Ricovero DIGNITOSO un'utopia

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
sole
Membro
Messaggi: 47
Iscritto il: dom 9 giu 2013, 15:33

Messaggio da sole » dom 9 giu 2013, 16:12

Con mia mamma è stato sbagliato tutto il sistema logistico (ci vorrebbe un papiro)

Ora a parte il tumore ai polmoni (adenocarcinoma a placche ad entrambi i polmoni che vogliono curare solo con le cure palliative), mi sento un'assassina, ingrata, impotente....
Possibile che da una stanza da manicomio in pneumatologia ospedaliera (è stata distrutta psicologicamente), e poi in una stanza della medicina (almeno è stata seguita adeguatamente), è stata trasferita in una lungadegenza Ospedale di comunità .... dove anche il personale ha bisogno di una badante? Non riesco a darle un ricovero (finchè Dio vorrà) DIGNITOSO.
Ieri ad esempio l'ho trovata in una stanza caldissima (appena aperta una finestra) con la coperta, il flebo finito chissà da quanto, l'ossigeno (sull'1) dimenticato a terra.... e non si parla nemmeno di tentare di rifarla camminare.... e si viene messa su una sedia a rotelle, ma con il bombolone dell'ossigeno.
Mia mamma è ancora lucidissima (ha 66 anni), si ricorda tutto e tutti i particolari (a parte il ricovero in pneumatologia che l'hanno ipersedata).

Sembra non soffrire, le somministrano con l'elastomero morfina 20mg, urbason, 20mg e Plasil della durata di 48h - so che le fanno una puntura alla pancia per la circolazione e due flebi di sali minerali.

Siamo partiti dal rifiuto totale di mangiare in pneumatologia, a scegliersi ma mangiare poco in medicina, a ... papette in questo Ospedale di comunità.
Ho l'impressione (essendo la prima volta che seguo un malato oncologico) che la stanno curando alla male peggio.

E non so nemmeno se è possibile portarla a casa con le cure palliative domiciliari.

Ho sbagliato a chiedere aiuto ai servizi sociali.
Una figlia delusissima e impotente


angiame
Membro
Messaggi: 2785
Iscritto il: lun 11 giu 2012, 21:21

Messaggio da angiame » dom 9 giu 2013, 16:32

Sole certo che puoi!

Se pensi che la mamma sia seguita male portarla a casa!

Io ho seguito la mamma giorno e notte... E con aiuto di un associazione è stata seguita da una dottoressa splendida e un infermiera eccezionale che venivano una volta al giorno per controllarla e a bisogno cambiare terapia... Forniscono tutto loro...

Sole io ti faccio un grande in bocca al lupo

e facci sapere cosa decidi per la mamma!!

Un grande stritolo

Ambra


Avatar utente
Monik
Membro
Messaggi: 720
Iscritto il: ven 2 dic 2011, 17:48
Località: Lignano Sabbiadoro (Ud) Friuli Venezia Giulia
Contatta:

Messaggio da Monik » dom 9 giu 2013, 16:41

Sole, ti prego portala via!

Ti segnalo volentieri:
Il servizio di Help-line è attivo dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 19:00
Numero verde 840 503579

Telefono fisso 06 4825107

Fax 06 42011216

Indirizzo di posta elettronica info@aimac.it
Monik


Monik

sgrausina
Membro
Messaggi: 1057
Iscritto il: lun 1 ott 2012, 22:31
Località: CAGLIARI

Messaggio da sgrausina » dom 9 giu 2013, 18:18

sole portala a casa...

meglio circondata dall'amore dei figli e con un'assistenza che viene a controllarla ( come dice su ambra ) che lasciata così al caso..e alla insuficienza di un personale scadente.
al giorno d'oggi si devono sentire ancora queste cose... al giorno d'oggi!
ti abbraccio

Gruppo Abbracciamo Un Sogno ... PERCHE' DI CANCRO SI VIVE!!!!

linetta
Membro
Messaggi: 1892
Iscritto il: mar 15 mag 2012, 23:41

Messaggio da linetta » lun 10 giu 2013, 1:16

Sole, ti ho scritto nell'altro post...comunque i pareri delle nostre amiche sono più che validi e vanno nella direzione della dignità della tua cara mamma..

Un abbraccio ancora,

Linetta


GIORNOPERGIORNO
Membro
Messaggi: 1155
Iscritto il: lun 18 ott 2010, 16:08

Messaggio da GIORNOPERGIORNO » lun 10 giu 2013, 2:35

Sole, mi accodo all'appello fatto dalle nostre amiche. La dignità nella malattia è importante. Per Lei e per il tuo ricordo. Portala a casa o in un'altra struttura.


sole
Membro
Messaggi: 47
Iscritto il: dom 9 giu 2013, 15:33

Messaggio da sole » lun 10 giu 2013, 14:54

Grazie per le risposte. Aspetto di vedere oggi come va e poi mi metto alla caccia di un posto migliore. E pensare che è lì da 6 giorni e dovrebbe starne 30.
Ho sbagliato in pieno ad affidarmi ai servizi sociali. Sapevo che lo scopo finale era per me ricoverarmi in una struttura psichiatrica.

Me lo fa pensare 3 cose:

1)Sia io che mamma siamo considerate 2 PEZZENTI

2)Con mamma c'è un atteggiamento che sembra quasi ci sia già un contratto con quelli delle pompe funebri.

Avvalorato dal fatto che si continua a non dirmi il reale stato di avanzamento del male, in modo che io non possa cercare una struttura privata a pagamento in modo che abbia un ricovero dignitoso oppure sempre a pagamento ma domiciliare.

Avevo forte aspettative nell'Ospedale di Comunità, invece è peggio di un buco nell'acqua (almeno provare a rivederla a camminare): ogni giorno una serie incredibile di disservizi, a partire dallo soffocamento dal caldo.

3) Io, a tutti i costi si vuole che io abbia un colloquio con un medico psichiatra specifico (che poi mi riempirà di psicofarmaci + antipsicotici e col cavolo potrò sia seguire mia mamma che proseguire col telelavoro)
scusatemi ho il pc che fa le bizze e mi fa entrare doppi i messaggi


sole
Membro
Messaggi: 47
Iscritto il: dom 9 giu 2013, 15:33

Messaggio da sole » lun 10 giu 2013, 14:54




sole
Membro
Messaggi: 47
Iscritto il: dom 9 giu 2013, 15:33

Messaggio da sole » lun 10 giu 2013, 16:37

Aggiornamento di questi servizi sociali:

non solo l'hanno messa a 30 km in un paesello sperduto, ma (visto che anch'io ho un problema di salute) mi hanno attivato questi orari per i passaggi ad andarla a trovare (quidi togliete 1 ora totale per il viaggio andata e ritorno)
oggi e domani dalle 14 alle 16

mercoledì e venerdi dalle 14 alle 15.30

giovedì dalle 14 alle 16
quindi non solo sto perdendo la mamma ma pure mi impediscono di vederla

ovviamente sabato e domenica devo arrangiarmi


angiame
Membro
Messaggi: 2785
Iscritto il: lun 11 giu 2012, 21:21

Messaggio da angiame » lun 10 giu 2013, 17:26

Sole ma dove sei finita?? Ma portarla via di corsa!!!

Chiedi le carte per farla uscire... E falla portare piuttosto in un hospice per malati terminali oncologici...

Oppure fai attivare servizio di assistenza medica a domicilio...

Ma come mai hai chiesto aiuto a ai servizi sociali?

E la mamma come sta?

Un bacio

Ambra


Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”