piccolo sfogo :)

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
ladyrainbowarrior
Membro
Messaggi: 27
Iscritto il: gio 4 apr 2013, 21:29

Messaggio da ladyrainbowarrior » ven 17 mag 2013, 13:28

Ciao a tutti,

ormai è da un bel po che seguo questo forum, passo a leggere i vostri commenti, le vostre esperienze almeno una volta al giorno, è un forum molto utile che aiuta le persone a sentirsi meno sole. Io leggendo esperienze di altri di voi, devo dire che sono molto fortunata, il mio papà sembra stare meglio. Anche se ha interrotto la chemio perchè gli stava dando problemi per il midollo osseo, e ha dovuto fare 2 trasfusioni di sangue, delle volte quasi mi dimentico che sia malato. Passa tutte le sue giornate in giardino, tosa il prato, pota la siepe, insomma fa un sacco di lavori che mi fanno dimenticare della sua malattia, eppure non sto bene. Questa falsa normalità mi destabilizza, guardo la mia vita e mi sembra di essere una spettatrice, vedo mio padre che apparentemente sta bene, la mia famiglia che apparentemente sembra stare bene, ora che arriva il caldo, non mi fa neanche strano vedere entrambi i miei genitori a casa, mi sembra che siano in ferie, invece non è così. Qsta normalità mi destabilizza perchè so che dovrei godermi questi momenti il più possibile perchè la situazione potrebbe peggiorare, ma non riesco totalmente. Ora papà è in ospedale sta facendo delle visite e spero che vadano bene, non ha voluto che lo accompagnassi e quindi sono rimasta a casa. Penso che ora sia il momento in cui dovrei cercare di riprendere la mia vita in mano, visto che papy nn sta malissimo,e non ha sempre bisogno di me (come oggi che non ha voluto l'accompagnassi) ma non ce la faccio. Sto attraversando una profonda crisi, non so più cosa voglio fare della mia vita, quello che prima mi dava soddisfazione e gioia ora non più. Sento di non stare bene intimamente, sento di non farcela, per carità cerco di affrontare ogni giorno senza pensare al domani, ma questo mi preoccupa. Mi preoccupa vivere senza pensare al futuro perchè prima o poi questo futuro diventerà presente e allora che farò? La notte mi da un po di sollievo, sto avendo delle difficoltà nell'addormentarmi, ma c'è un momento quando mi rendo conto che dovrei dormire ma non riesco in cui mi sento al sicuro. Chiudo gli occhi e il tempo sembra fermarsi, in quella frazione di secondo sto bene perchè mi sembra di poter fermare il tempo.Penso al domani che mi spaventa ma poi vivendomi quella frazione di secondo mi sento al sicuro perchè mi dico : "non è ancora domani è ancora oggi, goditi questo momento in cui non devi affrontare nulla". Sto odiando la mattina, è troppo difficile svegliarsi e pensare di affrontare la giornata. Non mi fraintendete, alla fine l'affronto cerco di non abbattermi ma è molto difficile soprattutto non avendo alcuna certezza sul mio futuro. Nessuno conosce il proprio futuro, ma avere le idee chiare su quello che si desidera fa sentire di non spercare la propria vita. Io ora sto cercando di dedicare tutta la mia vita al mio papà, come spesso vi ho detto, mi sento fortunata rispetto ad altre persone che perdono il loro caro di punto in bianco senza poter fargli capire il bene che provano, senza poter sistemare le cose, io fortunatamente posso ridere scherzare e dimostrare tutto il mio affetto al mio papà, ma ciò nonostante ci sono dei momenti in cui crollo.

Adesso la settimana prossima ho un esame all'università, so che dovrei studiare, ma non ce la faccio proprio, non riesco più a concentrarmi come prima, e tutto questo mi spaventa, perchè sento che se mollo adesso non saprò più cosa faree della mia vita. Avevo fatto dei progetti per qst anno, sicuramente come il 99% delle persone che sono in questo forum, e ho paura che non portandoli a termine ora, andrà tutto a rotoli.
Scusate il piccolo sfogo, ma avevo bisogno di esternare con qllk i miei sentimenti, dire a qlk come mi sento perchè pur non essendo sola mi ci sento profondamente.
un grosso abbraccio a presto


angiame
Membro
Messaggi: 2785
Iscritto il: lun 11 giu 2012, 21:21

Messaggio da angiame » ven 17 mag 2013, 13:45

Lady...

E chi non c'è passato??

Vivere nella quiete prima della tempesta... In un limbo dove le cose che credevi importanti non ci sono più!!! Chi non c'è passato?

Quello che la bestia ci insegna è quello di vivere alla giornata ma non sempre è possibile!!

Lady il vivere nell'incredulità della malattia l'ho vissuta anche io e spero con tutto il mio cuore che sia per sempre così!!

Ti stritolo fortissimo!!!

Scrivi quando vuoi perché ti fa bene... Vivi nella tu quotidianità... Giorno per giorno, senza pensare al futuro!!! Fai tuo ogni momento con il tuo papy ...

Vivi di lui....

Un bacio grande

Ambra


ladyrainbowarrior
Membro
Messaggi: 27
Iscritto il: gio 4 apr 2013, 21:29

Messaggio da ladyrainbowarrior » ven 17 mag 2013, 14:41

Grazie ambra,

hai sempre una bella parola per tutti.
un bacione <3


La straniera
Membro
Messaggi: 79
Iscritto il: mar 12 mar 2013, 17:51

Messaggio da La straniera » ven 17 mag 2013, 14:44

Cara Lady,
Durante mesi piu disperati della malattia di mio compagno provavo stessi sentimenti.Hai ragione Angiame,e proprio cosi come lo hai scritto te.La bestia prova di distruggere tutto,persone,legami,sentimenti, psiche...Ma tu picola Lady non ti abbati,perche domani e tropo lontano si vive oggi,domani non si sa tante cose cambiano.Sono sigura che se tuo papa scopre perche non hai dato esame si deprimerà.Fallò felice e orgoglioso,pensa che lui vuole una figlia forte,riuscita.A fin dei conti a nostri genitori basta felicita di figli.Vedi che papa coraggioso hai,la figlia non puo essere diversamente.

Testa alta e avanti!Ti abbraccio.


Sarah
Membro
Messaggi: 343
Iscritto il: sab 23 feb 2013, 14:35

Messaggio da Sarah » ven 17 mag 2013, 15:37

Ciao Lady, difficile pensare alle nostre cose, quando c'è la malattia con tutte le preoccupazioni che comporta, a riempire le nostre giornate e i nostri pensieri, è perfettamente normale. Io da dicembre sto funzionando in modalità "risparmio energetico", penso al minimo indispensabile, faccio quello che devo fare e limito qualunque atra fonte di stress o pensieri (quando ci riesco) perchè sento che oltre non ce la farei. Ora va meglio, sicuramente gran parte della paura si è stemperata dopo l'intervento di mia mamma, ma mi sento ancora così.

Fai bene a buttar giù i tuoi pensieri qui, serve a svuotare la mente, ad alleggerire un po' il carico, qui nessuno giudica, niente sembra strano o eccessivo, tutti ci possiamo identificare con gli altri.

Però mi sento di quotare quello che ti ha detto Straniera: se riesci, dallo l'esame!Sono sicura che tuo papà sarebbe sollevato di vedere che riesci a pensare a tuo futuro, al contrario potrebbe preoccuparsi per te. Sono sicura che lo faresti felice. Un abbraccio, mi auguro che il tuo papà continui a stare bene come ora.


GIORNOPERGIORNO
Membro
Messaggi: 1155
Iscritto il: lun 18 ott 2010, 16:08

Messaggio da GIORNOPERGIORNO » ven 17 mag 2013, 20:20

Cara Lady,

ti comprendo bene ...

Mio papà, a cui non hanno dato cure, ma solo un follow up, si alza, va nell'orto, esce a prendere il pane, pensa alle vacanze da prenotare in montagna.

Insomma ....... diciamo ... fa tutto tranne quello che ti aspetti da una persona con metastasi ai polmoni e alle ossa.

Mio padre ha bisogno di NORMALITA' e di progettualita', e questo cerco di dargli.

Significa accompagnarlo a messa alla domenica, bere un caffè insieme, guardare su internet qualche località montana, prenotare una cena al ristorante tutti insieme.

Nella normalità rientrano ovviamente le tappe di crescita di tutti noi : progetti di viaggi, di lavoro, di matrimonio.

Per questo che ti sprono allo studio e a fare il tuo esame. Per dare FUTURO a tuo padre che vedrà progettazione verso il domani per se stesso e per la sua famiglia.

Se ne sentirai il bisogno e la necessità non farti problemi a chiedere un aiuto che ti accompagni in questo momento cosi difficile. Un abbraccio


nuvoletta
Membro
Messaggi: 109
Iscritto il: dom 24 mar 2013, 15:48

Messaggio da nuvoletta » sab 18 mag 2013, 3:14

mi spiace ........................................................................... vorrei vivere anche io un pò di normalità , invece io devo fare i conti con la realta , il mio papà sta male , ogni giorno peggio e io non posso fare nulla ... ed ecco che il mondo mi sembra che mi crolli addosso ... ...................... un abbraccio e poco ma è con tutto il mio cuore un bacio by nuvoletta


GIORNOPERGIORNO
Membro
Messaggi: 1155
Iscritto il: lun 18 ott 2010, 16:08

Messaggio da GIORNOPERGIORNO » sab 18 mag 2013, 4:19

Cara e dolce nuvoletta, la fase che stai conoscendo, la più dolorosa in assoluto è dietro l'angolo per tutti ... ecco perchè invito tutti a gioire e godere i transiti di "normalità". Pensare a quando verrà e a come sarà è normale ... ma non ci fa bene e non ci aiuta a fare del bene al nostro caro.

Cerchiamo di vedere una luce, godiamoci un raggio quando c'è.

Cara nuvoletta ti stritolo come la nostra Ambra con tanto affetto


Wasp
Membro
Messaggi: 314
Iscritto il: gio 25 ott 2012, 18:32

Messaggio da Wasp » sab 18 mag 2013, 4:43

Godetevi la normalità. Io da luglio non l'ho conosciuta più. Neppure mia madre che da luglio ha visto solo l'ospedale.


angiame
Membro
Messaggi: 2785
Iscritto il: lun 11 giu 2012, 21:21

Messaggio da angiame » sab 18 mag 2013, 5:41

Nuvoletta se potessi ti stritolerei...

Ma forte anzi fortissimo!!

Il sentirsi inutili... Il vederli soffrire è quello che fa più male!!

E quello che ti fa sperare nel miracolo o nella fine più dignitosa!!! Dai sii forte è dura lo so... Ma non mollare!!!

So che ti sembrerà strano ma il vivere la loro sofferenza... Ti fa capire che c'è qualcosa di peggio oltre la morte...

Un bacio mia dolcissima nuvoletta
ciao Bea... :-) come stai?

A tutti voi una serena notte

anche se per qualcuno sarà dura chiudere gli occhi!!

Ambra


 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”