Ricovero DIGNITOSO un'utopia

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
eli47
Membro
Messaggi: 242
Iscritto il: gio 31 gen 2013, 14:56

Messaggio da eli47 » lun 10 giu 2013, 19:15

Ciao Sole è terribile sentire tutto questo...Le ragazze ti consigliano il meglio.A parte il dolore per la situazione anche per questo non è giusto-La mamma deve ricevere le cure giuste che,comunque sia la situazione, le danno un enorme sostegno psicologico,ed anche tu non appena la toglierai da quell'orribile posto starai in pace con la tua coscienza.Ma comunque non prendertela con te stessa.purtroppo questo non dovrebbe capitare ma a volte capita anche nei posti migliori.ti abbraccio


sole
Membro
Messaggi: 47
Iscritto il: dom 9 giu 2013, 15:33

Messaggio da sole » lun 10 giu 2013, 23:03

Sono andata a trovarla !!!

Spero che me la portino al più presto all'Hospice.... Oggi ho "litigato" con l'assistente sociale (del cavolo) che si augura che il medico passi a vederla.

Io mi auguro che anche lui soffochi dal caldo in quel bugigattolo.
Oggi potuto vederla solo 1 ora e mezza

Fortunatamente dopo averle tolto la coperta, aperta mezza finestrola, e alzata la tapparella, dato il ventaglietto, un pò di acqua fresca ed un pò "alzato il letto" in modo che stesse un pò alta con la testa, il rossore è rimasto, ma si è fatto più debole...

E lei ha voluto pettinarsi, rinfrescarsi la faccia, mettersi un deodorante....

Non immaginate quanta forza ha ancora.

Ps. dato il caldo, le hanno pure aumentato l'ossigeno a 2. (non togliere gli ingombri vero?)

Domani un'altra ora e mezza perchè quell'assistente non ha fatto i conti con la distanza


angiame
Membro
Messaggi: 2785
Iscritto il: lun 11 giu 2012, 21:21

Messaggio da angiame » mar 11 giu 2013, 0:35

Ma dai sole!! Non ci credo!!!

E POI DICONO CHE SEMBRI SHAINING!!!

Lo sarei anche io!!!

Mah!!! Certe volte rimango senza parole!

Sole portala via!

Fagli e facci sto favore!

Aimac ma non si può fare niente?

Un bacio grande sole

Ambra


art
Membro
Messaggi: 520
Iscritto il: mer 15 mag 2013, 17:26
Località: oristano

Messaggio da art » mar 11 giu 2013, 1:04

Per Sole : scusami se mi intrometto ma ho letto il tuo post e sono rimasto sbalordito del trattamento che stanno facendo a tua madre anche se purtroppo di queste cose succedono in varie parti d'Italia ed in tanti strutture ospedaliere. Mi permetto di darti un consiglio (perchè lo stavo attuando per la mia consorte poi per altri motivi non si è proceduto )Comunque avevo iniziato la pratica che dovrebbe essere simile in tutte le regioni italiane ed è questa: ci sono delle associazioni (autonome ma collegate alle ASL) composte da oncologi,pneuomologhi e vari medici specialistici se non infermieri anche del campo oncologico (spesso ci sono medici volontari e non)ed essi sono attivati su richiesta del medico curante .Il medico curante compila un modulo ed una relazione sulla diagnosi del paziente e l'invia all'Associazione anzi ,lo stesso la consegna all'associazione e prefissa un appuntamento a casa con i medici per attuare le procedure di assistenza domiciliare (ci sono in tutti i capoluoghi di provincia ....nella mia provincia è denominata ADI ...).Una mia cara amica dottoressa ci spiegò tutto su queste associazioni di cui i medici si prendono cura del paziente oncologico e danno la possibilità ai familiari di poterlo avere a casa e di poter disporre delle terapie adatte ed idonee al paziente stesso.Soprattutto i pazienti oncologici hanno bisogno di terapie del dolore efficaci e lo stare in un ambiente familiare ed intimo li favoriscono ad una vita giornaliera migliore di quando non avrebbero in un ospedale e gli stessi familiari ( confermo quello da tu scritto sopra nella maggior parte si trovano ad affrontare una montagna più grande di loro )possono assistere i propri con la presenza e le cure dei medici a domicilio.Mi sono permesso di darti questo consiglio perchè sono già passato in queste situazioni da te descritta.Per adesso rivolgiti al medico curante che ti deluciderà di tutto ed attiverà la procedura che sopra ti ho citato (in realtà lo scopo delle associazioni è dare assistenza sanitaria qualificata domiciliare coordinata con il medico curante e l'oncologo che ha in cura tua madre ) , ti abbraccio forte e ti do tantissimi auguri per la tua mamma e soprattutto che abbia un'assistenza migliore . Ciao un abbraccio forte da Arturo


sole
Membro
Messaggi: 47
Iscritto il: dom 9 giu 2013, 15:33

Messaggio da sole » mar 11 giu 2013, 16:49

Stasera vi aggiorno. Ma stamattina ho minacciato di chiamare i carabinieri se la trovavo come ieri.
Intanto l'assistente sociale è andata a verificare il caldo della stanza, sperando non si sia annunciata, ma ho troppa gente che mi ha accompagnato che può testimoniare che laggiù non si respira.
Ma aiutatemi a capire come faccio a pretendere di portarla a casa. Se la vogliono tenere gelosamente loro.

Se la stanza fosse meno calda l'ossigeno è sull'1. Non è così grave a portarla in un Hospice (malati terminali.
Intanto GRAZIE a tutti, stasera vi dico


sole
Membro
Messaggi: 47
Iscritto il: dom 9 giu 2013, 15:33

Messaggio da sole » mer 12 giu 2013, 0:40

Vi aggiorno:

Dopo la minaccia di chiamare i carabinieir, da oggi ha le due finestrole vicino a lei, con tapparella interna alzata, ed una delle 2 da oggi può essere aperta.

Il suo viso era del suo solito colorito roseo, le mani calde e dopo le 16 era lucida e presente.
Note negative, appena arrivata (14.30 circa) era col bombolone dell'ossigeno vuoto; era sedata (forse da poco era stato cambiato l'elastomero)... continuava a svegliarsi per riaddomentarsi, era senza bicchiere dell'acqua (a dire il vero era sparito il suo tavolino, dove appoggiare le cose). E visto che non la fanno camminare dal 24 aprile....
Domani ho modo di stare con lei sulle 5 ore... vedremo come si evolve la situazione. Ma sarò inflessibile...


angiame
Membro
Messaggi: 2785
Iscritto il: lun 11 giu 2012, 21:21

Messaggio da angiame » mer 12 giu 2013, 0:52

Sole dai! Meno male da una parte!

Ma dall'altra!!!

Dai se riesci a farla camminare un po è meglio!

Ma anche lo stare seduta sulla carrozzina... Può andar bene!

Facci sapere!!!

Un mega stritolo

Ambra


GIORNOPERGIORNO
Membro
Messaggi: 1155
Iscritto il: lun 18 ott 2010, 16:08

Messaggio da GIORNOPERGIORNO » mer 12 giu 2013, 4:02

Ciao Sole, ho letto la tua storia, e non comprendo bene CHI, tra te e la tua mamma sia seguita dai servizi sociali o entrambe.

Non ho capito CHI abbia deciso il ricovero in QUELLA struttura orrenda.

Te lo chiedo perchè è ovvio che quando ci sono di mezzo i servizi, non abbiamo uno strumento autonomo di decisione ...

Hai comunque la possibilità di relazionarti con la tua assistente e chiedere maggiore umanità-

Ad ogni modo sarebbe buona norma mettere in chiaro da dove scriviamo perchè come lodiamo certe strutture di riferimento, anzi ce le consigliamo a vicenda, anche denunciare certe schifezze è un nostro dovere morale !!!!!!!!!!!


linetta
Membro
Messaggi: 1892
Iscritto il: mar 15 mag 2012, 23:41

Messaggio da linetta » mer 12 giu 2013, 13:04

Buon giorno a tutti, ciao Sole, spero che oggi vada meglio e le cose presto si definiscano diversamente.

Un caro abbraccio,

Linetta


sole
Membro
Messaggi: 47
Iscritto il: dom 9 giu 2013, 15:33

Messaggio da sole » sab 15 giu 2013, 14:13

Solo per dirvi che non sono scappata. Sto cercando di stare il più possibile assieme a mamma e che c'è l'intenzione di spostarla all'Hospice (sarebbe a pochi km da casa)
Ormai sono pessimista, vedo che viene sballottata burocraticamente. La sfiga x il sistema sanitario è che mamma continua a vivere.
Saremmo entrambe seguite dall'assistenza sociale (ordine partito dal reparto di pneumatologia) ed è l'ospedale che ha deciso di metterla lì.

E' di nuovo distrutta psicologicamente: "per te, e chi ti accompagna è meglio che io venga spostata lì, ma a me è la stessa cosa morire qui o lassù".
Lunedì l'assistente sociale va in ferie e non mi ha nemmeno programmato i passaggi (fortuna che è nato una specie di comitato solidale in paese).
Spero che mamma continui ad essere EROICA. Il tumore è stato scoperto troppo tardi o è avanzato troppo velocemente ed io non ho fatto in tempo di documentarmi di eventuali strutture e/o servizi domiciliari a pagamento. Ci sarebbe (ma per ora non la mandano a casa, aspetteranno quando è in fin di vita)uno gratuito, ma sarà pure quello una disperazione


Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”