Se sei un familiare o un amico........

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
Rispondi
angiame
Membro
Messaggi: 2785
Iscritto il: lun 11 giu 2012, 21:21

Messaggio da angiame » mer 12 dic 2012, 23:00

Paolo mio Paolo... tu mi fai sempre tornare il sorriso

sai quello che rappresenti per me... sei un tesoro grande... Eheheh


angiame
Membro
Messaggi: 2785
Iscritto il: lun 11 giu 2012, 21:21

Messaggio da angiame » mer 12 dic 2012, 23:12

TROVATA
"Quando si conquista la capacità di dare non per ricevere contropartite, di controllare la presunzione e di accettare le sconfitte, di trarre un insegnamento positivo anche dagli eventi esistenziali più dolorosi, di risorgere senza cedere dopo un fallimento, allora si è a buon punto sulla strada della maturità psichica. Per realizzare tali traguardi occorre infatti un equilibrio psicologico che consenta di scegliere alcuni comportamenti ed escluderne altri, cambiando rotta se necessario, e dimostrando il coraggio di andare controcorrente, di esporsi alla critica, alla disapprovazione e, talora, all'esclusione"


GIORNOPERGIORNO
Membro
Messaggi: 1152
Iscritto il: lun 18 ott 2010, 16:08

Messaggio da GIORNOPERGIORNO » mer 12 dic 2012, 23:48

Cara AMBRA, anche per me rimane LA citazione più rilevante di Giuseppe ...


GIORNOPERGIORNO
Membro
Messaggi: 1152
Iscritto il: lun 18 ott 2010, 16:08

Messaggio da GIORNOPERGIORNO » mer 12 dic 2012, 23:50

Caro Paolo, hai, come sempre, fatto un'analisi impeccabile della natura umana.
Nostro compito è selezionare accuratamente le persone che vogliamo nella nostra vita.
Delle altre ... non saprei cosa farmene.
Mi dispisce doppiamente per il tuo amico. Per la malattia,e per il fatto che accanto si troverà un'imbecille.
Un abbraccio


sara1982
Membro
Messaggi: 91
Iscritto il: mar 2 ott 2012, 16:21

Messaggio da sara1982 » mer 12 dic 2012, 23:56

Ciao Ambra,

ho appena letto quello che ti è successo...mi dispiace tantissimo,è vergognoso quello che ti hanno detto, in questi momenti bisognerebbe essere uniti...ricordati sempre che non sei sola, hai i tuoi figli e anche tutti noi...forse prima di parlare i tuoi parenti dovrebbero entrare in questo forum per capire la serietà del sito!!!!

Un fortissimo abbraccio!!!!

Sara


angiame
Membro
Messaggi: 2785
Iscritto il: lun 11 giu 2012, 21:21

Messaggio da angiame » gio 13 dic 2012, 0:08

Sara ridi perché è quello che faccio io... non mi tocca ora... certo sto pensando al dopo... ma veramente

È un IMBECILLE ... e non ne vale la pena... no?? Penso all'altro tuo fratello... con un cuore... da invidiare... ognuno ha i suoi... li metterei tutti sul titanic... HAHAHA

Nel mio sono fortunata ho voi... loro so che non si dice ma fanno proprio schifo

Vi voglio bene tantissimo
bacio a Luca e a mamma e a papà giornopergiorno


Cri1981
Membro
Messaggi: 37
Iscritto il: sab 9 giu 2012, 19:49

Messaggio da Cri1981 » gio 13 dic 2012, 0:11

Due giorni fa, il 10/12/2012 mia madre si è spenta dopo un calvario di sei mesi. Il tumore, un glioblastoma multiforme, non le ha lasciato scampo purtroppo. Sono stato vicino a lei sempre in questo periodo, cercando di farle sentire tutto l'affetto possibile e cercando di garantirle le migliori cure, ma il male era troppo aggressivo.

Operata il primo giugno, la lesione era stata asportata completamente, tant'è che i medici mi parlavano di prognosi di un paio d'anni. Un mese e mezzo di radioterapie, durate fino a fine agosto con chemioterpia concomitante, poi altri 2 mesi di chemio a domicilio non sono servite a molto visto che a metà ottobre si evidenziava un accrescimento di 15 millimetri nella zona dove era già stata operata. A metà novembre quando la situazione sembrava stabile, nonostante la risonanza magnetica fatta a metà ottobre non lasciasse presagire nulla di buono, ecco che compaiono problemi di tipo respiratorio. Inizialmente si pensava a una bronchite, poi con il ricovero in ospedale si è evidenziata una trombosi venosa profonda agli arti inferiori con rischio di embolia polmonare. Purtroppo una diagnosi precisa non l'ho avuta, perchè risonanza e tac con mdc non erano praticabili visto che mia madre aveva grossi problemi di accesso ai vasi sanguigni sia per i farmaci assunti sia perchè probabilmente il tumore aveva già causato danni irreparabili. Il risultato è stato che mia madre dopo un paio di giorni in ospedale è peggiorata rapidamente, fino al ricovero in un hospice perchè sostanzialmente non c'era più nulla da fare. Ho passato tutto il tempo con lei negli ultimi giorni di vita e ho conosciuto persone fantastiche in hospice, persone che cercano di alleviare il dolore dei pazienti in qualunque modo. Lei ha lottato con tutte le forze fino all'ultimo, ma il male era troppo forte. Porterò sempre con me il suo ricordo, che resterà indelebile, soprattutto la sua grande cultura del lavoro è e sarà per sempre di esempio nella mia vita.

La notte prima di morire è stata per me molto forte: sono stato accanto a lei, tenendole la mano, ma sentendo il suo respiro sempre più flebile, fino a spegnersi completamente alle 4 di mattina.


angiame
Membro
Messaggi: 2785
Iscritto il: lun 11 giu 2012, 21:21

Messaggio da angiame » gio 13 dic 2012, 0:19

Cri... le sei stato accanto e lei lo sapeva... purtroppo l'unica cosa che ti posso dire è che ti capisco nei tuo dolore... ti ho risposto nell'altro post

ti stritolo

Ambra


linetta
Membro
Messaggi: 1892
Iscritto il: mar 15 mag 2012, 23:41

Messaggio da linetta » gio 13 dic 2012, 0:46

Ambretta mi spiace tantissimo ho letto solo ora perché oggi non sto bene e ho trascorso il pomeriggio a letto.

Ambretta mi spiace, sei una bella persona, puoi essere fiera del tuo amore per gli altri, la tua instancabile generosità, la tua partecipazione alle vite altrui..

Non sono cose che si imparano, o le si possiede o niente..

Tutto torna, Ambretta, anche per chi e' insensibile e fa star male gli altri.. Non ci sono sconti per nessuno, e non e' uno stupido spirito di vendetta che mi fa scrivere questo ma la semplice considerazione che l'aridità del cuore ha un prezzo spesso di solitudine, di malessere dell'anima. Anche se ora non sembra sia così..

Auguro al tuo compagno di fermarsi un attimo, di provare vergogna per quello che ha detto alla mamma delle sue bambine.

Ti abbraccio forte forte, coraggio Ambrettina mia non ti perdere d'animo.

Tua Linetta


angiame
Membro
Messaggi: 2785
Iscritto il: lun 11 giu 2012, 21:21

Messaggio da angiame » gio 13 dic 2012, 0:57

Grazie Linetta... Eheheh hai detto tutto tu.:) prima o poi il male ritorna indietro...

Io ormai sono ok peccato che fra un pò torna... spero solo oggi non apra bocca...neanche sul lavoro...

Curati Linetta hai capito... un bacione grande

ti stritolo Eheheh


 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti