Se sei un familiare o un amico........

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
Rispondi
vale2016
Membro
Messaggi: 85
Iscritto il: dom 29 mag 2016, 8:56

Re: Se sei un familiare o un amico........

Messaggio da vale2016 » lun 22 ago 2016, 13:34

Coccolecuccioli ha scritto:Anche ma non solo gli è venuta una prostatite acuta ma non risalgono
Accidenti. :roll:
Fagli sentire la tua presenza come sicuramente gia fai.

Un abbraccio

concyperla
Membro
Messaggi: 57
Iscritto il: mar 9 ago 2016, 8:24

Re: Se sei un familiare o un amico........

Messaggio da concyperla » mer 24 ago 2016, 5:19

Buonasera ragazze anzi forse potrei dire buongiorno data l ora.....sono in hospice con papà e x fare da supporto anche un po a mia madre...ormai è una settimana che stiamo qui...e andiamo solo a peggiorare. .. non so neanche cosa scrivere se non che mio padre sta soffrendo e vederlo così mi distrugge....che brutta cosa.... maledetto mostro....

veronicaf
Membro
Messaggi: 396
Iscritto il: gio 19 giu 2014, 19:19

Re: Se sei un familiare o un amico........

Messaggio da veronicaf » mer 24 ago 2016, 11:42

Ciao concyperla. Un anno fa anch'io facevo le notti a papà come te. Scrivere su questo forum mi ha aiutato tanto perché sapevo di non essere sola. Vedrai che in hospice riusciranno ad alleviare i dolori del tuo papà. Il mio papà c'è stato pochi giorni ed è morto senza sofferenza. Ti abbraccio.
Quando curi una malattia puoi vincere o perdere. Quando ti prendi cura di una persona vinci sempre.

concyperla
Membro
Messaggi: 57
Iscritto il: mar 9 ago 2016, 8:24

Re: Se sei un familiare o un amico........

Messaggio da concyperla » mer 24 ago 2016, 11:46

Il mio papà sta qui da meno di una settimana....e ti devo dire che sta iniziando a soffrire un po solo negli ultimi due giorni.mi sento male solo xke nn doveva accadere ..tutto qui....:(

Avatar utente
DALGE
Membro
Messaggi: 68
Iscritto il: mar 19 lug 2016, 10:44

Re: Se sei un familiare o un amico........

Messaggio da DALGE » mer 24 ago 2016, 14:25

Appunto!
Sono maledette malattie che non dovrebbero esistere!!!
A cosa serve dilaniare un padre di famiglia e distruggere il resto della famiglia??

I nostri papà non meritavano questo!
Nessuno al mondo lo merita!

Mi rivolgo ai credenti: ma che senso ha??

Erica
NeVeR GiVe Up!!!

concyperla
Membro
Messaggi: 57
Iscritto il: mar 9 ago 2016, 8:24

Re: Se sei un familiare o un amico........

Messaggio da concyperla » mer 24 ago 2016, 14:48

Non ha senso sicuramente....ma se credi in qualcuno credi anche che lui starà meglio in quel posto dove andrà....niente di più....

Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 2040
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Re: Se sei un familiare o un amico........

Messaggio da Franco953 » mer 24 ago 2016, 17:28

Dalge qual'è il senso della tua domanda ?
Se tuo padre soffre è colpa di un essere superiore che decide la vita o la morte di tutti noi ?

Franco
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”

Solotu
Membro
Messaggi: 385
Iscritto il: sab 19 mar 2016, 21:44

Re: Se sei un familiare o un amico........

Messaggio da Solotu » mer 24 ago 2016, 21:10

Ciao Dalge, purtroppo io credo che ognuno di noi ha il suo destino e non esiste nessun Dio che possa sottrarci al nostro destino, non esiste alcun disegno divino, almeno secondo me. Il fatto è che ci vuole tanta fortuna da quando nasci fino alla fine. Noi umani siamo troppo fragili per accettare la crudeltà della vita e allora per disperazione ci aggrappiamo ad una fiaba ad un illusione, all'esistenza di un essere superiore. Se ci va bene diciamo che è stato un miracolo di Dio se veniamo colpiti tragicamente il nostro Dio ne esce sempre innocente. Cmq perdona Franco queste mie parole. So che tu sei molto credente e ti rispetto, non prendertela ma questa è solo la mia opinione. Qual'è il senso della vita per me? È quello che facciamo nel nostro breve o lungo percorso, l'amore che riceviamo e che doniamo, il rispetto, la dignità e gli insegnamenti che riceviamo e che lasciamo
La sofferenza imbarazza coloro che hanno la fortuna di non conoscerla e condiziona la vita di chi deve affrontarla

framila
Membro
Messaggi: 52
Iscritto il: lun 15 ago 2016, 20:50

Re: Se sei un familiare o un amico........

Messaggio da framila » mer 24 ago 2016, 21:22

Credo anch'io sia così. ..non vedo colpa di qualcuno che disegna una storia per ciascuno di noi nel male come non credo che qualcuno/qualcosa possa intervenire e salvarci dal mal stesso.
È terribilmente triste e difficile non credere perché non vi è nulla che lenisca il dolore di una perdita tragica o il male fisico atroce...
Io non sono credente, non lo sono mai stata ma ciò non vuole dire che non abbia una mia spiritualità. Rispetto ogni tradizione religiosa tuttavia mi considero neutra in questo senso...
Siamo esseri viventi e come tali purtroppo soggetti alla malattia.
Sarebbe fantastica una realtà dove ciò non accade.

Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 2040
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Re: Se sei un familiare o un amico........

Messaggio da Franco953 » mer 24 ago 2016, 21:37

Cara Solutu
ognuno ha le sue convinzioni e ciò che conta è trovare un proprio equilibrio, la propria serenità
E' difficile ed è complesso. Nessuno ha in tasca la verità, Sarebbe troppo presuntuoso pretendere di essere nel vero e considerare tutti gli altri che la pensano diversamente, in errore.
Credo solo, a prescindere che ci sia oppure no un dio, che l'uomo ,come sempre, deve trovare un " capro espiatorio" da incolpare per i suoi errori e i suoi disastri.
Ci sono persone che sono state credenti ed hanno perso la fede perchè hanno visto soffrire e morire un proprio caro
Questo perchè il ragionamento è sempre il solito: se mi viene un cancro la colpa non è dell'uomo che ha inquinato questa terra con sostanze cancerogene di tutti i tipi, ma è di un essere superiore che non mi ha protetto. Nascono così i soliti "perchè". Perchè proprio a me ?
Questi sono i ragionamenti che non condivido
Così, se un nostro caro ci lascia, ad esempio per un tumore ai polmoni che ha preso perchè fumava 50 sigarette al giorno, la colpa è sempre dell'essere superiore che , nonostante le preghiere, non l'ha guarito.
Preghiere che , se veramente siamo credenti, dovremmo fare , sempre anche nei giorni/periodi in cui siamo felici per ringraziarlo della situazione in cui ci troviamo. Ma sovente ci ricordiamo di lui solo quando stiamo male
Così, per chi si professa credente, il rapporto con Dio diventa semplicemente uno scambio di merce: " Io credo in te se esaudisci ciò che ti chiedo, altrimenti sono pronto anche a rinnegarti".
Allora, a mio avviso, è 100/1000 volte meglio essere atei, o credere in qualcosa d'altro.
E poi, comunque, ..... anche se prego il Signore perchè mi possa aiutare , mi chiedo sempre quale priorità possa avere la mia esigenza rispetto alle centinaia di bambini che muoiono in Africa per delle malattie che qui da noi vengono curate con una semplice pastiglia.

Un abbraccio affettuoso

Franco
Ultima modifica di Franco953 il mer 24 ago 2016, 21:55, modificato 1 volta in totale.
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”

 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”