tutto fermo, e mi sembra che niente soffra come me. Io vi ringrazio tutti, mi piace leggere le vostre parole, non scrivo spesso ma spero lo continuerete a fare voi.

un abbraccio a tutti voi, a tutti noi...


linetta
Membro
Messaggi: 1892
Iscritto il: mar 15 mag 2012, 23:41

Messaggio da linetta » dom 23 set 2012, 0:23

Mia cara, cara Scru,

mi si è allargato il cuore quando ho visto che avevi scritto..

Mia piccola Scru, è duro questo dolore, non lo si può ingannare, ha ragione la tua psicologa. Il fatto che tu sia giovane per te ora non ha significato, sei troppo immersa nelle tue emozioni che i sogni ti rimandano quando compare Erol, vivo per sempre dentro di te...anche se ora proprio questa cosa non basta, lo so bene.

Capisco che ora tu ti senta dentro un pozzo scuro, ma credimi, ora che stai andando a fondo, pian piano risalirai.. Ci vorrà tempo, sarà faticoso, niente ci viene regalato, Scru, lo stai vedendo anche tu con i tuoi 21 anni che meritano amore e comprensione.

Io ti sono tanto vicina, ci sono sempre, davvero.

Ti abbraccio fortissimo, fortissimo

Linetta


scru
Membro
Messaggi: 31
Iscritto il: lun 27 ago 2012, 0:50

Messaggio da scru » dom 23 set 2012, 1:36

cara linetta, non sò come fai, non sò come riesci a essere così dolce e pacata, mentre io ho una rabbia impazzita mista a dolore mentre scrivo. Sento che tu sei riuscita a trasformare la pardita di Dani in un'esperienza che ti ha reso migliore, io invece mi sento una condannata da Dio, condannata a soffrire. Quanto dura la discesa nel pozzo linetta? cioè quando potrò dire che sto risalendo? Credo che per risalire, ripartire, occorra uno stimolo, un imput, un qualcosa che ti permetta di sviare il dolore e dare spazio a un qualcosa che ti faccia stare bene. Ma cosa? io non lo riesco a trovare... o forse sono ancora troppo fragile per affrontarlo.

Che casino linetta, quanti pensieri, quante domande, però alla fine quella che più mi angoscia è: perchè a me? perchè al mio amore? Hai ragione, anche se sei un angelo, la vita non ti regala proprio niente, anzi, ti toglie. E a noi resta l'arduo compito di trovare ancora un altro senso per vivere.


scru
Membro
Messaggi: 31
Iscritto il: lun 27 ago 2012, 0:50

Messaggio da scru » dom 23 set 2012, 1:50

frollina! sono entrata nel tuo blog per la prima volta, trovo molto bella l'idea di crearsi uno spazio come ha fatto. Penso che sia una delle tante "Strategie" che, quando sei ammalato, adotti per darti forza. Il mio scru (parlo sempre di lui, scusa..) ultimamente cercava di circondarsi di attrezzi tecnologici per "ingannare" la sua malattia, una strategie meno onorosa della tua, ma capisci che lui viveva praticamente in ospedale, e forza per mantenere vivo un blog non ce l'aveva. Insomma via con cellulari, computer, netbook, ultrabook, smartphone a doppia sim, i-pod, i-pad... fra poco esce il nuovo modello di i-phone, quello 5, lui era da luglio che lo aspettava, diceva che non vedeva l'ora che i suoi glielo avessero regalato, lo attendeva come un oracolo. Ma il mio scru non ce l'ha fatta a vedere l'uscita del nuovo i-phon 5, ora suo padre vorrebbe comprarlo e lasciarglielo sopra al comodino della camera, forse per far capire a erol che lui ha mantenuto la promessa. Ma gli ho consigliato di non farlo, erol credo che abbia già letto nel pensiero di suo papà e forse ora, se fosse ancora qui, mi direbbe, come era suo solito cambiare idea:"ma dai alla fine cosa serve avere un super telefono così?". Ed è così che me lo voglio ricordare, il mio scru.


 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”