Se sei un familiare o un amico........

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
Rispondi
baby72
Membro
Messaggi: 65
Iscritto il: sab 5 mag 2012, 5:05

Messaggio da baby72 » ven 22 giu 2012, 3:22

ciao a tutti... baby come sta tua mamma? ora sono in una fase post-casino... e iniziano gli incubi. L'altra notte ho sognato la morte di mia madre, la vedevo in una bara, e ha alzato il braccio di scatto e poi ha gridato...e poi più niente. Ho un senso di colpa perchè non ero con lei quando è mancata, è successo di notte, e non me la sono sentita di fermarmi in hospice...quella sera mia figlia aveva il saggio di danza e mi ha sentito dire a mio marito che nn avevo voglia di andarci e ci è rimasta male. Forse un figlio non dovrebbe "non sentirsi" di assistere la madre fino alla fine, forse mia madre mi sta facendo capire che si è sentita sola (lo so, è mancata nel sonno, ma ora ho sto senso di colpa terribile). Scusatemi, forse nn dovevo scrivere tutto questo, di certo chi sta lottando ha problemi e preoccupazioni ben + gravi delle mie... Un abbraccio forte a tutti


linetta
Membro
Messaggi: 1892
Iscritto il: mar 15 mag 2012, 23:41

Messaggio da linetta » sab 23 giu 2012, 14:02

Ciao Baby72,

Ho letto il tuo scritto e anche io mi rammarico di non esserci stata quando Dani e' andato via. E' accaduto mentre ero al lavoro, di pomeriggio. La notte precedente era stata la prima notte tranquilla, finalmente erano riusciti a farlo dormire un po' .. Sembrava fosse un altro giorno scandito dal lavoro e dall'andare in ospedale, un giorno che era riuscito a farsi beffe delle previsioni infauste dei giorni precedenti... Invece nessuno sconto, solo la mia ingenua illusione e basta. Molte volte ho rimpianto di non esserci stata, di non essere passata comunque il mattino presto anche solo per un secondo. Forse per lui non sarebbe cambiato nulla, anzi sicuramente e' così. Dormiva in un sonno molto profondo ormai. Un sonno finalmente giusto e protettivo.

Dovrei non essere egoista e pensare che solo questo conta, che alla fine abbia avuto una tregua. Pero' a tradimento spesso prevale quel pensiero.. Se fossi stata li' sarebbe stato diverso, sarebbe stato come chiudere un cerchio dando ad ognuno qualcosa: a lui finalmente la pace ed a me un commiato.

Chi lo sa se alla fine davvero sarebbe bastato.

Chi ha buone parole da offrire, direbbe che bastano le cose fatte prima, la vicinanza data.. A noi pero' manca quel pezzetto ti capisco bene.

Un abbraccio, Linetta


Daniele
Membro
Messaggi: 7
Iscritto il: ven 4 mag 2012, 16:34

Messaggio da Daniele » sab 23 giu 2012, 20:40

ciao Linetta ciao baby72... non so che dirvi.. io a differenza vostra ero li' con mia madre a tenerle la mano mentre si addormentava per sempre... ma vi giuro che sono state le 14 ore piu' lunghe e piu' dolorose della mia vita... ho pregato per tutto il tempo perche' il signore mettesse fine a quel calvario.. a volte anche maledicendolo perche' non mi ascoltava e non metteva fine a quella assurda agonia.... sinceramente non so' se sia stato meglio o no assistere tutto questo il tempo forse mi dara' una risposta.... l'ho fatto perche' il cuore mi diceva di farlo... un abbraccio ad entrambe e a tutti quelli che stanno lottando in questo momento.


luglio 64
Membro
Messaggi: 43
Iscritto il: gio 21 giu 2012, 1:54

Messaggio da luglio 64 » sab 23 giu 2012, 23:38

Le ultime ore dei malati oncologici sono strazianti. Qualche volta la sedazione aiuta ma spesso il male è talmente devastante da non dare tregua. Io dal momento in cui l'ultima TAC hs evidenziato una situazione senza speranze non ho più lasciato un attimo mio marito anzi dopo il ricovere quando è tornato a casa avevo quasi paura di assentarmi per timore che gli succedesse qualcosa tanto lo vedevo debole. Quando ormai non aveva più forse ha deciso spontaneamente di tornare in clinica anche se io avrei voluto tenerlo ancora in casa dandogli tutte le cure e l'assistenza di cui aveva bisogno ms ad un certo punto ha capito che non ce la faceva più non riusciva quasi più a mangiare era disidratato debolissimo solo la testa la ragione non aveva subito nessun danno ed infatti la pena era proprio la sua consapevolezza che la vita gli sfuggiva eppure non ha mai fatto parola non si è mai lamentato. E' tornato in clinica e la morte è arrivata nel giro di 48 ore senza che io mi rendessi conto che era arrivata la fine. Gli sono stata accanto fino alla fine e oltre egoisticamente ho pregato Dio che me lo lasciasse perchè il vuoto è incolmabile. Lo so che è assurdo e molto egoista ma io lo avrei voluto accanto anche se non fosse stato più autosufficiente mi sarei presa cura di lui era tutto per me. Io credo che oggi se non fossi stata sempre con lui starei ancora peggio di come sto perchè mi sentirei in colpa come mi sento in colpa di non essere rimasta in clinica la notte precedente e di avergli dato retta quando mi ha detto di tornare a casa dalle nostre figlie ecco anche di quello mi rimprovero perchè sarebbero state altre ore con lui.


linetta
Membro
Messaggi: 1892
Iscritto il: mar 15 mag 2012, 23:41

Messaggio da linetta » dom 24 giu 2012, 4:01

Luglio 64,

è proprio così...ore sottratte da stare assieme..anche se la qualità di quelle ore era pessima..Le tue parole mi fanno riflettere, ma in quei momenti si fa il conto anche con una sorta di strana autodifesa o è paura non so, semplice negazione...Adesso è completamente inutile, so solo che avrei voluto esserci, come ho spiegato prima, e capisco pienamente Baby72.

Nessuno può dire cosa sia giusto, non sempre è una scelta cosciente in quel momento. Intervengono tanti fattori, che fanno andare poi le cose in un verso. Quello che resta è un grande dolore fondamentalmente perchè lui non c'è più, perchè non può godere più di nulla, fare progetti, sperare in qualcosa, arrabbiarsi, anche annoiarsi e sbuffare..Aveva 28 anni ed era davvero un bambino che ancora doveva fare tante cose. Ne aveva il diritto.

Comunque, Luglio64, hai fatto bene a stare con lui, è un bene anche per te e magari non è una consolazione comunque, adesso. Però quelle ore le hai trascorse con lui e saranno tue per sempre, anzi vostre..

Un caro e grande abbraccio.

Linetta


Lumachina 78
Membro
Messaggi: 52
Iscritto il: lun 25 giu 2012, 15:35

Messaggio da Lumachina 78 » lun 25 giu 2012, 16:01

Ciao a tutti mi sono appena iscritta e leggere Le vostre parole mi ha fatto sentire meno sola, la mia vita era una vita felice una bimba di un anno e mezzo un marito fantastico dei genitori che adoro..poi 10g qiorni fa una notizia terribile. Mia madre , donna forte e sana, ha un tumore ed anche allo stadio avanzato con metastasi..siamo rimasti scioccati..ancora non ci credo. E il bello che ancora non sanno quale sia la causa di questo carcinosi peritoneale..e quindi il tempo passa e lei non inizia nessuna cura..poi incontri medici insensibili che trattano tua madre come un numero...

E la tua disperazione aumenta, l'unica cosa che mi aiuta e' la fede, prego tanto e spero che qualcuno da lassu mi aiuti.

Grazie per avermi ascoltata


mariasole
Membro
Messaggi: 82
Iscritto il: sab 23 apr 2011, 20:58

Messaggio da mariasole » mar 26 giu 2012, 2:22

....io mi ero assentata un'oretta dall'ospedale avevo fatto la notte...e proprio in quel momento lui è andato via....ma c'era sua mamma...forse era giusto così!!!

Ps. Linetta ti ho scritto in privato!


baby72
Membro
Messaggi: 65
Iscritto il: sab 5 mag 2012, 5:05

Messaggio da baby72 » mar 26 giu 2012, 3:41

@Lumachina78 la mia storia se hai letto un po' con mia madre è stata molto "rapida", però mi sento di dirti di non cercare le cause, le cause tante volte in questa malattia non ce ne sono, impazzisci se pensi di trovare un motivo, succedono... e non possiamo fare altro che prenderne atto dolorosamente e lottare. Non perdere tempo, rivolgiti altrove se necessario, ma non perdere tempo prezioso.

@Mariasole... non ti ho mai scritto ma ti ho letta, e mi dispiace tanto sai, mi dai l'idea di essere una donna forte, e magari tu stai pensando " per forza, mi tocca essere forte". Forse hai ragione tu, forse era giusto così, che ci fosse sua mamma in quel momento...

Un abbraccio


linetta
Membro
Messaggi: 1892
Iscritto il: mar 15 mag 2012, 23:41

Messaggio da linetta » mar 26 giu 2012, 4:18

Lumachina78,

Ti ho letto oggi quando non potevo scrivere, lo faccio ora.

Ha ragione Baby 72, se cerchi una ragione impazzisci perché una ragione proprio non c'è.

Essere malati e trattati con umanità e' fondamentale, bisogna pretenderlo se possibile. Questo si.

Mi associo all'abbraccio di tutte questa sera.

Scrivi presto serve davvero, sai.


Baby
Membro
Messaggi: 334
Iscritto il: mar 8 mag 2012, 21:28

Messaggio da Baby » mar 26 giu 2012, 14:35

ciao baby72,

mi mamma va a giorni...ci sono giornate che sta abbastanza bene ed altre come ieri sera che il dolore alla spalla la distrugge ed i medici dicono che è la radio teparapia che continua a lavorare...non so se sia vero o no!

Tesoro leggendo il tuo posto ti ho immaginata e mi sono commossa...non ci sono parole giuste per queste situazioni; ti voglio solo dire che i sensi di colpa purtroppo accompagnano ognugno di noi perchè pretendiamo di essere perfetti...non ti sentire in colpa non lo meriti, come era destino che la tua mamma si ammalasse è stato destino che tu non fossi lì quando è mancata e soprattutto è importante, secondo me, che tu fossi al saggio di danza di tua figlia che è il tuo futuro e che, nonostante la dolorosa situazione che stai attravesando, ha il diritto di avere vicina la sua mamma!

Ti abbraccio forte e scusami se ho scritto parole scontate!

Ciao

Barbara


 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”